(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Personal Trainer

data di redazione: 20 Giugno 2018 - data modifica: 26 Giugno 2018
Personal Trainer

Cos'è, Cosa Fa, Come si Diventa e Altre Notizie Utili

Cos'è il Personal Training?

Il Personal Training rappresenta l'ultima evoluzione nel mondo del Fitness. 

Il Personal Training è un vero e proprio servizio completo, realizzato su misura attorno al cliente, per fare ciò bisognerà avere informazioni utili, con il fine di realizzare un piano ben strutturato e soprattutto efficace.

Bisognerà tenere conto del:

  • tipo di lavoro del cliente
  • disponibilità di tempo del cliente
  • luogo di allenamento (palestra, casa, aperto)
  • tipologia di allenamento (pesi, attività cardio, arti marziali e/o sport da combattimento, ecc ecc..)

Chi è il Personal Trainer?

Quando si pensa al personal trainer, nell'immaginario comune, viene in mente un ragazzone super muscoloso, magari ex agonista di bodybuilding. powerlifting o altro sport di potenza.

Non è proprio così! Ovviamente un personal trainer che si rispetti deve essere anche in forma, ma non necessariamente deve essere una montagna.

Il personal trainer è una professione che deve prevedere uno studio continuo di diverse materie del settore, utili per strutturare un piano altamente professionale. 

Il personal trainer non è il classico istruttore di sala, è una persona altamente specializzata, che deve garantire un lavoro di qualità al proprio cliente.

Le palestre commerciali puntano alla quantità di clienti, i quali non sempre hanno tutta l'attenzione degli istruttori. Si paga l'abbonamento e poi non sempre si è seguiti in maniera certosina.

Gli studi di personal training invece puntano alla qualità dei clienti. Pochi clienti, ma ben seguiti che hanno al termine del lavoro. risultati indubbiamente di eccellenza.

E' ciò che sta accadendo al giorno d'oggi nel mondo del fitness.

L'importanza del Fitness per La Salute

Innanzittutto cos'è il Fitness?

L'OMS (organizzazione mondiale della sanità) ritiene che la salute della persona è direttamente proporzionale allo stato di forma:

" La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non meramente l'assenza di malattia o infermità, è un fondamentale diritto umano e il conseguimento del più alto livello possibile di salute è il più importante obiettivo sociale del mondo intero, la cui realizzazione richiede l'azione di molti altri settori sociali ed economici oltre al settore della salute"

Il fitness è uno strumento con il quale l'individuo diventa padrone della propria salute in quanto allenamento, alimentazione, riposo e alcune regole che l'individuo si impone diventeranno uno stile di vita sano.

Alcuni parametri come:

  • Il controllo del peso
  • Il controllo della composizione corporea (% massa magra, % massa grassa)
  • L'attenzione verso l'alimentazione
  • Controllo dei parametri fisiologici (pressione, frequenza cardiaca a riposo e sotto sforzo, esami del sangue)
  • La rinuncia a sostanze nocive come fumo ed alcool

Danno come risultato una salute invidiabile. Il Fitness non è solo allenamento ma è un vero e proprio stile di vita.

Questo ha reso il personal trainer una figura, nel mondo professionale, altamente importante e pertanto deve essere anche altamente professionale.

A chi è rivolto il Personal Training?

Il personal trainer è un professionista che si rivolge ad un pubblico vasto, dalla pensionata al campione agonista. 

Il personal trainer può lavorare esclusivamente con la persona oppure condurre master class con piccoli gruppi di massimo 5-6 clienti, in modo tale da avere sempre la situazione degli atleti sotto controllo.

Cosa deve fare un Personal Trainer?

La Gestione del Cliente

  • Richiedere informazioni utili al cliente
  • Corretta interpretazione delle informazioni per stilare un buon programma globale
  • Definizione degli obiettivi
  • Saper illustrare un programma
  • Motivare il cliente
  • Mostrare interesse verso il proprio cliente
  • Gestione dinamica del programma del cliente 
  • Dimostrare i risultati al cliente attraverso dati

E' di fondamentale importanza il colloquio iniziale con il cliente, dal quale il personal trainer deve acquisire molte informazioni utili.

Il personal trainer deve capire cosa vuole il cliente, cercando di realizzare un programma globale che sia accessibile, funzionale e soprattutto efficace.

Non bisogna fornire ciò che piace al Trainer, ma ciò che sia utile per il cliente.

