Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Cardio a Digiuno fa Davvero Perdere Più Peso?

data di redazione: 08 Marzo 2015
Il Cardio a Digiuno fa Davvero Perdere Più Peso?

Ecco Cosa dice la scienza

Il settore del fitness salta costantemente da una tendenza all'altra. Gli allenatori hanno però bisogno di sviluppare i loro valori fondamentali su basi e principi scientifici e far fede a loro. Quando esce una novità, si ha bisogno di valutare questo proposito, vedere cosa si può fare con i propri atleti, applicarlo e raccogliere i dati per vedere se funziona o no.


Una delle tendenze attuali è l'allenamento in uno stato di digiuno per la perdita di peso. Per sottolineare nuovamente l'ultima parte, questa tattica viene utilizzata solo per la perdita di peso. Quelli di voi che cercano di aumentare le prestazioni otterranno migliori risultati non applicando questo approccio. Per quelli di voi che invece stanno cercando di perdere qualche chilo, andiamo avanti e vediamo cosa ci dice la scienza.


Studi Scientifici a Riguardo dell'Allenamento a Digiuno

 

Uno studio effettuato nel 2010 ha confrontato l'allenamento a digiuno all'allenamento alimentato nel corso di un periodo di sei settimane. I ricercatori hanno esaminato alcuni settori chiave e hanno confrontato i due gruppi. L'allenamento è stato effettuato sempre di mattina e consisteva in due sessioni di allenamento da sessanta minuti e due sessioni di novanta minuti.


"Sia il gruppo a “digiuno” che il grippo “nutrito”, ha aumentato la propria tolleranza al glucosio, ma nel gruppo a digiuno l'aumento era sostanzialmente maggiore."

 

Al gruppo alimentato era stata data una colazione di 675 calorie, costituita da 70% di carboidrati, 15% di proteine ​​e 15% di grassi. Inoltre è stato dato in aggiunta 1g di maltodestrine per kg di peso corporeo circa 90 minuti prima dell'allenamento. Il gruppo a digiuno ha ricevuto lo stesso lo stesso cocktail nella metà pomeriggio. Le aree che i ricercatori hanno confrontato sono state la tolleranza al glucosio, GLUT4, glicogeno muscolare, enzimi metabolici, composizione corporea e la capacità di esercizio. I risultati dello studio sono stati molto interessanti.

Come già detto, entrambi i gruppi hanno aumentato la loro tolleranza al glucosio, ma nel gruppo a digiuno l'aumento era maggiore. Il GLUT4 è un trasportatore di glucosio, che consente al glucosio di entrare nelle cellule muscolari. Maggiore è questo livello, maggiore è il glucosio che viene preso nei muscoli, invece che essere immagazzinato come grasso. I trasportatori di GLUT4 erano aumentati del 28% nel gruppo a digiuno e solo del 2-3% nel gruppo alimentato.

Le riserve di glicogeno sono aumentate maggiormente nel gruppo a digiuno rispetto al gruppo nutrito, ma non vi era alcuna differenza significativa di lipidi intramuscolari immagazzinati. L'aumento di immagazzinamento dei lipidi intramuscolari sono visti come promotori di obesità e possono portare ad insulino-resistenza e disfunzione mitocondriale. (1) 

Le uniche differenze tra enzimi metabolici sono state osservate in traslocasi / CD36 e carnitina palmitoiltrasferasi (1). Questi due enzimi svolgono un ruolo nella nostra capacità di metabolizzare grassi e glucosio. Il gruppo a digiuno ha visto un incremento di circa il 30% mentre il gruppo nutrito non ha visto alcun aumento. Tutti gli altri enzimi metabolici testati sono rimasti invariati.

Come previsto, il gruppo nutrito ha avuto un maggiore aumento del VO2max, ma il gruppo a digiuno ha mostrato un maggiore aumento dell'ossidazione dei grassi. Come detto in precedenza, il cardio a digiuno non è un modo per aumentare le prestazioni, ma per perdere peso. 
Con meno glucosio presente, non è una sorpresa che il gruppo a digiuno ha mostrato una maggiore ossidazione degli acidi grassi a scopi di produrre energia.


Il lato pratico dell'Allenamento Cardio a Digiuno

 

Ci sono altri studi come quello presentato in questo articolo che mostrano risultati simili, quindi diremo che si può essere pronti ad eseguire un allenamento Cardio a digiuno, per favorire la perdita di peso – anche se non è per tutti.

"Le aree chiavi da valutare prima sono il sonno, la vitamina D, i livelli di stress, routine di allenamento e la dieta. Se tutti questi sono perfettamente organizzati ed inquadrati, allora si può dare inizio alla prova cardio a digiuno."

 

Tenete presente che:
Questo studio è stato eseguito in mattinata e vi consigliamo a fare lo stesso. Attendere fino al pomeriggio o alla sera dopo aver lavorato e digiunato tutto il giorno è improponibile, sarebbe troppo un fattore di stress che porterebbe ad avere l'opposto degli effetti desiderati.

Inoltre, non bisognerebbe fare un allenamento intenso a digiuno. L'attività aerobica ad un livello tra il 70-80% del VO2max dovrebbe essere sufficiente. Qualcosa di più intenso, oltre che diventare un fattore di stress, può portare anche a lesioni muscolari.

 

Assicuratevi poi di assumere carboidrati al primo pasto successivo e di valutare l'utilizzo di alcuni integratori per preservare la massa muscolare magra.

 

Riferimenti:

1. Consitt, LA, et.al., "Intramuscular lipid metabolism, insulin action, and obesity." IUBMB Life 2009. Retrieved on February 26, 2015. 
2. Van Proeyen, K, et.al., "Training in the fasted state improves glucose tolerance during fat-rich diet." Journal of Physiology 2010. Retrieved on February 26, 2015.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Yoga Flex
01 Ottobre 2014

Yoga Flex

Dall'allenamento ai benefici che comporta

Questa tecnica non ha l'integralismo della millenaria disciplina indiana, ma ne utilizza le forme più atletiche e le rielabora per inserirle nel contesto più specifico della palestra. I corsi di Yoga Flex consentono di imparare a controllare, con tecniche razionali ed efficaci...

Riduzione del Grasso e Ritenzione Idrica
01 Ottobre 2014

Riduzione del Grasso e Ritenzione Idrica

L'importanza dell'allenamento pesi per la battaglia contro il grasso

Il corpo è composto per il 60-65% di acqua, il 62% di quest'acqua è immagazzinato a livello intracellulare, o all'interno delle cellule. Il rimanente 38% è depositato a livello extracellulare, o all'esterno delle cellule, per esempio nel plasma sanguigno, nella saliva, nel midollo spinale e nei fluidi secreti dalle ghiandole.

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.