Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

8 Esercizi di Stretching Dinamico per la Corsa

data di redazione: 31 Luglio 2015 - data modifica: 28 Gennaio 2018
8 Esercizi di Stretching Dinamico per la Corsa

Programma di Riscaldamento Adatto per i Runner prima di un'allenamento e/o gara

Per i podisti di ogni livello, prima di intraprendere un'allenamento e/o gara, è di fondamentale importanza riscaldare i muscoli e le articolazioni per prevenire gli infortuni. La fase di riscaldamento prepara il vostro corpo alle richieste della sessione di allenamento o della gara, consentendovi di lavorare al massimo dell'efficienza. Diciamo questo perché non sempre i Runner effettuano una fase di riscaldamento precedentemente ad una sessione di allenamento, di norma partono e corrono.

COME UN INGRANAGGIO.....


Le articolazioni contengono il liquido sinoviale, che svolge la stessa funzione del liquido lubrificante sulle serrature ostinate! Le nostre articolazioni funzionano più o meno allo stesso modo, cioè quando sono fredde il liquido sinoviale è denso e appiccicoso e pertanto fanno fatica ad ingranare; invece una volta riscaldate, il liquido si ammorbidisce, diventando meno vischioso e permettendo alle nostre articolazioni di scorrere agevolmente. In genere, più la distanza da percorrere è breve e più il riscaldamento sarà lungo.

Gli scattisti devono liberare una potenza esplosiva nell'istante stesso in cui schizzano fuori dai blocchi di partenza, perciò dedicano almeno un'oretta al riscaldamento. Anche i runner però, prima di cominciare il lavoro vero e proprio, devono avere i muscoli caldi e flessibili, il corpo leggermente sudato ma non affaticato e il battito cardiaco leggermente accelerato, ma a loro basteranno dai 5 ai 10 minuti di corsetta leggera seguita da un riscaldamento dinamico e un pò di stretching finale per essere al top prima della partenza. Dopo la corsetta, quindi, che vi permetterà di lubrificare le articolazioni e di scaldare i muscoli, dedicate almeno 30 secondi a ciascuno di questi esercizi di stretching dinamico:

SLANCI A GAMBA TESA

  • Camminate slanciando in avanti
  • all'altezza della vita
  • prima una gamba e poi l'altra
  • fino a toccare la mano opposta

SOLLEVAMENTO DEL GINOCCHIO

  • Sollevate il ginocchio e portatelo il più vicino possibile al torace
  • quindi fate un passo avanti e ripetete con l'altra gamba
  • Concentratevi per mantenere un buon equilibrio e i fianchi alti e in avanti

INCROCI

  • Fate dei piccoli passi laterali verso sinistra mettendo un piede dietro l'altro
  • cambiate gamba e fate il contrario tornando indietro
  • I fianchi subiranno una leggera rotazione

AFFONDI LATERALI

  • Ora fate quest'esercizio, che vi permetterà di allungare i muscoli adduttori della regione inguinale e dell'interno cosce
  • Fate tre saltelli verso destra e, con le gambe divaricate, un affondo verso destra: la gamba destra dovrà essere piegata a circa 90° mentre quella sinistra sarà ben distesa lateralmente
  • Quindi fate tre saltelli a sinistra e ripetete la sequenza.

CALCI ALL'INDIETRO

  • Camminate all'indietro e, a ogni passo, piegate il ginocchio e sollevate alternativamente il piede fino a toccare il sedere, sollecitando gli ischiocrurali (muscoli posteriori della coscia) ed i glutei.

AFFONDI FRONTALI

  • Camminate in avanti e a ogni passo piegate il ginocchio della gamba dietro fino quasi a toccare il terreno, formando un angolo di 90° con il ginocchio della gamba davanti
  • Tenete il busto eretto (non piegatevi in avanti), e assicuratevi che il ginocchio anteriore non superi la punta del piede in appoggio (lo sottoporreste ad uno sforzo eccessivo).

OSCILLAZIONI LATERALI

  • Reggendovi a un palo, fate oscillare alternativamente ciascuna gamba almeno 10 volte, ruotandola verso l'esterno, avanti e indietro, da una parte e dall'altra.

OSCILLAZIONE AVANTI E INDIETRO

  • Ripetete l'oscillazione come nell'esercizio precedente, questa volta muovendo la gamba in avanti verso l'alto, per allungare gli ischiocrurali, e poi indietro, per far lavorare i glutei
  • Cercate di mantenere fermi i fianchi.

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Respirazione e Concentrazione nello Stretching
21 Giugno 2015

Respirazione e Concentrazione nello Stretching

In Che Modo Respirazione e Concentrazione Interagiscono per La Buona Riuscita di una Seduta di Stretching

Fin dai tempi antichi si è intuito che il respiro ha un significato e un ruolo fondamentale nella nostra esistenza. Se andiamo a ricercare il significato etimologico di spiritualità, constatiamo che esso deriva da spirito, che in greco significa soffio, alito che caratterizza tutti gli esseri viventi.

5 Esercizi di Stretching da Fare dopo la Corsa
16 Novembre 2017

5 Esercizi di Stretching da Fare dopo la Corsa

Il nostro corpo è flessibile, dinamico e sottoposto alle leggi della meccanica, ed è costituito da elementi collegati e interdipendenti e la sua struttura di base è composta da tendini e muscoli, da legamenti, cartilagini e infine dalle ossa. Un elemento essenziale della struttura del corpo umano sono le articolazioni, e inevitabilmente il benessere strutturale di esso dipende direttamente dalla loro integrità...

Ultimi post pubblicati

I 10 Migliori Esercizi Con Gli Elastici
30 Ottobre 2020

I 10 Migliori Esercizi Con Gli Elastici

Quali Esercizi Effettuare per Mantenere La Massa Muscolare

Sappiate che l'allenamento con gli elastici non è assolutamente una perdita di tempo, anzi! Allenerete e stimolerete i muscoli sotto un punto di vista diverso, sfruttando la contrazione auxotonica offerta dalle bande elastiche. Non abbandonate questi utilissimi strumenti di allenamento, quando le palestre riapriranno, integrate i vostri workout con qualche esercizio che vi mostrerò in questo articolo.

Allenamenti Da Casa
25 Ottobre 2020

Allenamenti Da Casa

Quella di allenarsi a casa è quindi una scelta condivisa da un grande numero di persone che per difficoltà logistiche e spesso anche economiche preferiscono praticare un po’ di sano movimento tra le le mura domestiche senza aggiungere allo stress della vita quotidiana l’impegno di dover recarsi in palestra più volte a settimana.