Le informazioni da conoscere sono:

  • obiettivo del cliente
  • motivazione del cliente nell'affrontare il programma (più o meno convinto)
  • eventuali problemi fisici e psichici
  • disponibilità di tempo (sia in giornate alla settimana, che di tempo per la seduta)
  • esigenze di natura logistica

Dopo aver raccolto le informazioni e constatato lo stato fisico del cliente, bisognerà fissare un obbiettivo finale del percorso che sia accessibile attraverso il lavoro svolto.

L'obbiettivo finale non deve essere utopistico in quanto il cliente potrebbe deprimersi molto presto. 

Bisognerà definire anche un obiettivo intermedio e ovviamente bisognerà stabilire le tempistiche.

Un personal trainer deve aver una buona conoscenza dell'informatica in modo tale da poter illustrare al meglio i propri programmi attraverso foto, gif animate, video.

Durante la seduta di allenamento bisogna spiegare al cliente il perché di alcuni esercizi e/o protocolli in modo da rendere interessante la seduta.

Il cliente vuol sapere come spende i propri soldi e tempo, pertanto bisogna dare massima assistenza tecnica e teorica durante le sedute di allenamento.

La motivazione è il motore dei risultati!

Un buon personal trainer dovrà motivare al massimo il proprio atleta richiedendo:

  • Puntualità (arrivare in ritardo significa che l'atleta da poca importanza all'allenamento)
  • Costanza (sono i piccoli passi a fare i km)
  • Cambiare le brutte abitudini 
  • Fornire allenamenti vari e divertenti
  • Realizzare allenamenti avvincenti e divertenti
  • Tranquillizzare il cliente quando non riesce a superare i test, cercando di dargli la carica giusta per la volta successiva
  • Evidenziare i risultati ottenuti
  • Consolidare i risultati ottenuti

Bisogna mostrare interesse verso il proprio cliente, e essere felici dei risultati che otterrà. Bisogna pertanto che il personal trainer:

  • Segua attentamente tutte le fasi dell'allenamento (riscaldamento, fase di allenamento, de-training)
  • Seguire l'atleta aiutandolo a caricare le macchine e gli attrezzi. Questo è un atteggiamento positivo utile per instaurare un feeling tra trainer ed atleta
  • Instaurare un contatto via mail, telefono, chat per seguire e monitorare lo stile di vita del cliente. 
  • A tal proposito il personal trainer dovrà essere sempre cordiale e professionale anche quando il cliente salterà qualche seduta. Dovrà cercare di riportalo sulla retta via.

Il personal trainer deve sempre stupire, deve organizzare allenamenti vari, divertenti e progressivamente più duri e performanti in modo tale da nutrire l'interesse del proprio cliente.

Avere il monitoraggio dei dati (carichi, tempi, peso corporeo, % di grasso) permetterà al personal trainer di poter illustrare i miglioramenti al proprio cliente il quale avrà ulteriore motivazione per migliorarsi.

Gratificare il cliente rappresenta un'asso nella manica incredibile a patto che gli apprezzamenti verso il lavoro svolto siano sinceri.

I risultati parziali o finali ottenuti, la condotta mantenuta, l'impegno sono tutti fattori che permetteranno al personal trainer di congratularsi con il proprio cliente, il quale molto probabilmente continuerà il rapporto di lavoro.

La fedeltà e costanza possono essere premiate con piccoli gadget come ad esempio guanti, diario di allenamento, 1 rubber band, 1 corda per saltare.

Suggerimenti Operativi per il Colloquio con i Clienti

Il Personal Trainer deve avere l'acortezza di effettuare il colloquio con il proprio cliente in un'ambiente confortevole.

Luoghi angusti, tetri, privi di luce dovrebbero essere evitati, in quanto il cliente deve essere convinto al 100% di investire nel nostro operato.

Il Personal trainer deve essere perspicace e cioè deve capire immediatamente i bisogni del suo futuro cliente.

Inoltre deve essere un professionista preparato che sappia rispondere alle eventuali domande del proprio cliente, senza arrampicarsi sugli specchi, bisogna conoscere e soprattutto amare la materia.

Sintetizzando:

  • Focus sugli obiettivi del cliente
  • Elaborazione di una strategia operativa
  • Proposta pratica al cliente

Informazioni da chiedere al Cliente

Quali informazioni deve chiedere il Personal Trainer al proprio cliente:

  • Dati anagrafici
  • Professione
  • Sport praticati 
  • Sport attualmente effettuato
  • Esigenze
  • Obiettivo
  • Tempo a disposizione
  • Logistica per l'allenamento
  • Eventuali patologie mediche

E' doveroso rappresentare che i dati raccolti sono regolamentati da corrente legislazione sulla privacy a cui il personal trainer deve attenersi.

