Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Riscaldamento Ideale Prima dell'Allenamento

data di redazione: 08 Settembre 2016
Il Riscaldamento Ideale Prima dell'Allenamento

Riscaldati bene prima di cominciare l'allenamento. Quante volte vi siete sentiti rivolgere questa frase?!

Sicuramente quello che si è sempre detto, cioè che il nostro corpo prima di iniziare l'allenamento (di una certa intensità), deve essere sufficientemente caldo, in modo tale che i nostri muscoli e le nostre articolazioni, siano preparate per affrontare sforzi, è sempre sacra verità.

  1. I tessuti e i tendini devono essere pronti
  2. Il battito cardiaco leggermente accelerato
  3. I vasi sanguigni dilatati in modo tale che l'ossigeno viaggi più rapidamente e con un volume maggiore.

Però non dobbiamo neanche esagerare, cioè non dobbiamo riscaldarci troppo, perché in questo caso rischieremmo di dissipare inutilmente energia che potremmo invece più intelligentemente impiegare durante la sessione di allenamento vera e propria.


Per sapere in che misura ci dobbiamo scaldare dobbiamo prima capire come funziona il nostro organismo.


Il nostro corpo è una macchina perfetta, ma sta a noi guidarla correttamente. In un certo senso fa tutto da solo, perché quando ci alleniamo il nostro organismo brucia le sue riserve energetiche, producendo così calore metabolico che è trasportato fino alla superficie della pelle dal sangue, e da lì viene dissipato evaporando per mezzo del sudore.

Attraverso questo meccanismo perfetto, il nostro corpo riesce a mantenere stabile la temperatura corporea, ma quando aumentiamo di intensità il nostro allenamento questa sale, e per abbassarla il nostro organismo ha bisogno di più sangue, abbassando di conseguenza la pressione (del sangue).

Questo meccanismo, in questo caso, riduce inevitabilmente la funzionalità dei nostri muscoli ed il ritorno cardiaco, proprio per questo è così importante anche mantenere stabile la temperatura interna del nostro corpo in allenamento.

SAUNA PRIMA DI ALLENARSI?

C'è chi sostiene che il classico riscaldamento sia sempre la soluzione migliore, chi invece che la sauna è più adatta e funzionale. La sauna è un metodo di riscaldamento passivo e porta il corpo a temperature troppo elevate oltre ad abbassare la pressione del sangue, rendendo il soggetto stanco e con un senso di spossatezza proprio a causa di questi fattori.

La Sauna produce un effetto "tranquillizzante" che aiuta a rilassare le tensioni e i dolori muscolari e articolari causati, per esempio, da un allenamento intenso. Quindi Più che prima forse è meglio farsi una sauna dopo l'allenamento, senza però esagerare con il minutaggio.

Oltre a ciò, il calore della sauna aumenta la temperatura corporea. In questo modo i vasi sanguigni si dilatano, favorendo così la circolazione del sangue.

L'accrescimento del flusso sanguigno, a sua volta, accelera il naturale processo di guarigione del corpo, lenendo i dolori e/o velocizzando la guarigione di contusioni lievi o piccoli tagli. Dopo l'attività fisica, il calore e/o il vapore di una sauna facilitano il rilassamento muscolare, contribuendo a ridurre la tensione ai muscoli e a eliminare l'acido lattico e le tossine accumulate

Quindi rimaniamo a favore del vecchio metodo, cioè del classico riscaldamento, inserendo la sauna a fine allenamento.

Se ci riscaldiamo con una corsetta blanda per esempio, utilizziamo il movimento per generare calore corporeo, ed è a nostro avviso il metodo migliore anche solo per il fatto che usiamo i muscoli per produrre calore interno. In più così riusciamo ad avere maggiore consapevolezza del livello di riscaldamento che abbiamo raggiunto effettivamente.

IL NOSTRO CONSIGLIO

Sia che siate puri bodybuilder o agonisti di qualche sport da combattimento il riscaldamento è necessario.

Come abbiamo detto prima noi siamo a favore del metodo di riscaldamento "attivo", quindi a nostro avviso il metodo ideale per riscaldarsi a sufficienza senza esagerare è quello di fare una corsetta leggera di circa 10-15 minuti, a circa il 50% del battito cardiaco massimo, in pratica ad un'andatura "da crociera"; per capirci è quella velocità che vi permette di parlare tranquillamente con il vostro compagno di allenamento.

Durante la corsetta, per ottimizzare i tempi è consigliabile effettuare degli esercizi di stretching dinamico per allenare ogni parte del corpo o perlomeno i muscoli e le articolazioni interessate dall'allenamento. Preferite lo stretching dinamico a quello statico, perché è stato dimostrato che quest'ultimo è in grado di ridurre anche del 30% la forza muscolare.

Un ultimo consiglio che vi possiamo dare è quello di partecipare a qualche riscaldamento effettuato da lottatori (greco romana, liberisti, judo, brazilian jiiu jitsu, submission grappling) in quanto sono specialisti nel preparare il corpo per un intensa sessione di lotta o allenamento pesi. Questo vi potrà servire per carpire e rubare i trucchi del mestiere.

Ora che siete ben caldi potete iniziare il vostro allenamento!

Potrebbe interessarti: RISCALDAMENTO PER WORKOUT DI FORZA

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Pilates che cos'è e perchè praticarlo
02 Ottobre 2014

Pilates che cos'è e perchè praticarlo

Carpire l'essenza del Pilates migliora i risultati anche in altri sport

Sperimentando proprio su se stesso, Pilates riuscì nell'intento di trasformare il suo corpo non dotato. I risultati ottenuti non erano dovuti unicamente allo spirito intraprendente, volto a sperimentare esercizi fisici efficaci, ma erano inseriti in una ricerca personale ben più ampia.

L'Utilizzo del Pilates in Campo Atletico
21 Novembre 2016

L'Utilizzo del Pilates in Campo Atletico

Il metodo Pilates, per l'estrema versatilità che lo rende unico nel suo genere ha notevoli campi di applicazione, che vanno dal fitness ai settori riabilitativi nel campo ortopedico, oppure semplicemente per il mantenimento del benessere fisico.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.