Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Neurologia dell'Allungamento Muscolare

data di redazione: 26 Marzo 2015 - data modifica: 06 Dicembre 2014
Neurologia dell'Allungamento Muscolare

I principali meccanismi neurologici coinvolti nell'allungamento muscolare

I principali meccanismi neurologici coinvolti nell'allungamento muscolare sono :

  1. RIFLESSO MIOTATICO
  2. TONO MUSCOLARE
  3. INIBIZIONE RECIPROCA

RIFLESSO MIOTATICO

 

Il Riflesso miotatico, detto anche "da stiramento": se un muscolo viene allungato rapidamente, il sistema nervoso invia uno stimolo involontario alla contrazione, al fine di tutelare l'integrità del muscolo, evitando un allungamento eccessivo.

Allungamento e contrazione sono 2 forze applicate lungo la direzione del muscolo, ma che hanno verso opposto: ciò determina il controllo sulla lunghezza del muscolo.

L'intensità dello stimolo riflesso dipende dall'escursione del movimento e dalla velocità co cui si applica la tensione e con cui, di conseguenza, varia la lunghezza del muscolo.

Se l'allungamento è sufficientemente lento, tale ciclo non si innesca.

 

TONO MUSCOLARE

 

Il tono muscolare, cioè la persistenza dello stimolo nervoso alla contrazione in condizione di riposo. Nonostante l'assenza di uno stimolo volontario, il muscolo mantiene una tensione latente, soprattutto negli atleti allenati.

Dal tono muscolare dipende la resistenza che il muscolo oppone all'allungamento. La forza di reazione elastica di un muscolo è direttamente proporzionale a questa qualità, che ha quindi grande importanza nelle discipline in cui si corre o si salta. 

INIBIZIONE RECIPROCA

 

L'Inibizione reciproca: la contrazione di un muscolo riduce la tensione involontaria applicata al suo antagonista (il muscolo che compie il gesto opposto). Tale meccanismo ha il fine di facilitare il gesto, rilassando i muscoli che si oppongono ad esso. Per esempio contraendo il bicipite brachiale per flettere il braccio, il tricipite è inibito e quindi oppone minore resistenza.

Lo stretching convenzionale, evitando gli allungamenti rapidi, tiene contro solo del primo punto non possedendo, a differenza dello yoga, una profonda consapevolezza della relazione esistente tra sistema nervoso e muscoli.

A causa del secondo punto, però, una qualsiasi tecnica di stretching realmente passivo risulta impossibile, visto che il muscolo non è mai completamente rilassato, nemmeno quando non viene contratto volontariamente.

Quindi l'elemento determinante della flessibilità è l'attitudine a combinare in maniera ottimale la contrazione dei muscoli agonisti e il rilassamento dei loro antagonisti.

Occorre poi tenere presente che nella pratica sportiva, l'allungamento passivo non esiste, i muscoli sono sempre allungati in modo rapido e dinamico e non in modo analitico, uno per volta, come si cerca di fare nello stretching passivo.

L'allungamento attivo cerca di allungare simultaneamente tutti i muscoli responsabili di un movimento.

 

IN CONCLUSIONE: come nel potenziamento, anche nell'allungamento, non si allenano i muscoli ma altresì i movimenti. Ricordate che prima di praticare una seduta di allungamento è bene essere un attimo caldi e quindi si consigliano 10 minuti di jogging, cyclette, forme di arti marziali, step, corda boxe prima si sottoporsi allo stretching.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Stretching come Riscaldamento o Riscaldamento per Fare Stretching?
02 Agosto 2015

Stretching come Riscaldamento o Riscaldamento per Fare Stretching?

I Diversi Scopi dell'Allungamento Muscolare

Non è importante quale sia il vostro grado di preparazione, di scioltezza e di flessibilità, se vi cimenterete anche per la prima volta in una seduta di stretching potreste verificare voi stessi i benefici che vi apporta questa pratica. Bastano anche 30 minuti da dedicare a voi stessi, di tanto in tanto, per allungare la vostra vita sportiva.

Stretching Facciale
25 Novembre 2014

Stretching Facciale

Alleniamo l'espressività e stimoliamo i tessuti cutanei, ottenendo tanti benefici.

Quello che spesso non si considera è che anche nel volto si trovano un numero incredibile di muscoli detti muscoli facciali, che necessitano di un lavoro di stretching con lo scopo di mantenerli elastici giovando soprattutto sotto il punto di vista estetico.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.