(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Stretching Facciale

data di redazione: 26 Marzo 2015 - data modifica: 25 Novembre 2014
Stretching Facciale

Alleniamo l'espressività e stimoliamo i tessuti cutanei, ottenendo tanti benefici.

Come ben sappiamo lo stretching è fondamentale per ogni sport, e le sue funzioni sono molteplici, partendo dall'allungamento muscolare fino ad arrivare ad essere un salva-infortuni, ma ha anche lo scopo di informarci sullo stato dei muscoli se eseguito a fine allenamento.

Per esempio se siamo andati a fare jogging ed abbiamo le gambe stanche lo stretching ci può informare sulla consistenza dell'affaticamento, ci renderemo pienamente conto dello stato dei nostri muscoli e in caso di inconvenienti fisici potremo attuare le opportune contromisure, tipo cambiando metodo e intensità dei nostri allenamenti.

 

Si può fare stretching anche al volto

Quello che spesso non si considera è che anche nel volto si trovano un numero incredibile di muscoli detti muscoli facciali, che necessitano di un lavoro di stretching con lo scopo di mantenerli elastici giovando soprattutto sotto il punto di vista estetico.

 

Il muscolo risorio

Si trova lateralmente alla mascella, e in collegamento con altri fasci muscolari come lo zigomatico e l'elevatore del labbro, ci permette per l'appunto di ridere.

 

Il muscolo buccinatore

Questo muscolo si trova nella guancia, tra le cui funzioni vi è quella di emettere volontariamente l'aria dalla bocca.

 

I muscoli orbicolari

Si dispongono attorno agli occhi e come ci si può facilmente immaginare sono tra i maggiori responsabili delle nostre espressioni

 

Il muscolo corrugatore

La contrazione di questo muscolo è responsabile del "corrugare la fronte", che identifica la nostra espressione di preoccupazione e tristezza

 

I muscoli auricolari

Questi muscoli, di cui spesso ignoriamo l'esistenza permettono il movimento dell'orecchio anche e molto limitato, quasi impercettibile. I muscoli facciali sono anche detti "muscoli mimici", proprio perché dal loro stato di contrazione o rilassamento dipende l'espressività del viso; una persona felice, oppure pensierosa o crucciata ancor prima delle parole la leggete direttamente dal linguaggio del volto, proprio in funzione dello stato di contrazione dei muscoli mimici.

 

Inoltre ognuno di noi, per motivi ereditari, possiede una muscolatura facciale che lo porta ad apparire

  • più o meno aggressivo
  • pacato,
  • triste
  • o allegro

al di là dello stato d'animo del momento, quindi tali muscoli determinano degli effetti costanti sull'estetica del viso.

 

È interessante notare anche che una persona che per anni ha vissuto con uno stato d'animo di allegria e spensieratezza ha influito sull'armonia dei muscoli facciali e questo stato di contentezza si è ormai stabilito abbastanza fermamente sul suo volto, tanto che ormai ne è una caratteristica acquisita. Al contrario chi ha vissuto anni di sofferenze ha stabilmente scritto sul proprio viso questo suo passato di stenti e asprezze, lasciando una traccia costante sul proprio viso.

 

Perché quindi fare stretching del viso?

Molto semplicemente stirando i muscoli facciali alleniamo l'espressività e stimoliamo i tessuti cutanei, ottenendo questi benefici:

 

  1. maggiore tonicità e vitalità dell'espressione 
  2. attivazione dei muscoli e dei tessuti cutanei
  3. prevenzione e riduzione delle piaghe del viso

Esercizi di stretching facciale

 

  1. Spalancate la bocca e ritirate le labbra in modo da scoprire i denti (dopo che avete fatto questo esercizio per qualche minuto se chiudete la bocca noterete, guardandovi allo specchio, che dall'espressione sembrate come arrabbiati, semplicemente perché avete stimolato i muscoli del volto che si contraggono nella rabbia e nella lotta)
  2. Restringete le labbra e allungatele in avanti come se doveste baciare qualcosa che stentate a raggiungere
  3. Spostate la bocca aperta sia a destra che a sinistra
  4. Scoprite i denti inferiori il più possibile
  5. Protraete il mento e stirate i muscoli del collo
  6. Allargate e tendete le narici
  7. Alzate il più possibile le sopracciglia e spalancate gli occhi
  8. Abbassate le sopracciglia e chiudete al massimo gli occhi
  9. Provate, se ci riuscite, a muovere le orecchie e i capelli
  10. Pizzicatevi, massaggiatevi e allungatevi dolcemente la pelle del viso con le mani

 

Buon allenamento (facciale) da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Esercizio di Stretching per la Mobilità del Bacino
31 Maggio 2017

Esercizio di Stretching per la Mobilità del Bacino

L'equilibrio e la libertà di movimento del bacino sono particolarmente importanti per qualsiasi soggetto sportivo, perchè la sua capacità di muoversi liberamente sulle anche condizionano tutto ciò che sta sopra di esso.

Stretching e prevenzione degli infortuni da sport
02 Ottobre 2014

Stretching e prevenzione degli infortuni da sport

Lo stretching, ovvero l’allungamento passivo dei tessuti molli auto-indotto dal paziente stesso o indotto esternamente dal terapista, viene indicato tradizionalmente come terapia per la riduzione del rischio di stiramenti e come modalità di trattamento post-infortunio agli stessi muscoli.

Ultimi post pubblicati

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI
12 Dicembre 2018

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali
10 Dicembre 2018

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.