ABC Allenamento
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento al Power Rack

data di redazione: 08 Aprile 2014 - data modifica: 15 Marzo 2019
Allenamento al Power Rack

Allenamento al Power Rack

Il power rack è uno dei primi attrezzi nati per le palestre di body building  ed è  la struttura  nella quale è possibile eseguire decine e decine di esercizi in tutta sicurezza come: 

  • squat
  • stacco da terra
  • lento
  • rematore
  • trazioni
  • panca piana
  • panca inclinata

Possiede proprietà anaboliche quasi magiche. 

Può trasformare un essere umano debole in un atleta enorme e con una massa muscolare mostruosa , motivo per il quale nel mondo della forza, sudore e ferro è spesso chiamato "la gabbia".

 

 


La struttura del power rack è alquanto ingannevole per la sua semplicità: pare una capanna senza pareti con una base quadrata o leggermente rettangolare, quattro montanti di sostegno, uno ad ogni angolo, e alcuni pali di supporto in cima. Due dei montanti presentano corti perni regolabili che reggono il bilanciere. 

Li si sposta a differenti altezze per fare di tutto dallo squat alla panca piana alle distensioni sopra la testa dentro la gabbia. 

Ci sono pure due perni lunghi, ciascuno che passa da un supporto frontale ad uno posteriore, che "fermano" il bilanciere nel caso non ce la facciate durante lo squat o la distensione su panca piana; li potete usare come una base da cui fare partire il sollevamento di un bilanciere carico per delle ripetizioni parziali pesanti, come i lockout alla panca piana (panca con partenza da fermo dal basso).  

Potete anche regolare i perni più lunghi e i fori corrispondenti dovrebbero essere numerati in modo che possiate conoscere l'esatta altezza a cui avete sollevato o disteso durante l'ultima bestiale sessione. 

I perni lunghi vi permetteranno di eseguire Squat e panca piana con bilanciere in tutta sicurezza senza l’ausilio dello spotter in quanto in caso di crollo fisico i perni lunghi vi salveranno, basterà solo mollare il  bilanciere. 

Un sessione in total body al power rack potrebbe essere : 

  • Squat
  • Stacchi a gambe tese
  • Calf raise
  • Panca piana
  • Panca inclinata
  • Trazioni alla barra alta
  • Rematore con busto a 90°
  • Distensioni da seduto
  • Trazioni al mento
  • Distensioni su panca con presa stretta
  • Curl con bilanciere

Eseguite 2 serie da 8 ripetizioni per ciascuno esercizio e avrete allenato tutto il corpo in un modo magnifico.             



Potrebbe interessarti anche

Aumento Della Massa Muscolare Con Le Bande Elastiche
10 Agosto 2020

Aumento Della Massa Muscolare Con Le Bande Elastiche

ABC Allenamento sostiene da anni che per aumentare la massa muscolare, è necessario allenarsi a 360° con esercizi, attrezzature e modalità diverse. Bilancieri, manubri, cavi, macchine, kettlebell, funi, sbarre e anche bande elastiche. Sì bande elastiche!

Bilanciere Olimpionico Vs Bilanciere Tradizionale
25 Novembre 2018

Bilanciere Olimpionico Vs Bilanciere Tradizionale

Con l'avvento del Crossfit e Functional training abbiamo sempre più palestre che hanno questi bilancieri a disposizione, la domanda è questa: sono utili anche per il bodybuilding?

Ultimi post pubblicati

Scheda Di Allenamento Push Pull Leg Da Casa
18 Gennaio 2021

Scheda Di Allenamento Push Pull Leg Da Casa

Aumenta la massa muscolare a casa con questo programma

La premessa di un set gigante è che eseguirai quattro o più esercizi uno dopo l'altro, con un riposo minimo tra ciascuno. I giant sets o serie giganti non sono da confondere con i circuiti. I circuiti servono per migliorare la condizione atletica dell'atleta, le serie giganti servono invece per aumentare la massa muscolare e migliorare la composizione corporea.

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural
16 Gennaio 2021

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural

Vuoi Aumentare La Massa Muscolare e Costruire il Fisico Dei Tuoi Sogni?

Quando il muscolo viene chiamato ad un impegno super, sarà ovviamente richiesto un maggiore apporto di ossigeno e nutrienti per continuare a sostenere le contrazioni. Ed ecco il caro "pump".