Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Dimagrire Velocemente in 10 Mosse

data di redazione: 07 Luglio 2016
Dimagrire Velocemente in 10 Mosse

1 - RIDURRE LE CALORIE

Gli esperti in nutrizione affermano che bisogna ridurre a 500 le calorie giornaliere per poter dimagrire. Questo obiettivo non va raggiunto saltando i pasti, ma combinando una buona sessione di attività fisica e una dieta equilibrata. Il consiglio che possiamo darvi è quello di evitare ciò che è superfluo come lo zucchero, le merendine a colazione, la colazione al bar, le bevande gassate durante la giornata, l'alcol.

2 - RIDURRE I CARBOIDRATI

Per liberarvi di quel grasso ostinato e cominciare a costruire dei muscoli, servono le proteine.

  • Il corpo può bruciare proteine per sopravvivere, ma preferisce i carboidrati e i grassi.
  • Quindi, quando si forniscono solo proteine da mangiare, andrà a prendere grassi e carboidrati che hai già immagazzinato.
  • Oltre a questo, le proteine riparano le fibre muscolari.

3 - NON TRASCURARE LE PROTEINE

Incrementando il consumo di proteine è possibile perdere il peso in eccesso così come dimagrire velocemente in una settimana in quanto la sensazione di fame è notevolmente attenuata. I grassi, i carboidrati e le proteine, che sono i principali gruppi alimentari, influiscono in diversi modi sul tuo organismo. Se vuoi sapere come dimagrire velocemente devi bilanciarli adeguatamente. I cibi ad alto contenuto proteico sono quelli che ti saziano maggiormente. Puoi dimagrire in fretta con le proteine perché ti senti sazio mangiando meno.

4 - NON CONSUMARE CARBOIDRATI DA SOLI?

Cuociamoli il meno possibile: conterremo l’indice glicemico. Consumiamoli insieme alle fibre solubili e insolubili di verdura, legumi e frutta (una pasta integrale con le verdure è più adatta ad un regime dimagrante di una pasta integrale in bianco!). In questo modo rallenteremo l’assorbimento dei carboidrati evitando di richiamare eccessiva insulina durante la digestione.

  • Consumiamoli in un pasto in cui siano presenti anche proteine e grassi, cioè preferiamo il piatto unico: anche questa è una strategia per contenere l’innalzamento della glicemia.

5 - EVITARE I CARBOIDRATI PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

Molte persone decidono di saltare la cena pensando di riuscire a dimagrire con più facilità. Si tratta di un errore. Non cenare comporta trascorrere circa 10 ore senza che l’organismo riceva alcun nutriente. Avverrà un rallentamento del metabolismo. È importante che ceniate e che lo facciate seguendo questi consigli:

  1. cenate due ore prima di andare a letto
  2. la cena deve essere leggera

L’ideale è che la cena includa proteine, fibre, vitamine e persino carboidrati, dovete fare attenzione proprio alle insalate visto che in queste ultime ore della giornata sono più difficili da digerire.

6 - ASSUMERE OSSIDO NITRICO ALLA SERA

La produzione di ossido nitrico è fondamentale durante la notte, la sua carenza, con l'età, può essere fonte di problemi. L’ossido nitrico è un gas presente naturalmente nell’organismo, che supporta la funzionalità del sistema cardiovascolare e può favorire la circolazione sanguigna. Un buon apporto di frutta e verdura, unito ad uno stile di vita attivo, può aiutare ad aumentare i livelli di ossido nitrico; particolarmente importante quando i livelli di ossido nitrico iniziano a diminuire a partire dai 30 anni.

7 - MANGIARE DOPO L'ALLENAMENTO

Il momento migliore del pasto di recupero sarebbe nell'immediato post allenamento, cioè tra i 15' e l'ora dal termine dell'allenamento. Questo perchè è proprio in quello speciale lasso di tempo che gli "operai" della ricostruzione sono più attivi. Ma senza materiale per ristrutturare le proteine muscolari o ripristinare le scorte di glicogeno gli "operai" possono fare ben poco. Infatti ormoni come il testosterone, il GH, l'IGF-1 necessitano di proteine o aminoacidi per "restaurare"le proteine muscolari, mentre l'insulina ha bisogno di carboidrati come segnale per entrare nel circolo ematico e mediare l'entrata degli zuccheri nelle cellule muscolari ed epatiche.

