ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Perché è così Difficile Buttare Giù la Pancia?

data di redazione: 01 Maggio 2016
Perché è così Difficile Buttare Giù la Pancia?

Le problematiche che comporta avere la pancia e perchè è difficile dimagrire nella zona addominale

A chi non piacerebbe essere magri e scolpiti, soprattutto a livello addominale? Ci vuole sacrificio e allenamento, costanza e determinazione. Ma non solo per una questione estetica.

La circonferenza addominale, che va misurata all'altezza dell'ombelico, e il suo rapporto con l'altezza, è un'indicazione accettata dalla ricerca scientifica come uno dei fattori di maggior rischio di complicanze cardiovascolari e metaboliche, semplicemente perché esprime un eccesso di massa grassa addominale.

Il suo valore non deve superare lo 0,55, sia per gli uomini che per le donne, e un valore superiore sta ad indicare un accumulo di grasso addominale, con tutti i rischi che poi si corrono e che vanno:

  • dalle patologie cardiovascolari, come l'aterosclerosi e l'ipertensione arteriosa
  • al diabete mellito di tipo 2
  • al "fegato grasso", sindrome metabolica e dislipidemie (colesterolo e trigliceridi elevati)

UOMINI E DONNE, LO STESSO VALORE?

DONNA

Nella donna il valore di circonferenza addominale più indicato è inferiore a 85 cm, e un valore di 88 cm è già un grave rischio prognostico di sviluppo delle malattie che abbiamo elencato sopra.

UOMO

Per quello che riguarda il sesso maschile un valore addominale pari o superiore ai 98 cm è già un rischio aumentato. Anche se l'accumulo addominale nei giovani è in genere un problema maschile, c'è da tenere conto che la donna in menopausa tende ad accumulare grasso addominale al pari dei maschi, acquisendo tutti i rischi cardiovascolari e dismetabolici tipici del sesso maschile.

Bisogna fare attenzione, perché il grasso addominale può diventare pericoloso. Una pancia bella rotonda, che può suscitare simpatia, può invece essere causa di patologie anche gravi. E non è affatto sinonimo di salute; il grasso addominale, viscerale e sottocutaneo, produce citochine, che sono proteine responsabili di infiammazioni locali e sistematiche, e fa invecchiare prima.

PERCHÈ È COSÌ DIFFICILE "CALARE" LA PANCIA

Se vogliamo davvero dimagrire, e quindi appiattire la fascia addominale, bisogna favorire la funzionalità del tessuto adiposo; se il tessuto adiposo addominale e sottocutaneo è infiammato per la presenza di citochine date dagli adipociti aumentati di volume, l'ossigeno si riduce, il tessuto connettivo si altera e diventa difficile perdere grasso. Un tessuto adiposo infiammato tende perciò a cronicizzare la propria infiammazione, ed ecco spiegato il perché è così difficile dimagrire.

Se davvero si vuole perdere peso quindi è necessario scegliere un'alimentazione che riduca il volume degli adipociti, ma anche favorire ogni intervento nutrizionale capace di ridurre l'infiammazione. Un corpo bello, tonico e in salute nasce da un tessuto adiposo sano.

ALTRI SVANTAGGI DELLA "PANCIA"

  • Esteticamente non è un bel vedere
  • Diventa più difficoltoso fare qualsiasi attività sportiva (pensate di dover andare a correre con una zavorra di 10 kg attaccata all'addome!)
  • Negli uomini contribuisce a ridurre il livello di testosterone, fa diminuire la sensazione di forza ed energia e fa calare il desiderio sessuale
  • Influisce in negativo sul sistema cardiovascolare; Pensate che un chilo di grasso addominale contiene circa tre chilometri di nuovi capillari, per cui chi ha 10 kg di grasso in eccesso di massa adiposa localizzata nell'addome, avrà circa 30 km di vasi sanguigni in più, con conseguente sforzo del cuore per spingere avanti il sangue. Quello che ne consegue è un incremento della pressione arteriosa e possibili aritmie cardiache
  • La pancia crea le condizioni per la comparsa di steatosi epatica, ovvero il cosidetto "fegato grasso"
  • La pancia provoca una riduzione di massa magra muscolare; proprio nei muscoli sono presenti i mitocondri, organelli piccoli ma molto attivi che hanno la funzione di bruciare, al loro interno, gli acidi grassi insaturi
  • Grasso richiama grasso; con la diminuzione della massa muscolare anche il numero dei mitocondri diventa più piccolo e si genera un accumulo progressivo di grasso con conseguente aumento di peso, creando un vero e proprio circolo vizioso

Ti potrebbe interessare:

  1. PERDERE GRASSO ADDOMINALE CON LE KETTLEBELL
  2. 35 MODI PER PERDERE GRASSO ADDOMINALE
  3. SIX PACK E CIBO


Potrebbe interessarti anche

Acquapilates, che cos'è e a chi si rivolge
02 Ottobre 2014

Acquapilates, che cos'è e a chi si rivolge

Il successo e la popolarità che il metodo Pilates ha ottenuto negli ultimi anni ha determinato il desiderio da parte dei trainer prima americani, poi europei, di trasporne principi e metodologie all'interno dell'ambiente acquatico. E' proprio dall'unione delle tecniche benefiche del Pilates e dell'esercizio fisico in acqua, pur con alcune varianti, che ha origine l'Acquapilates...

Il Portamento Perfetto
09 Gennaio 2016

Il Portamento Perfetto

I classici errori nel portamento e consigli utili per camminare in modo corretto

Avere un buon portamento è importante, dà di noi all'istante un'impressione positiva in chi non ci conosce e ci vede per la prima volta; se i nostri movimenti saranno elastici ed armoniosi nella camminata oltre a rendere il nostro aspetto più giovanile trasmette anche sensazioni di eleganza e rispettabilità.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.