Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Spring Energie o Step Elastico, l'allenamento sulla pedana ammortizzata

data di redazione: 21 Ottobre 2013 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Spring Energie o Step Elastico, l'allenamento sulla pedana ammortizzata

Migliorare l'equilibrio, stimolare la forza, rassodare gli arti inferiori e dimagrire

Lo Spring Energie è stato ideato da un gruppo di istruttori ISEF, è considerato l'erede in versione evoluta dello Step. L'uso di questo “Step Ammortizzato” si sta diffondendo rapidamente in quanto consente di allenare rapidamente i muscoli del corpo, limitando traumi o microtraumi alle caviglie, alle ginocchia e alla colonna vertebrale. Rappresenta inoltre una sfida motoria all'abilità di coordinazione: la sua instabilità, infatti, aumenta il senso dell'equilibrio, incrementando l'elasticità di muscoli e tendini.

Lo sprin Energie è una pedana morbida, basculante e molleggiata che riduce l'impatto tipico dello step tradizionale. Sfruttando l'energia elastica che questo strumento sprigiona, si possono creare coreografie caratterizzate da un lavoro di tonificazione e rafforzamento muscolare misto la potenziamento dell'equilibrio e della coordinazione. L'instabilità insita nello “step elastico”, infatti, allena la sensibilità propriocettiva della persona consentendo un migliore controllo dei movimenti e una perfetta reattività dei singoli muscoli.
Gli esercizi a tempo di musica, inoltre, determinano un'intensa attività aerobica che agevola il dimagrimento.

Chi può praticare lo Spring Energie?
I corsi di Spring Energie sono vari e consentono di ottenere benefici complessivi a tutti, uomini e donne senza limiti di età. Chiunque può allenarsi con lo “step elastico”, valutando prima l'intensità più idonea al proprio livello di preparazione. Chi desidera rafforzare i muscoli di gambe, glutei e polpacci potrà potrà farlo senza incorrere in spiacevoli traumi articolari. Questa disciplina consente, inoltre, a chi desidera perdere peso di smaltire un'alta percentuale di calorie, tenendo in allenamento i muscoli del corpo, la circolazione e il senso dell'equilibrio.

Che tipo di allenamento è previsto?
Esistono diversi metodi basati sull'impiego dello Spring Energie e che sviluppano tipi di allenamento specifici: propedeutici all'attività di discipline sportive, finalizzati alla rieducazione funzionale, fino a programmi per la terza età.

Tuttavia, ogni lezione garantisce una struttura piuttosto definita e l'impiego di musiche idonee; si inizia con una fase di riscaldamento, si prosegue con l'esecuzione di esercizi mirati al potenziamento muscolare e cardiocircolatorio, a intensità progressiva e con la creazione di coreografie più o meno evolute, fino al defaticamento con esercizi per la fascia addominale e di stretching.

I benefici che lo Spring Energie consente, sono dati dati da un allenamento completo e sicuro che riequilibra la muscolatura senza sovraccaricare le articolazioni degli arti inferiori. Stimola forza, elasticità ed estensione del polpaccio, sviluppando una progressiva tonicità dei muscoli addominali, delle gambe e dei glutei, migliora le funzioni del sistema cardiocircolatorio, la coordinazione e l'armonia dei movimenti e affina il senso dell'equilibrio.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenamento Pesi Principianti: Come Iniziare?
18 Marzo 2019

Allenamento Pesi Principianti: Come Iniziare?

Iniziare o ricominciare ad allenarsi è sempre un fattore positivo. Lavorare sul proprio fisico significa volersi bene, vederlo trasformarsi in positivo è un'enorme soddisfazione

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.