(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Effetti Dell’allenamento Sulla Respirazione Spiegata In Modo Semplice

data di redazione: 16 Dicembre 2017 - data modifica: 17 Dicembre 2017
Effetti Dell’allenamento Sulla Respirazione Spiegata In Modo Semplice

Quale cambiamento produce il nostro allenamento sulla respirazione?

Cerchiamo di vedere come il movimento e l'allenamento possono produrre cambiamenti nel nostro corpo.
Come spesso si dice, il nostro corpo è una macchina meravigliosa, che

  • si trasforma
  • cresce
  • si potenzia

grazie alle attività cui lo sottoponiamo.

E importante comunque sottolineare che, perché si possano ottenere risultati positivi, l'attività motoria deve tendere ad un giusto obiettivo ed essere ben dosata, né troppo limitata né eccessiva.
Ora descriveremo come gli effetti del movimento influenzano la respirazione, una funzione vitale del nostro organismo molto ma molto importante.


Effetti dell’allenamento sulla respirazione
Il compito dell'apparato respiratorio, come ben sapete, consiste fondamentalmente nel rifornire di ossigeno l'organismo e nell'eliminare l'anidride carbonica.
L’apparato respiratorio si apre all’esterno con la bocca e le narici, continua con la faringe, la laringe e la trachea che, all'entrata nei polmoni, si ramifica nei due bronchi: questi, a loro volta, si sdoppiano in molte ramificazioni, i bronchioli, che terminano nei lobuli polmonari, negli alveoli e nelle vescicole.

LEGGI ANCHE: COME AUMENTARE IL FIATO NEL COMBATTIMENTO

Qui si verifica lo scambio di che muta il sangue venoso, ricco di anidride carbonica, in sangue arterioso ricco di ossigeno.
È bene ricordarsi che la respirazione non termina a livelle polmonare, infatti l'ossigeno “fissato” e trasportato dal sangue, deve arrivare ai tessuti di tutto il nostro corpo per garantirne il nutrimento e il funzionamento.

La respirazione risente moltissimo 'influenza del movimento.
Chissà quante volte ti è capitato di constatare di persona questa verità: impegnato in un’attività intensa, ti sei fatto venire il cosiddetto fiatone, che altro non è se non un'aumentata ventilazione polmonare.
Infatti quando si fa un esercizio fisico, si consuma molto ossigeno, perciò è necessario respirare di più.
Con l'allenamento si possono ottenere i seguenti vantaggi a livello respiratorio:


Riduzione del tempo di recupero
Il soggetto allenato impiega minor tempo per tornare alla respirazione normale dopo lo sforzo.

LEGGI ANCHE: RESPIRAZIONE ANAEROBICA
Minor aumento della frequenza respiratoria
Il soggetto allenato, a parità di lavoro, ha una frequenza respiratoria più bassa rispetto al sedentario (il numero degli atti respiratori al minuto, a riposo, è in media 12-16).


Aumento della capacità vitale
La capacità vitale è la quantità d'aria, misurata in litri con lo spirometro, che si riesce a soffiare con una espirazione forzata, dopo aver fatto una massima inspirazione.

Lo sportivo ha una capacità vitale superiore a quella del sedentario, ciò è dimostrato dalle statistiche e dipende principalmente da una migliorata mobilita della gabbia toracica e da un sistema muscolare respiratorio divenuto più potente grazie all'esercizio fisico, i valori della capacità vitale per degli adolescenti  oscillano dai 2 ai 3,5 litri, un adulto attorno ai 4,5 litri in media.


Aumento del tempo di apnea
Anche il tempo di apnea o sospensione volontaria della respirazione (importante per il nuoto subacqueo e le immersioni) aumenta nel soggetto allenato.

È da considerarsi un buon tempo di apnea quello vicino al minuto (verificato a secco).

LEGGI ANCHE: ARTI MARZIALI E RESPIRAZIONE


Potenziamento della meccanica respiratoria
I muscoli respiratori e in particolar modo il diaframma, con l'esercizio motorio aumentano la loro potenza e l'efficienza dei loro movimenti

La stessa struttura del polmone si modifica in meglio come risultato dell'allenamento.


Dopotutto siamo fatti per muoverci, allenatevi con moderazione, e come diciamo sempre avrete una vita migliore.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Brain Walking: un nuovo sport per allenamento di corpo e mente
01 Ottobre 2014

Brain Walking: un nuovo sport per allenamento di corpo e mente

Camminare e meditare, fare un esercizio fisico completo ed allo stesso tempo ritrovarsi spiritualmente, è proprio vero che mente e corpo vanno in tandem ma mai come fare Brain Walking. Il famoso istruttore di nordic walking e orienteering Pino Dellasega ha unito il famoso sport scandinavo Nordic Walking con il brain storming, tecnica di creatività di gruppo utilizzata per far emergere nuove idee. Si tratta di una camminata lenta, dolce e ritmica dove è coinvolto tutto il corpo perchè utilizzando i bastoncini falcando a testa alta permette di distriubuire il carico del corpo anche sulle braccia coinvolgendo totalmente il fisico scaricando in parte il carico a ginocchia e caviglie. La lunghezza del passo è ritmata dall'oscillazione più o meno ampia delle braccia. Inutile dire che coinvolgendo in questo modo il 90% dei muscoli per un periodo più o meno lungo ne beneficia anche l'apparato cardio-vascolare e tutto il relativo sistema muscolo scheletrico

Zuu Workout
17 Marzo 2016

Zuu Workout

Scopri la tua bestia interiore con un nuovo allenamento alternativo

Allenamento della forza, potenziamento cardiovascolare unito a mobilità articolare, in un’unica parola: Zuu Workout!

Ultimi post pubblicati

Grande Pettorale
15 Ottobre 2018

Grande Pettorale

Origine, inserzione ed Azione

Il grande pettorale unitamente al muscolo piccolo pettorale, al muscolo succlavio e al muscolo dentato anteriore, costituisce i muscoli toracoappendicolari (muscoli estrinseci del torace).

WHOODCHOPPER CON 1 MANUBRIO
15 Ottobre 2018

WHOODCHOPPER CON 1 MANUBRIO

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.