8 - EVITARE I CARBOIDRATI RAPIDI PRIMA DELL'ALLENAMENTO

E' opportuno evitare l’assunzione di una quantità elevata di carboidrati prima del workout, perché essa aumenta il rilascio di insulina, che a sua volta abbassa la glicemia provocando un senso di spossatezza e di conseguenza compromettendo l’intensità e l’efficienza dell’esercizio fisico. Tale pratica è sconsigliata per chi vuole cesellare il proprio fisico, insomma per chi desidera addominali visibili, perché il rilascio d’insulina può inibire o rallentare l’eliminazione dei grassi.

9 - SVUOTARE LE RISERVE DI GLICOGENO OGNI 2 SETTIMANE

Il glicogeno muscolare è la più importante fonte di energia dei muscoli. Quando i muscoli hanno bisogno di glucosio, attingono dal glicogeno "smontando" gradualmente le catene di glucosio di cui è formato.

Dopo un'attività fisica di una certa intensità e durata, le scorte di glicogeno sono parzialmente consumate e vanno ripristinate con l'alimentazione. Il modo più efficiente e veloce per ripristinare le scorte di glicogeno è quella di assumere carboidrati ad alto indice glicemico.

I carboidrati ad alto indice glicemico (AIG) comportano una iperproduzione di insulina, l'ormone che regola la suscettibilità delle cellule muscolari ad incamerare carboidrati: per questo i carboidrati AIG consentono un ripristino ottimale delle scorte di glicogeno.

10 - ALLENARSI CON INTENSITA' MA NON AL MASSACRO

Il cortisolo è un ormone che viene prodotto dalle ghiandole surrenali, è un ormone di tipo steroideo (deriva cioè dal colesterolo) e viene sintetizzato su stimolazione dell’ormone adrenocorticotropo (ACTH) prodotto dall’ipofisi.

E’ conosciuto come ormone dello stress in quanto la sua secrezione, unita a quella dell’aldosterone, altro ormone prodotto dalle ghiandole surrenali, aumenta in condizioni di affaticamento psico-fisico promuovendo il catabolismo:

  • Troppi Allenamenti durante l'arco della settimana
  • Troppa intensità negli esercizi
  • Recuperi incompleti
  • Diete troppo rigide
  • Vita sociale
  • Lavoro
  • Famiglia

Sono tutti punti che elevano il cortisolo, il quale se presente in grosse quantità inibisce il testosterone e quindi anche la perdita di grasso. Allenatevi con giudizio, con intensità, ma senza ammazzarvi.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Dimagrimento con l'Allenamento Funzionale a Circuito
17 Novembre 2016

Dimagrimento con l'Allenamento Funzionale a Circuito

Circuito funzionale dimagrante denominato BASTARD

L'allenamento a circuito è un ottimo metodo per dimagrire e tonificare tutto il fisico.

Programma di allenamento a circuito per resistenza e dimagrimento localizzato
02 Ottobre 2014

Programma di allenamento a circuito per resistenza e dimagrimento localizzato

schede di allenamento a circuito per dimagrire in modo localizzato

I programmi di allenamento a circuito sono conosciuti nel mondo dell’allenamento con il nome di “Circuit Training” . Il Circuit Training è composto da metodiche di esercizio fisico che possono trovare applicazione in ogni genere di allenamento, allenamento per : Fitness, Functional Training, Body Building , MMA , arti marziali, Calcio , Pallavolo, basket, podismo ecc ecc... Il Fine principale del programma di allenamento a circuito è quello di migliorare la resistenza fisica e nel contempo di tonificare e dimagrire , è’ possibile con alcune metodiche e trucchi del mestiere dimagrire anche in modo localizzato per cercare di ridurre gli inestetismi fisici femminili e maschili . 

Ultimi post pubblicati

Scheda da 3 Giorni Per Ingrossare Le Braccia
30 Novembre 2019

Scheda da 3 Giorni Per Ingrossare Le Braccia

In questo articolo parleremo del metodo indiretto e diretto per far aumentare la massa muscolare delle braccia. Si può definire lavoro INDIRETTO quello non diretto allo scopo.

Super Circuito Per Tonificare e Dimagrire
23 Novembre 2019

Super Circuito Per Tonificare e Dimagrire

Il Circuit Training è una forma di allenamento in cui gli atleti ruotano attraverso un determinato numero di stazioni, eseguendo diversi esercizi a tempo o ripetizioni, con il minimo riposo fino al completamento del circuito.