Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

8 Esercizi di Stretching Dinamico per la Corsa

data di redazione: 31 Luglio 2015 - data modifica: 28 Gennaio 2018
8 Esercizi di Stretching Dinamico per la Corsa

Programma di Riscaldamento Adatto per i Runner prima di un'allenamento e/o gara

Per i podisti di ogni livello, prima di intraprendere un'allenamento e/o gara, è di fondamentale importanza riscaldare i muscoli e le articolazioni per prevenire gli infortuni. La fase di riscaldamento prepara il vostro corpo alle richieste della sessione di allenamento o della gara, consentendovi di lavorare al massimo dell'efficienza. Diciamo questo perché non sempre i Runner effettuano una fase di riscaldamento precedentemente ad una sessione di allenamento, di norma partono e corrono.

COME UN INGRANAGGIO.....


Le articolazioni contengono il liquido sinoviale, che svolge la stessa funzione del liquido lubrificante sulle serrature ostinate! Le nostre articolazioni funzionano più o meno allo stesso modo, cioè quando sono fredde il liquido sinoviale è denso e appiccicoso e pertanto fanno fatica ad ingranare; invece una volta riscaldate, il liquido si ammorbidisce, diventando meno vischioso e permettendo alle nostre articolazioni di scorrere agevolmente. In genere, più la distanza da percorrere è breve e più il riscaldamento sarà lungo.

Gli scattisti devono liberare una potenza esplosiva nell'istante stesso in cui schizzano fuori dai blocchi di partenza, perciò dedicano almeno un'oretta al riscaldamento. Anche i runner però, prima di cominciare il lavoro vero e proprio, devono avere i muscoli caldi e flessibili, il corpo leggermente sudato ma non affaticato e il battito cardiaco leggermente accelerato, ma a loro basteranno dai 5 ai 10 minuti di corsetta leggera seguita da un riscaldamento dinamico e un pò di stretching finale per essere al top prima della partenza. Dopo la corsetta, quindi, che vi permetterà di lubrificare le articolazioni e di scaldare i muscoli, dedicate almeno 30 secondi a ciascuno di questi esercizi di stretching dinamico:

SLANCI A GAMBA TESA

  • Camminate slanciando in avanti
  • all'altezza della vita
  • prima una gamba e poi l'altra
  • fino a toccare la mano opposta

SOLLEVAMENTO DEL GINOCCHIO

  • Sollevate il ginocchio e portatelo il più vicino possibile al torace
  • quindi fate un passo avanti e ripetete con l'altra gamba
  • Concentratevi per mantenere un buon equilibrio e i fianchi alti e in avanti

INCROCI

  • Fate dei piccoli passi laterali verso sinistra mettendo un piede dietro l'altro
  • cambiate gamba e fate il contrario tornando indietro
  • I fianchi subiranno una leggera rotazione

AFFONDI LATERALI

  • Ora fate quest'esercizio, che vi permetterà di allungare i muscoli adduttori della regione inguinale e dell'interno cosce
  • Fate tre saltelli verso destra e, con le gambe divaricate, un affondo verso destra: la gamba destra dovrà essere piegata a circa 90° mentre quella sinistra sarà ben distesa lateralmente
  • Quindi fate tre saltelli a sinistra e ripetete la sequenza.

CALCI ALL'INDIETRO

  • Camminate all'indietro e, a ogni passo, piegate il ginocchio e sollevate alternativamente il piede fino a toccare il sedere, sollecitando gli ischiocrurali (muscoli posteriori della coscia) ed i glutei.

AFFONDI FRONTALI

  • Camminate in avanti e a ogni passo piegate il ginocchio della gamba dietro fino quasi a toccare il terreno, formando un angolo di 90° con il ginocchio della gamba davanti
  • Tenete il busto eretto (non piegatevi in avanti), e assicuratevi che il ginocchio anteriore non superi la punta del piede in appoggio (lo sottoporreste ad uno sforzo eccessivo).

OSCILLAZIONI LATERALI

  • Reggendovi a un palo, fate oscillare alternativamente ciascuna gamba almeno 10 volte, ruotandola verso l'esterno, avanti e indietro, da una parte e dall'altra.

OSCILLAZIONE AVANTI E INDIETRO

  • Ripetete l'oscillazione come nell'esercizio precedente, questa volta muovendo la gamba in avanti verso l'alto, per allungare gli ischiocrurali, e poi indietro, per far lavorare i glutei
  • Cercate di mantenere fermi i fianchi.

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Stretching e prevenzione degli infortuni da sport
02 Ottobre 2014

Stretching e prevenzione degli infortuni da sport

Lo stretching, ovvero l’allungamento passivo dei tessuti molli auto-indotto dal paziente stesso o indotto esternamente dal terapista, viene indicato tradizionalmente come terapia per la riduzione del rischio di stiramenti e come modalità di trattamento post-infortunio agli stessi muscoli.

Stretching come Riscaldamento o Riscaldamento per Fare Stretching?
02 Agosto 2015

Stretching come Riscaldamento o Riscaldamento per Fare Stretching?

I Diversi Scopi dell'Allungamento Muscolare

Non è importante quale sia il vostro grado di preparazione, di scioltezza e di flessibilità, se vi cimenterete anche per la prima volta in una seduta di stretching potreste verificare voi stessi i benefici che vi apporta questa pratica. Bastano anche 30 minuti da dedicare a voi stessi, di tanto in tanto, per allungare la vostra vita sportiva.

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.