ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

8 Esercizi di Stretching Dinamico per la Corsa

data di redazione: 31 Luglio 2015 - data modifica: 28 Gennaio 2018
8 Esercizi di Stretching Dinamico per la Corsa

Programma di Riscaldamento Adatto per i Runner prima di un'allenamento e/o gara

Per i podisti di ogni livello, prima di intraprendere un'allenamento e/o gara, è di fondamentale importanza riscaldare i muscoli e le articolazioni per prevenire gli infortuni. La fase di riscaldamento prepara il vostro corpo alle richieste della sessione di allenamento o della gara, consentendovi di lavorare al massimo dell'efficienza. Diciamo questo perché non sempre i Runner effettuano una fase di riscaldamento precedentemente ad una sessione di allenamento, di norma partono e corrono.

COME UN INGRANAGGIO.....


Le articolazioni contengono il liquido sinoviale, che svolge la stessa funzione del liquido lubrificante sulle serrature ostinate! Le nostre articolazioni funzionano più o meno allo stesso modo, cioè quando sono fredde il liquido sinoviale è denso e appiccicoso e pertanto fanno fatica ad ingranare; invece una volta riscaldate, il liquido si ammorbidisce, diventando meno vischioso e permettendo alle nostre articolazioni di scorrere agevolmente. In genere, più la distanza da percorrere è breve e più il riscaldamento sarà lungo.

Gli scattisti devono liberare una potenza esplosiva nell'istante stesso in cui schizzano fuori dai blocchi di partenza, perciò dedicano almeno un'oretta al riscaldamento. Anche i runner però, prima di cominciare il lavoro vero e proprio, devono avere i muscoli caldi e flessibili, il corpo leggermente sudato ma non affaticato e il battito cardiaco leggermente accelerato, ma a loro basteranno dai 5 ai 10 minuti di corsetta leggera seguita da un riscaldamento dinamico e un pò di stretching finale per essere al top prima della partenza. Dopo la corsetta, quindi, che vi permetterà di lubrificare le articolazioni e di scaldare i muscoli, dedicate almeno 30 secondi a ciascuno di questi esercizi di stretching dinamico:

SLANCI A GAMBA TESA

  • Camminate slanciando in avanti
  • all'altezza della vita
  • prima una gamba e poi l'altra
  • fino a toccare la mano opposta

SOLLEVAMENTO DEL GINOCCHIO

  • Sollevate il ginocchio e portatelo il più vicino possibile al torace
  • quindi fate un passo avanti e ripetete con l'altra gamba
  • Concentratevi per mantenere un buon equilibrio e i fianchi alti e in avanti

INCROCI

  • Fate dei piccoli passi laterali verso sinistra mettendo un piede dietro l'altro
  • cambiate gamba e fate il contrario tornando indietro
  • I fianchi subiranno una leggera rotazione

AFFONDI LATERALI

  • Ora fate quest'esercizio, che vi permetterà di allungare i muscoli adduttori della regione inguinale e dell'interno cosce
  • Fate tre saltelli verso destra e, con le gambe divaricate, un affondo verso destra: la gamba destra dovrà essere piegata a circa 90° mentre quella sinistra sarà ben distesa lateralmente
  • Quindi fate tre saltelli a sinistra e ripetete la sequenza.

CALCI ALL'INDIETRO

  • Camminate all'indietro e, a ogni passo, piegate il ginocchio e sollevate alternativamente il piede fino a toccare il sedere, sollecitando gli ischiocrurali (muscoli posteriori della coscia) ed i glutei.

AFFONDI FRONTALI

  • Camminate in avanti e a ogni passo piegate il ginocchio della gamba dietro fino quasi a toccare il terreno, formando un angolo di 90° con il ginocchio della gamba davanti
  • Tenete il busto eretto (non piegatevi in avanti), e assicuratevi che il ginocchio anteriore non superi la punta del piede in appoggio (lo sottoporreste ad uno sforzo eccessivo).

OSCILLAZIONI LATERALI

  • Reggendovi a un palo, fate oscillare alternativamente ciascuna gamba almeno 10 volte, ruotandola verso l'esterno, avanti e indietro, da una parte e dall'altra.

OSCILLAZIONE AVANTI E INDIETRO

  • Ripetete l'oscillazione come nell'esercizio precedente, questa volta muovendo la gamba in avanti verso l'alto, per allungare gli ischiocrurali, e poi indietro, per far lavorare i glutei
  • Cercate di mantenere fermi i fianchi.

Buon ABC Allenamento



Potrebbe interessarti anche

Stretching Facciale
25 Novembre 2014

Stretching Facciale

Alleniamo l'espressività e stimoliamo i tessuti cutanei, ottenendo tanti benefici.

Quello che spesso non si considera è che anche nel volto si trovano un numero incredibile di muscoli detti muscoli facciali, che necessitano di un lavoro di stretching con lo scopo di mantenerli elastici giovando soprattutto sotto il punto di vista estetico.

Benessere Mentale e Stretching
13 Gennaio 2015

Benessere Mentale e Stretching

Con la pratica costante si può raggiungere la pace interiore

L'effetto che ricaviamo con la pratica costante dello stretcning non si ferma all'effetto fisico, ma si estende alla sfera psicologica ed emotiva.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.