(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Stretching per l'articolazione della mascella

data di redazione: 13 Febbraio 2016
Stretching per l'articolazione della mascella

Anche la mascella come tutte le altre parti del nostro corpo, avrebbe bisogno di qualche esercizio per mantenere intatta la sua funzionalità.

Infatti molte persone, hanno le mascelle contratte e tese a causa della tensione esistente fra il cranio e l'estremità superiore della colonna vertebrale.

In pochi conoscono l'esatta ubicazione dell'articolazione delle mascelle; se appoggiate un dito proprio davanti a ciascun orecchio, aprendo e chiudendo la bocca la potrete facilmente individuare.

Quando la bocca si apre la mandibola tende a spostarsi in avanti, al contrario si ritira quando la chiudiamo, e se il movimento non è perfetto, cioè devia leggermente significa che avremo una protrusione da un lato e retrazione dall'altro.

Anche se ci sembra impossibile il nostro morso è micidiale! La forza che può essere sviluppata nel movimento di chiusura della mascella è stata valutata attorno ai 242 chilogrammi.

Le problematiche però sono frequenti, infatti nella mascella si localizzano molto spesso tensioni molto intense e le condizioni di rigidità possono essere numerose; di solito la mandibola perde la propria capacità di aprirsi completamente, sia in un solo lato che da entrambi, e in molti casi tende a deviare leggermente da un lato quando la bocca viene aperta.

Le 3 principali forme croniche di tensione mascellare consistono nella:

1. retrazione

2. protrusione

3. e nella contrazione della mandibola (quest'ultima può sussistere in combinazione con una delle altre due)

Vediamo allora due esercizi di stretching, che se eseguiti con una certa costanza possono aiutarci a mantenere sana l'articolazione delle mascelle.

ESERCIZIO 1

  • Fate scorrere lentamente i pollici partendo da un punto posto proprio davanti alle orecchie, passando sotto gli zigomi e arrivando fino agli angoli della bocca
  • premere quanto basta per sentire che i tessuti si tendono
  • tenete le mandibole sciolte e rilassate per la durata dell'intero esercizio
  • ripetere lentamente per quattro o cinque respirazioni
  • ESERCIZIO 2

  • Spalancate la bocca più che potete senza forzare, rilassando consciamente ogni eventuale sensazione di rigidità, inspirando ed espirando per quattro o cinque volte attraverso il naso
  • a questo punto, tenendo la bocca leggermente aperta e rilassata, spostate delicatamente la mandibola da un lato all'altro, contraendo e rilassando i muscoli per alcune respirazioni.

    Scritto da: ABC Team
    Scarica eBook

    Potrebbe interessarti anche

    Benessere Mentale e Stretching
    13 Gennaio 2015

    Benessere Mentale e Stretching

    Con la pratica costante si può raggiungere la pace interiore

    L'effetto che ricaviamo con la pratica costante dello stretcning non si ferma all'effetto fisico, ma si estende alla sfera psicologica ed emotiva.

    Stretching per i Muscoli dell'Anca
    09 Ottobre 2015

    Stretching per i Muscoli dell'Anca

    Esercizi di mobilità per le anche

    Una delle articolazioni più importanti ai fini della libertà di movimento del nostro corpo sono sicuramente le anche, e questo per tre ragioni...

    Ultimi post pubblicati

    Bodybuilding: Come Nutrirsi Correttamente
    22 Aprile 2019

    Bodybuilding: Come Nutrirsi Correttamente

    Il bodybuilding si distingue dal powerlifting e dal sollevamento olimpico in quanto il giudizio è sul fisico del concorrente, la forza, le performance non interessano i giudici o le vostre ammiratrici. Pertanto, i bodybuilder aspirano a sviluppare e mantenere un fisico ben bilanciato, armonico, magro e muscoloso.

    Mandorle ed i suoi Derivati Per Il Nostro Benessere
    22 Aprile 2019

    Mandorle ed i suoi Derivati Per Il Nostro Benessere

    Le mandorle contengono grassi monoinsaturi e alcuni grassi polinsaturi e quindi aiutano ad abbassare la lipoproteina a bassa densità (LDL) o il colesterolo cattivo, mantenendo al contempo lipoproteine ​​ad alta densità o livelli di colesterolo buoni.