Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Ginnastica in Acqua

data di redazione: 31 Marzo 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
La Ginnastica in Acqua

Quali sono i benefici di questo tipo di attività e a chi è consigliata

La ginnastica in acqua, che in questi ultimi anni sta godendo di grande diffusione, nasce in principio con finalità riabilitative, come terapia di recupero dopo traumi di una certa importanza sia a livello meccanico (propri dell'apparato musclo-scheletrico) che neuromotorio (con interessamento della componente neurologica).

 

Visti i suoi numerosi benefici sono stati organizzati programmi di lavoro più articolati da proporre a un pubblico con caratteristiche fisiche e motorie non compromesse per finalità allenanti di tipo generale.

Inizialmente la ginnastica in acqua ha trovato un largo riscontro nei villaggi turistici (come attività di gruppo divertente e socialmente aggregante), poi nei centri sportivi come alternativa alle tradizionali lezioni. Al momento, le lezioni di ginnastica in acqua sono molto richieste, tanto che gli operatori del settore hanno sentito la necessità di creare delle valide alternative tecniche alla prima forma di ginnastica in acqua: l'acquagym.

Ma al di là della moda, vale la pena domandarsi perché la ginnastica in acqua (proposta come allenamento finalizzato al miglioramento dell'efficienza fisica) stia avendo tutto questo successo e se davvero sia così efficace. Vediamo quali sono le principali caratteristiche di questo allenamento:

  • immergersi in un ambiente acquatico favorisce il rilassamento e la distensione muscolare, i movimenti effettuati in assenza di gravità sono più lenti e più dolci;
  • poiché in acqua si perdono i punti di riferimentio fissi, prpopri dell'appoggio al suolo, c'è una costante ricerca dell'equilibrio e della stabilità del corpo e si ha la necessità, per rimanere in posizione verticale, di rielaborare continuamente un diverso assetto posturale con un grande lavoro di riorganizzazione percettiva;
  • l'acqua riduce gli effetti della fatica attraverso l'eliminazione del carico gravitazionale sulle articolazioni che, non sottoposte a sollecitazioni meccaniche di alcun tipo, sono in grado di aumentare la capacità di escuzione articolare migliorando l'ampiezza dei movimenti;

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • il lavoro di rinforzo muscolare si realizza facilmente per la caratteristica dell'ambiente stesso: poiché presenta una densità maggiore dell'aria, l'acqua diventa "attrezzo" creando resistenze di varia intensità in base all'utilizzazione dei segmenti corporei nelle diverse posizioni e nei diversi movimenti;
  • come per tutte le tecniche di lavoro che utilizzano il corpo immerso in verticale, il giovamento sul sistema circolatorio periferico e linfatico è notevole: grazie alla spinta di galleggiamento orientata dall'alto verso il basso e ai vortici dell'acqua che si creano nei diversi movimenti si produce un'azione di massaggio sugli arti inferiori che migliora il reflusso dei liquidi.

 

Quasi tutte le tipologie di lezione sono svolte a tempo di musica per dare continuità, intensità e ritmo esecutivo ai movimenti (interessando, quindi, anche la componente cardiovascolare) e per rendere il lavoro più motivante e coinvolgente.

 

In generale una lezione di ginnastica in acqua può essere consigliata a tutti e in particolare a coloro che hanno la necessità di svolgere un programma di ricondizionamento fisico non particolarmente aggressivo e possibilmente "protettivo" dal punto di vista psicologico (persone in sovrappeso, donne in gravidanza, anziani, ecc.).

 

L'ambiente acquatico, infatti, presenta anche il pregio di "nascondere" eventuali difetti sia fisici che tecnici (esecuzioni maldestre e imprecise) che rappresentano molto spesso una delle cause di allontanamento dalle lezioni di gruppo proposte in palestra. Le tecniche di lavoro in acqua sono in continua evoluzione: alcune presentano i contenuti allenanti tipici delle attività legate al miglioramento della fitness cardiocircolatoria, respiratoria e muscolare, altre (come quelle derivate dalle discipline orientali) hanno un notevole effetto psicologico con un considerevole rilassamento del sistema nervoso.

 

                                                        TECNICHE DI LAVORO IN ACQUA

 

ATTIVITA' DI FITNESS TECNICHE DI RILASSAMENTO
ACQUAGYM:ginnastica in acqua WATSU:shiatsu
ACQUASTEP:allenamento sullo step WAI-CHI:tai-chi-chuan
ACQUAEROBIC:ginnastica aerobica ACQUARELAX:rilassamento corporeo
ACQUARUNNING:corsa  
ACQUABIKE:bicicletta  
WATER TONE:esercizi di rinforzo muscolare  
ACQUAWALKING:camminare  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come vedete dalla tabella qui sopra la scelta è varia: scegli e...

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenamento all'aperto OUTDOOR WORKOUT
02 Ottobre 2014

Allenamento all'aperto OUTDOOR WORKOUT

Non tutti hanno la possibilità di andare in palestra in quanto molte sono ancora chiuse e quindi l'unica opzione disponibile è quella di fare un bel workout all'aria aperta. Freddo , non freddo , nebbia non nebbia , indossiamo una tuta pesante , k way per l umidità , berretta di lana in testa , Mp 3 con musica al top e andiamo fuori a fare un bel workout outdoor. 

Esercizi addominali alla sbarra
21 Novembre 2014

Esercizi addominali alla sbarra

Pancia piatta anche per chi soffre di mal di schiena

Ci sono dei semplici esercizi che possiamo fare alla fine dei nostri allenamenti e che se adottati correttamente e con una certa costanza sono un toccasana per la nostra schiena.

Ultimi post pubblicati

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.