(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Stretching per l'articolazione della mascella

data di redazione: 13 Febbraio 2016
Stretching per l'articolazione della mascella

Anche la mascella come tutte le altre parti del nostro corpo, avrebbe bisogno di qualche esercizio per mantenere intatta la sua funzionalità.

Infatti molte persone, hanno le mascelle contratte e tese a causa della tensione esistente fra il cranio e l'estremità superiore della colonna vertebrale.

In pochi conoscono l'esatta ubicazione dell'articolazione delle mascelle; se appoggiate un dito proprio davanti a ciascun orecchio, aprendo e chiudendo la bocca la potrete facilmente individuare.

Quando la bocca si apre la mandibola tende a spostarsi in avanti, al contrario si ritira quando la chiudiamo, e se il movimento non è perfetto, cioè devia leggermente significa che avremo una protrusione da un lato e retrazione dall'altro.

Anche se ci sembra impossibile il nostro morso è micidiale! La forza che può essere sviluppata nel movimento di chiusura della mascella è stata valutata attorno ai 242 chilogrammi.

Le problematiche però sono frequenti, infatti nella mascella si localizzano molto spesso tensioni molto intense e le condizioni di rigidità possono essere numerose; di solito la mandibola perde la propria capacità di aprirsi completamente, sia in un solo lato che da entrambi, e in molti casi tende a deviare leggermente da un lato quando la bocca viene aperta.

Le 3 principali forme croniche di tensione mascellare consistono nella:

1. retrazione

2. protrusione

3. e nella contrazione della mandibola (quest'ultima può sussistere in combinazione con una delle altre due)

Vediamo allora due esercizi di stretching, che se eseguiti con una certa costanza possono aiutarci a mantenere sana l'articolazione delle mascelle.

ESERCIZIO 1

  • Fate scorrere lentamente i pollici partendo da un punto posto proprio davanti alle orecchie, passando sotto gli zigomi e arrivando fino agli angoli della bocca
  • premere quanto basta per sentire che i tessuti si tendono
  • tenete le mandibole sciolte e rilassate per la durata dell'intero esercizio
  • ripetere lentamente per quattro o cinque respirazioni
  • ESERCIZIO 2

  • Spalancate la bocca più che potete senza forzare, rilassando consciamente ogni eventuale sensazione di rigidità, inspirando ed espirando per quattro o cinque volte attraverso il naso
  • a questo punto, tenendo la bocca leggermente aperta e rilassata, spostate delicatamente la mandibola da un lato all'altro, contraendo e rilassando i muscoli per alcune respirazioni.

    Scritto da: ABC Team

    Potrebbe interessarti anche

    ​Stretching, Non Sempre L'esercizio Più Classico È Il Più Semplice
    14 Giugno 2016

    ​Stretching, Non Sempre L'esercizio Più Classico È Il Più Semplice

    Questo è uno degli esercizi di stretching più diffusi ed è spesso consigliato per sciogliere i muscoli, ma è tuttavia oggetto di numerose controversie. In teoria è un ottimo esercizio, se siamo abbastanza sciolti e se riusciamo a farlo senza particolari difficoltà.

    Stretching Pre o Post Allenamento?
    02 Ottobre 2014

    Stretching Pre o Post Allenamento?

    Quando si deve effettuare lo stretching ? prima o dopo l'allenamento?

    Quando è necessario fare STRETCHING PRE O POST ALLENAMENTO ? Questa domanda c’è la siamo fatta tutti quanti nel corso degli anni, c’è chi dice di farlo prima e c’è chi dice di farlo dopo . Vediamo di entrare nel merito del discorso . Lo stretching è fondamentale farlo prima dell’allenamento per evitare eventuali infortuni che si possono verificare con muscoli freddi, anche se avete poco tempo , pochi minuti di stretching pre-allenamento possono risparmiare diversi giorni di stop per un affaticamento muscolare o stiramento

    Ultimi post pubblicati

    Speciale Allenamento Deltoidi
    20 Ottobre 2018

    Speciale Allenamento Deltoidi

    4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

    I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

    Gran Dentato
    19 Ottobre 2018

    Gran Dentato

    Origine, Inserzione ed Azione

    Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.