(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

10 Punti Fondamentali Per Dimagrire Velocemente Con il Cardio

data di redazione: 11 Gennaio 2018
10 Punti Fondamentali Per Dimagrire Velocemente Con il Cardio

Conoscere Come Funziona il Cardio Permetterà Poi di Perdere Più Grasso

10 Punti Fondamentali Per Dimagrire Velocemente Con il Cardio? Quali sono?

Cardio è il diminutivo di Cardio fitness che è una qualsiasi attività fisica ripetuta nel tempo ad un'intensità medio alta, per minimo 20 minuti, di modo che si inneschi il sistema energetico aerobico, cioè l'organismo con l'aiuto dell'ossigeno, ossida i grassi per utilizzarli come fonte energetica. In questo articolo vedremo i 10 Punti Fondamentali Che Riguardano questa importante attività del Fitness.

1) CARDIO E INTENSITÀ

E' universalmente accettato che nel riposo e nell'esercizio a bassa intensità zuccheri e grassi siano ossidati in uguale misura. Solo col prolungarsi dell'attività nel tempo, in parallelo con la riduzione delle scorte del glicogeno, i grassi tendono a divenire il substrato principale. E' stato dimostrato che la massima ossidazione dei grassi si ottiene col 65% del V02 max. Altri evidenziano invece che pur variando il flusso ematico degli acidi grassi liberi (FFA) la loro ossidazione non presenta variazioni di rilievo tra il 45 e il 75% del V02 max. 

2) CARDIO E LIVELLO DI ALLENAMENTO 

Nei non allenaci il lavoro cardiovascolare utilizza in prevalenza gli zuccheri, che al contrario risultano essere meno importanti nei soggetti allenati. Si è inoltre dimostrato che il catabolismo proteico nei non allenati è maggiore rispetto ai soggetti praticanti abituali. 

3) CARDIO E SESSO

Indiscutibilmente le femmine privilegiano, sia pure di poco, i grassi nel lavoro aerobico, mentre gli zuccheri sono utilizzati in maniera maggiore dai maschi. Si suppone che questo avvenga per la minore produzione di adrenalina e noradrenalina da parte delle donne.

4) CARDIO E ORMONI

Si è visto che maggiore è la quantità di zucchero utilizzato nel lavoro muscolare per la più elevata intensità dell'esercizio (più intensità uguale a più adrenalina), maggiore è la quantità dei grassi ossidata nella fase di recupero che ne consegue (più ormone gh). D'altronde è già stato chiarito come solo il lavoro aerobico e non quello con i pesi migliori la resistenza all'insulina. Si sa da tempo che gli ormoni sessuali determinano i siti di deposito del grasso sottocutaneo. Il grasso viscerale è altamente indicativo come sinonimo di resistenza all'insulina e di come l'esercizio aerobico possa servire a migliorare la sensibilità delle cellule magre.

5) CARDIO, ZUCCHERI ED INSULINA

E' l'aspetto fondamentale del cardio. Da tempo è dimostrato che la capacità del tessuto muscolare di captare glucosio ematico aumenta subito dopo l'esercizio. Questo avviene in modo insulino-indipendente. Le contrazioni muscolari, allo stesso modo dell'insulina, provocano la concentrazione delle proteine di trasporto del glucosio (GLUT4) sulla superficie della cellula per alcune ore. E' certo quindi che l'esercizio aerobico regolare riduce in modo significativo il rischio di sviluppare resistenza insulinica, mentre non è altrettanto scontato che il beneficio sia esteso al diabete insulino-dipendente. L'incremento più significativo della lipolisi si ha nella ripetizione a distanza di un'ora di un episodio aerobico. Esaurite con il primo lavoro le scorte di glicogeno, nel secondo episodio vengono ossidati prevalentemente i grassi.

6) CARDIO ED ALIMENTAZIONE

A DIGIUNO si ha un utilizzo prevalente dei grassi ed un analogo risultato si evidenzia quando le riserve di glicogeno sono ridotte ai minimi termini. Una dieta troppo ricca di carboidrati non permette l'utilizzo dei grassi come fonte energetica, una dieta troppo ricca di grassi aumenta la resistenza all'insulina, agendo sulla glicolisi e sulla sintesi del glicogeno. Una dieta proteica, leggermente ipercalorica  determina un bilancio positivo dll'azoto e negativo dei grassi.

7) QUANDO EFFETTUARE CARDIO

Alla sera quando GH Elevato e scarsa insulina predispongono il corpo all'utilizzo dei grassi. Ulteriore vantaggio nella notte sarà l'assorbimento del glucosio con meccanismi insulino-indipendenti. Altro momento doc per effettuare attività cardio è al mattino a digiuno.

8) ALIMENTAZIONE PRE CARDIO

E' bene stare a digiuno o almeno aver mangiato 3 ore prima uno spuntino proteico senza grassi e zuccheri.

9) INTEGRATORI PRE CARDIO

  • BCAA Come anti-catabolico
  • CAFFE' Come energetico (amaro ovviamente)
  • Acetyl Carnitina per ottimizzare l'utilizzo dei grassi come fonte energetica

10) FREQUENZA, DURATA ED INTENSITA'

  • Nei giorni di riposo dai pesi
  • 20 minuti al mattino e 20 minuti alla sera, oppure 30 minuti in un'unica sessione al mattino o alla sera
  • 65-70% della FC Max è il range ottimale per perdere grasso e non consumare troppa massa muscolare.
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

La Frequenza Cardiaca durante L'esercizio
13 Dicembre 2017

La Frequenza Cardiaca durante L'esercizio

Aerobico significa semplicemente "con ossigeno". L'organismo ha bisogno di ossigeno per funzionare e per bruciare energie. Quando respiri, stai svolgendo un'attività aerobica perché stai introducendo ossigeno nel tuo corpo. Quando fai un'attività fisica come il nuoto, la corsa, il ciclismo, il canottaggio, il crossfit: la frequenza cardiaca aumenta in quanto si incrementa il consumo di ossigeno.

Metodo di Karvonen
18 Luglio 2018

Metodo di Karvonen

Nel mondo del Fitness è diffusissima la formula di cooper per determinare la frequenza cardiaca massima e poi la frequenza cardiaca di lavoro. Per i principianti tale formula può essere anche valida, ma per un professionista o amatore altamente allenato non è una formula a cui far riferimento per elaborare i propri programmi di allenamento cardiovascolari.

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4