(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Stretching Facciale

data di redazione: 26 Marzo 2015 - data modifica: 25 Novembre 2014
Stretching Facciale

Alleniamo l'espressività e stimoliamo i tessuti cutanei, ottenendo tanti benefici.

Come ben sappiamo lo stretching è fondamentale per ogni sport, e le sue funzioni sono molteplici, partendo dall'allungamento muscolare fino ad arrivare ad essere un salva-infortuni, ma ha anche lo scopo di informarci sullo stato dei muscoli se eseguito a fine allenamento.

Per esempio se siamo andati a fare jogging ed abbiamo le gambe stanche lo stretching ci può informare sulla consistenza dell'affaticamento, ci renderemo pienamente conto dello stato dei nostri muscoli e in caso di inconvenienti fisici potremo attuare le opportune contromisure, tipo cambiando metodo e intensità dei nostri allenamenti.

 

Si può fare stretching anche al volto

Quello che spesso non si considera è che anche nel volto si trovano un numero incredibile di muscoli detti muscoli facciali, che necessitano di un lavoro di stretching con lo scopo di mantenerli elastici giovando soprattutto sotto il punto di vista estetico.

 

Il muscolo risorio

Si trova lateralmente alla mascella, e in collegamento con altri fasci muscolari come lo zigomatico e l'elevatore del labbro, ci permette per l'appunto di ridere.

 

Il muscolo buccinatore

Questo muscolo si trova nella guancia, tra le cui funzioni vi è quella di emettere volontariamente l'aria dalla bocca.

 

I muscoli orbicolari

Si dispongono attorno agli occhi e come ci si può facilmente immaginare sono tra i maggiori responsabili delle nostre espressioni

 

Il muscolo corrugatore

La contrazione di questo muscolo è responsabile del "corrugare la fronte", che identifica la nostra espressione di preoccupazione e tristezza

 

I muscoli auricolari

Questi muscoli, di cui spesso ignoriamo l'esistenza permettono il movimento dell'orecchio anche e molto limitato, quasi impercettibile. I muscoli facciali sono anche detti "muscoli mimici", proprio perché dal loro stato di contrazione o rilassamento dipende l'espressività del viso; una persona felice, oppure pensierosa o crucciata ancor prima delle parole la leggete direttamente dal linguaggio del volto, proprio in funzione dello stato di contrazione dei muscoli mimici.

 

Inoltre ognuno di noi, per motivi ereditari, possiede una muscolatura facciale che lo porta ad apparire

  • più o meno aggressivo
  • pacato,
  • triste
  • o allegro

al di là dello stato d'animo del momento, quindi tali muscoli determinano degli effetti costanti sull'estetica del viso.

 

È interessante notare anche che una persona che per anni ha vissuto con uno stato d'animo di allegria e spensieratezza ha influito sull'armonia dei muscoli facciali e questo stato di contentezza si è ormai stabilito abbastanza fermamente sul suo volto, tanto che ormai ne è una caratteristica acquisita. Al contrario chi ha vissuto anni di sofferenze ha stabilmente scritto sul proprio viso questo suo passato di stenti e asprezze, lasciando una traccia costante sul proprio viso.

 

Perché quindi fare stretching del viso?

Molto semplicemente stirando i muscoli facciali alleniamo l'espressività e stimoliamo i tessuti cutanei, ottenendo questi benefici:

 

  1. maggiore tonicità e vitalità dell'espressione 
  2. attivazione dei muscoli e dei tessuti cutanei
  3. prevenzione e riduzione delle piaghe del viso

Esercizi di stretching facciale

 

  1. Spalancate la bocca e ritirate le labbra in modo da scoprire i denti (dopo che avete fatto questo esercizio per qualche minuto se chiudete la bocca noterete, guardandovi allo specchio, che dall'espressione sembrate come arrabbiati, semplicemente perché avete stimolato i muscoli del volto che si contraggono nella rabbia e nella lotta)
  2. Restringete le labbra e allungatele in avanti come se doveste baciare qualcosa che stentate a raggiungere
  3. Spostate la bocca aperta sia a destra che a sinistra
  4. Scoprite i denti inferiori il più possibile
  5. Protraete il mento e stirate i muscoli del collo
  6. Allargate e tendete le narici
  7. Alzate il più possibile le sopracciglia e spalancate gli occhi
  8. Abbassate le sopracciglia e chiudete al massimo gli occhi
  9. Provate, se ci riuscite, a muovere le orecchie e i capelli
  10. Pizzicatevi, massaggiatevi e allungatevi dolcemente la pelle del viso con le mani

 

Buon allenamento (facciale) da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

5 Esercizi di Stretching da Fare dopo la Corsa
16 Novembre 2017

5 Esercizi di Stretching da Fare dopo la Corsa

Il nostro corpo è flessibile, dinamico e sottoposto alle leggi della meccanica, ed è costituito da elementi collegati e interdipendenti e la sua struttura di base è composta da tendini e muscoli, da legamenti, cartilagini e infine dalle ossa. Un elemento essenziale della struttura del corpo umano sono le articolazioni, e inevitabilmente il benessere strutturale di esso dipende direttamente dalla loro integrità...

Respirazione e Concentrazione nello Stretching
21 Giugno 2015

Respirazione e Concentrazione nello Stretching

In Che Modo Respirazione e Concentrazione Interagiscono per La Buona Riuscita di una Seduta di Stretching

Fin dai tempi antichi si è intuito che il respiro ha un significato e un ruolo fondamentale nella nostra esistenza. Se andiamo a ricercare il significato etimologico di spiritualità, constatiamo che esso deriva da spirito, che in greco significa soffio, alito che caratterizza tutti gli esseri viventi.

Ultimi post pubblicati

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone
18 Maggio 2019

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone

Il testosterone alto, il principale ormone maschile, è un ottimo segno per la salute, ecco perché ci si domanda sempre come aumentarlo con l'alimentazione o altre soluzioni, ovviamente naturali e non chimiche.

Definizione Muscolare - La Scheda Migliore
16 Maggio 2019

Definizione Muscolare - La Scheda Migliore

Acquisire massa muscolare è abbastanza semplice, basta mangiare un pò di più adottando un allenamento strutturato sui grandi esercizi, spingendo grossi carichi; in linea di massima questa strategia ha sempre dato ottimi risultati in termini di aumento di peso e massa muscolare. Il problema nasce quando si deve perdere grasso, cercando di non perdere la massa muscolare, faticosamente acquisita nella fase bulk.