Una volta raccolte le informazioni, che deve fare un personal trainer?

  • Analizzare i dati raccolti
  • Definizione dell'obiettivo finale
  • Inserire un obiettivo intermedio
  • Strutturare il programma
  • Inserire le Valutazioni funzionali e prestazionali da eseguire al termine e durante il percorso.

E' importante che il Personal Trainer sappia spiegare in maniera dettagliata il proprio piano di lavoro al cliente.

In tale fase bisogna che far capire al cliente che la costanza, precisione e modifica dello stile di vita saranno fondamentali per la buona riuscita del programma.

Comportamento da adottare

Non bisogna rendere l'allenamento noioso con un atteggiamento antipatico da saccenti. Il personal trainer deve coinvolgere il proprio cliente in maniera positiva, lo deve gasare e non demotivare!

Per creare la sinergia con il proprio cliente è utile allenarsi con lui, o perlomeno assisterlo in tutto e per tutto facendo da spotter e/o compagno di allenamento.

Per creare l'empatia è utile:

  • Aiutare nella sistemazione degli attrezzi (panche, bilancieri, macchine, manubri ecc)
  • Monitorare i tempi di recupero degli esercizi
  • Compilare il diario di allenamento
  • Seguire l'esecuzione dei movimenti
  • Motivare il cliente durante gli esercizi

Come avviene nelle arti marziali il personal trainer deve:

  • Mostrare l'esecuzione dell'esercizio (se non si conoscono alcuni movimenti, è bene non fornirli!!)
  • Spiegare gli esercizi durante l'esecuzione
  • Speigare gli eventuali errori e criticità degli esercizi
  • Motivare la presenza di un determinato esercizio nella scheda di allenamento
  • Spiegare quali muscoli stiamo allenando con un determinato esercizio
  • Correggere eventuali errori di esecuzione
  • Proporre eventuali variazioni in caso che l'esercizio non sia di gradimento o non sia appropriato per il cliente

Quando spiegare il programma?

Il cliente paga la seduta per allenarsi e non per sentirvi parlare. E' bene che il Personal trainer utilizzi i tempi di recupero e di riscaldamento per spiegare il programma del giorno in modo tale da ottimizzare i tempi.

Come dimostrare al cliente i progressi ottenuti?

  • Test funzionali sugli esercizi
  • Test sulla forza
  • Test sulla resistenza
  • Test sulla flessibilità
  • Test sulla soglia aerobica

I test sono molto importanti per dare un risultato tangibile e non virtuale al proprio cliente. Avere una certa conoscenza informatica vi permetterà di effettuare dei grafici da mostrare al cliente e da inserire nello storico.

La passione per tutto ciò che riguarda il mondo del fitness è ciò che caratterizza un personal trainer. 

Un medico studia per tutta la vita, un fisioterapista idem e allo stesso modo anche il personal trainer dovrà aggiornarsi, per rendere il proprio mestiere altamente professionale e al passo con i tempi.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Spring Energie o Step Elastico, l'allenamento sulla pedana ammortizzata
01 Ottobre 2014

Spring Energie o Step Elastico, l'allenamento sulla pedana ammortizzata

Migliorare l'equilibrio, stimolare la forza, rassodare gli arti inferiori e dimagrire

Lo Spring Energie è stato ideato da un gruppo di istruttori ISEF, è considerato l'erede in versione evoluta dello Step. L'uso di questo “Step Ammortizzato” si sta diffondendo rapidamente in quanto consente di allenare rapidamente i muscoli del corpo, limitando traumi o microtraumi alle caviglie, alle ginocchia e alla colonna vertebrale.

Attività fisica e rendimento professionale
03 Maggio 2015

Attività fisica e rendimento professionale

Come l’esercizio fisico può migliorare le tue prestazioni lavorative

L'esercizio fisico regolare e l'attività fisica, in particolare l'esercizio aerobico, migliora la velocità, l'efficienza e l'accuratezza del funzionamento cognitivo, migliorando la concentrazione e la tua attenzione per ciò che stai svolgendo.Andare in palestra prima o dopo il lavoro (o nella pausa pranzo) può fare miracoli in termini di prestazioni lavorative. Ecco come

Ultimi post pubblicati

SIT UP SU PANCA INCLINATA
19 Settembre 2018

SIT UP SU PANCA INCLINATA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

CRUNCH SULLA PANCA
19 Settembre 2018

CRUNCH SULLA PANCA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.