(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Total Body Conditioning, che cosè e a cosa serve

data di redazione: 02 Ottobre 2013 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Total Body Conditioning, che cosè e a cosa serve

Per chi vuole tenersi in forma nella sfera Fitness

Total Body Conditioning

Questo sistema di condizionamento e di tonificazione muscolare totale è tra i più completi che si possono praticare all'interno di palestre e di centri sportivi. Pur con programmi differenziati, in base all'intensità dell'allenamento o alla preparazione, più o meno avanzata, del gruppo di lavoro a cui è rivolto, questo metodo che comprende una serie estesa di tecniche ginniche, riprese dall'Aerobica, dal Bodybuilding e dal corpo libero tradizionale, consente di migliorare complessivamente la forma fisica di chi lo pratica e di conseguire svariati benefici.


Ai risultati in termini di potenziamento del tono muscolare, si aggiungono quelli a livello motorio, cardiovascolare e respiratorio, il tutto con gradualità ed in piena sicurezza, grazie anche al supporto musicale che aiuta a mantenere il rutmo durante il lavoro, e all'ausilio di piccoli attrezzi come step, manubri, elastici, cavigliere e pesi che ne incrementano gli effetti.

Il condizionamento o definizione muscolare, consiste nel fare allenare i propri muscoli attraverso un tipo di contrazione diversa da quella utilizzata naturalmente, al fine di ottenere una migliore attività neuromuscolare e, quindi, una maggiore tonicità, e un potenziamento della resistenza e della condizione nutritiva o trofica del muscolo.
Il Total Body Conditioning risulta un buon metodo di allenamento non solo per incrementare la forza muscolare e la resistenza ma anche per aumentare la qualità delle prestazioni generali dell'individuo.

Che cos'è quindi il Total Body Conditioning

E' un sistema di allenamento completo che combina svariate tecniche di esercizio finalizzate al condizionamento muscolare, unitamente al miglioramento dell'attività cardiovascolare e alla forma estetica complessiva del corpo.
La pratica di questa attività comprende sia un tipo di allenamento muscolare a "carico naturale", che impiega, in sintesi, esclusivamente il proprio corpo (ad esempio camminare, correre e saltare), o alcune sue parti (sollevare un braccio o una gamba, flettersi da un lato ecc.) nell'esecuzione dei movimenti e degli esercizi, sia un allenamento con sovraccarico, o a carico esterno, che prevede l'utilizzo di specifici strumenti (cavigliere, pesi e attrezzi vari) per migliorare qualità e potenza della prestazione.


Ripetizione e progressività sono componenti fondamentali di tale metodo, in quanto è necessario che l'organismo si abitui a gestire nuove e più elevate tensioni attraverso un corretto e personale assestamento fisiologico, in modo da preservarlo da eventuali traumi e lesioni, soprattutto ai legamenti e ai tendini che necessitano di un tempo maggiore di adattamento rispetto ai distretti muscolari.
Ne deriva che bisogna soffermarsi alcuni giorni su un determinato carico (almeno 10-15) prima di passare al successivo, aumentando invece il numero di ripetizioni con lo stesso (da 8 a 10, fino a 12).


Diversamente, affrettando i tempi nell'incremnto dei carico per aumentare velocemente la capacità di forza e la massa muscolare, potranno insorgere processi infiammatori o traumi ai tendini e legamenti.
Anche il rispetto individuale del ritmo esecutivo di contrazione e decontrazione muscolare è un fattore determinante di questa pratica, in quanto consente di bilanciare gli effetti sul sistema circolatorio e sulla produzione di acido lattico.

Per i principianti è consigliato l'inserimento di una pausa a ogni ripetizione, oppure di non superare i 10/15 secondi di contrazione, mentre i soggetti allenati che desiderano stimolare la resistenza muscolare all'acido lattico devono protarre il lavoro per 30/40 secondi senza soste.

La presenza dell'istruttore, unito al buon senso individuale e alla capacità di "sentire il proprio corpo", risulta fondamentale per raggiungere i risultati prefissi senza compromettere lo scopo benefico di questa ginnastica.

La componente musicale, inoltre, è importante non solo perchè aiuta a scandire il ritmo durante l'allenamento ma anche perchè stimola i partecipanti a metabolizzare lo sforzo e la fatica.

 

Chi può praticare il Total Body Conditioning


Essendo un sistema di allenamento che, se praticato correttamente e calibrato sulle effettive capacità di prestazioni individuali, può essere praticato da tutti, uomini e donne, giovani e meno giovani, principianto o atleti evoluti.
E ìn particolarmente indicato a chi desidera definire la muscolatura del proprio corpo nella sua totalità, rafforzare l'attività cardiocircolatoria, potenziare la capacità di forza e resistenza, migliorare l'equilibrio e l'elasticità sviluppando, al contempo, una postura corretta.

Chi ha bisogno di rimettersi in forma dopo lunghi periodi di inattività e coloro che vogliono perdere peso, mirando ad un miglioramento estetico complessivo del proprio corpo, possono trovare in questa avvolgente ed intensa attività fisica una soluzione efficace e pertinente ai propri bisogni.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Full Body Con Pochi Attrezzi
03 Ottobre 2018

Full Body Con Pochi Attrezzi

i principali esercizi che andremo a svolgere in una scheda full body saranno esercizi multiarticolari, ottimi perchè durante la loro esecuzione coinvolgeranno più gruppi muscolari. 

Full Body solo Manubri
05 Luglio 2017

Full Body solo Manubri

Il seguente programma è stato progettato per coloro che hanno solo un paio di manubri come strumento di allenamento.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.