(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Corsi in palestra: quale scegliere?

data di redazione: 09 Febbraio 2015
Corsi in palestra: quale scegliere?

Come orientarsi tra le proposte della tua palestra

Ormai hai deciso: vuoi iscriverti in palestra per uscire dal tunnel della sedentarietà; avete già scelto la palestra ma la scelta tra le proposte è una lista lunga, e voi volete impiegare il vostro tempo nel migliore dei modi.

  • Quali lezioni è opportuno seguire?
  • È bene fare sempre la stessa lezione o cambiarla ogni volta?

Tra gli impegni quotidiani, famiglia, bambini e lavoro di solito non si ha mai molto tempo da dedicare all’attività fisica, spesso si hanno a disposizione soltanto alcuni giorni e alcuni orari con il rischio di effettuare un programma incompleto e ripetitivo basato sempre sullo stesso tipo di allenamento.

Solitamente si sceglie quello che piace di più, ma a volte non è la scelta giusta per ottimizzare il vostro tempo e le vostre energie.

I tre punti fondamentali dell'allenamento

Bisogna perciò conciliare le proprie esigenze con un lavoro corretto che realizzi un effettivo miglioramento della propria efficienza fisica, non solo a breve ma anche a lungo termine, attraverso la scelta di lezioni che rendano l’allenamento

  1. completo
  2. vario
  3. motivante.

Una corretta, razionale e completa attività fisica va concepita in riferimento, oltre che a una singola lezione, anche a un programma di lavoro ben articolato che ne comprenda gli aspetti fondamentali:

  1. resistenza
  2. forza
  3. flessibilità.

 

In primo luogo ti dovresti orientare verso un’attività che sia adatta al tuo stato di salute e al tuo grado di forma fisica e in secondo luogo si dovrebbe scegliere l’attività più gradita, in base alle proprie capacità, agli obiettivi da raggiungere, al tempo a disposizione e ad altri fattori di vario genere.

Insomma: deve essere alla tua portata e ti deve piacere!

 

Le palestre propongono numerose attività: per orientarsi al meglio e trarre il massimo beneficio in termini di tempo e risultati, occorre conoscere le diverse tipologie di lezione, il livello di difficoltà, l’entità del lavoro da svolgere e gli obiettivi dell’allenamento. Si può scegliere fra lezioni che abbiano alcuni obiettivi allenanti prevalenti rispetto ad altri o misti.

 

Prima di tutto equilibrio tra i vari tipi di allenamento

L’importante è mantenere durante la settimana un equilibrio di lavoro fra l’allenamento cardiovascolare (almeno tre) e l’allenamento di forza (almeno due).

L’allenamento sulla flessibilità potrebbe essere integrato attraverso lezioni di stretching effettuate dopo gli allenamenti a scelta almeno due volte a settimana.

La lezione quindi deve essere:

  • piacevole
  • allenante
  • semplice a livello motorio.

 

Può essere utile variare  il tipo di lezione per creare sempre sempre nuovi adattamenti.

In alcune lezioni è abbastanza semplice identificare le finalità del lavoro, in altre, invece nelle quali i contenuti assemblano nella stessa seduta varie tecniche (danza, yoga, arti marziali), il compito, alterna esercizi e tecniche di respirazione yoga e esercizi di ginnastica dinamica, svolti in sequenze coreografiche).

Le stesse tipologie di lezione possono presentare nomi diversi a seconda della palestra o dell’istruttore.

Quindi per rendersi conto di cosa realmente si tratti è più importante fare riferimento ai contenuti, cioè:

  • obiettivi della seduta
  • tempi
  • intensità
  • forma esecutiva.

 

Qui sotto elenchiamo alcuni esempi di proposte di corsi che potresti trovare nella tua palestra divisi per categoria

 

 

ALLENAMENTO CARDIOVASCOLARE

Ginnastica aerobica (ginnastica a ritmo di musica)

Gym music

Step training (allenamenti con gli step)

Spinning

Interval training (lavoro a fasi alternate con diverse intensità)

Aeroboxe (simile all’aerobica ma con contenuti tecnici derivati dal puglilato)

NIA (Neuromuscolar Integrative Action)

ALLENAMENTO MUSCOLARE

Tone up, power tone, body sculpture, body workout (lavoro svolto con piccoli attrezzi total body)

Gag (gambe addominali e glutei)

Pump (lavoro con bilanciere)

ALLENAMENTO MISTO

Total body conditioning (varie tecniche di allenamento cardio e muscolare)

Circuit training (allenamenti vari a circuito)

 

 

 

Se siete incerti nella scelta potete sempre scegliere sedute di sala pesi, lezioni tradizionali di “ginnastica a corpo libero”, lezioni di ballo, ginnastica dolce.

L’importante è che l’allenamento sia completo.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Il Mio Allenamento Outdoor
15 Aprile 2016

Il Mio Allenamento Outdoor

Perchè Effettuare Attività Fisica all'Aperto e Come Portare le proprie attività dalla Palestra al Parco

Sappiate che al parco con qualche accorgimento e consiglio tecnico è possibile effettuare bodybuilding, crossfit, cardiofitness, boxe, mma, arti marziali adibite alla difesa personale come il wing fight o il krav maga, in un modo fantastico, divertente e soprattutto efficace.

Allenamento per Pettorali Femminili
01 Ottobre 2014

Allenamento per Pettorali Femminili

allenamento per le donne

Si trova posto anteriormente sul torace, ai lati della linea mediana, localizzate tra il terzo e il sesto spazio intercostale. La mammella è dunque un organo pari, cioè composto da due corpi simmetrici i cui componenti sono la cute, la ghiandola mammaria ed il tessuto connettivo adiposo.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.