Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Stretching - Intensità Ideale di Allungamento

data di redazione: 26 Giugno 2015
Stretching - Intensità Ideale di Allungamento

I Diversi tipi di Tensione nello Stretching

Come sappiamo, il termine stretching significa: stiramento. Attraverso di esso intendiamo provocare una tensione a livello dei muscoli e delle articolazioni. Durante l'esecuzione degli esercizi, questa tensione si manifesta chiaramente e, in particolare all'inizio, ne avvertiremo un consistente fastidio.


Questa sensazione deve essere "ascoltata" con attenzione, dato che ci permette di localizzare con estrema facilità la regione muscolare che stiamo attivando. Per questo motivo, durante la pratica dello stretching, si ha una contemporanea idea dei suoi effetti sulle varie regioni del nostro corpo.

 

Ad esempio, se compiamo un esercizio di flessione del busto in avanti, percepiremo una sensazione di fastidio principalmente a livello della parte posteriore delle cosce. A mano a mano noi accentuiamo l'esercizio, ci perverranno delle sensazioni di stiramento che, grazie al mantenimento della posizione, possiamo discernere con precisione.


In altre parole, durante il mantenimento della posizione, dobbiamo ricercare l'interpretazione delle sensazioni interne; in base a queste regoleremo l'intensità dello stiramento. In questo modo, saremo noi, in piena autonomia e coscienza, a provocare le stimolazioni di allungamento nella misura che ci è salutare.

 

Dividiamo allora le intensità di allungamento in tre graduazioni:

 

TENSIONE INCONSISTENTE
Tensione in cui l'assunzione della posizione non ci procura alcun fastidio. Gli effetti allenanti sono molto scarsi e il significato dell'esercizio si limita al solo rilassamento.

TENSIONE APPROPRIATA
Questa è caratterizzata da un consistente fastidio. Si tratta peraltro di una sensazione di stiramento pur sempre sopportabile e di tipo diverso dal dolore.

TENSIONE ECCESSIVA
Essa si verifica quando l'allungamento che noi provochiamo è troppo intenso in funzione di alcuni fattori.

 

Essi sono:

  • grado di allenamento
  • stato emotivo
  • attività muscolare che è stata precedente alla seduta di streching

La tensione eccessiva è riconoscibile perché provoca dolore e in casi estremi crampi. Come è facilmente intuibile, essa è controproducente.

 

COME SI FA A RICONOSCERE LA TENSIONE APPROPRIATA?
Come abbiamo già detto, dovete tendere il vostro corpo finché le sensazioni di allungamento raggiungono una certa intensità, senza giungere al dolore. In ogni caso, il problema di quanto stirarci ce lo poniamo adesso in fase di lettura cercando di immaginare noi stessi nell'esecuzione.

Una volta che vi sarete cimentati alcune volte nelle posizioni e vi sarete svincolati dall'idea fissa di aver bisogno di qualcuno che vi dica come e quanto fare gli esercizi di stretching, giungerete con naturalezza a capire l'intensità ottimale di allenamento, la cosa più importante, come abbiamo già detto, è che durante l'allungamento non arriviate mai al dolore, perchè in quel caso otterreste l'effetto contrario.

 

Buon ABC Allenamento 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Neurologia dell'Allungamento Muscolare
06 Dicembre 2014

Neurologia dell'Allungamento Muscolare

I principali meccanismi neurologici coinvolti nell'allungamento muscolare

Come funzionano i principali meccanismi dell'allungamento muscolare. Quando fare stretching, perché farlo e come farlo.

Stretching dell'Articolazione Sacro-Iliaca
21 Aprile 2016

Stretching dell'Articolazione Sacro-Iliaca

Le problematiche dell'articolazione sacro-iliaca ed esercizi di stretching per scioglierla

Le articolazioni sacro-iliache sono molto meno conosciute di altre, anche perché i movimenti di queste sono difficilmente percettibili e non è possibile muoverle volontariamente o "sentirle" nel modo usuale.

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.