Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Integrazione: Amminoacidi Aminoacidi Ramificati BCAA

data di redazione: 11 Marzo 2014 - data modifica: 25 Novembre 2018
Integrazione: Amminoacidi Aminoacidi Ramificati BCAA

A cura del Personal Trainer M. Valente

Quello dell’integrazione alimentare è uno degli argomenti seguiti con maggiore interesse da chi pratica attività fisica ad un livello superiore a quello amatoriale.

Le proteine in polvere sono senza dubbio l’integratore alimentare più noto sul mercato e allo stesso tempo il più consumato, ma gli aminoacidi ramificati BCAA si piazzano tranquillamente al secondo posto, di questa classifica del tutto ipotetica, insieme alla creatina. 

Vorrei quindi soffermarmi sugli aminoacidi per dare modo a chi, magari alle prime armi sull’argomento, si trova un po’ spiazzato leggendo di tutto e di più su vari siti web specializzati e non.


Gli aminoacidi ramificati (BCAA) sono un gruppo di tre dei nove aminoacidi essenziali presenti nel nostro organismo. 

Essi sono leucina, isoleucina e valina e giocano un ruolo molto importante nella supplementazione di uno sportivo.
Facendo essi parte dei nove aminoacidi essenziali non vengono sintetizzati in automatico dall’organismo. 

Ciò comporta che devono essere assunti attraverso alimentazione specifica e/o integrazione.

 

Essi possono essere considerati come i “mattoni” dei nostri muscoli in quanto svolgono per essi azioni di fondamentale importanza.

 

Infatti:

  • Assunti dopo l’allenamento mantengono e accrescono la massa magra;
  • In regime di dieta riescono a preservare la muscolatura;
  • Forniscono energia al nostro organismo, in particolar modo se assunti prima o durante l’allenamento;
  • Assunti prima di un allenamento cardiovascolare riescono a ridurre la concentrazione di lattato post allenamento aumentando allo stesso tempo il livello dell’ormone della crescita (GH).

 

Purtroppo solo una piccola percentuale degli aminoacidi presenti nelle proteine alimentari è rappresentata dagli aminoacidi ramificati (circa il 12-15%), per questo motivo nel caso in cui volessimo introdurli nel nostro organismo solamente attraverso l’alimentazione classica dovremmo consumare un’elevata quantità di alimenti proteici, che comporterebbe però un notevole aumento calorico e una maggiore difficoltà digestiva per il nostro organismo.

 

Cosa fare allora? 

Semplice, basta assumerli attraverso integratori specifici, presenti in varie tipologie in qual si voglia negozio di integratori.

La maggior parte di integratori di BCAA disponibili sul mercato presentano al loro interno un rapporto tra i tre aminoacidi di 2:1:1, ovvero la quantità di leucina è il doppio di isoleucina e valina. Questo è considerato il rapporto ideale per il nostro organismo.

Non si rivela comunque difficile imbattersi in integratori di BCAA che presentano una diversa composizione, ovvero un 4:1:1 dove sempre la leucina è presente con un quantitativo quattro volte superiore rispetto a isoleucina e valina.

 

Questo perché, secondo diversi studi, la maggiore assunzione di leucina induce la massima risposta anabolica dopo una sessione in sala pesi, contribuendo a minimizzare i danni ai tessuti muscolari prodotti dall’allenamento favorendo così la sintesi proteica e un buon recupero.


Una volta scelto di assumere questo integratore alimentare, quale deve essere il suo dosaggio?


Sull’argomento le teorie sono diverse, sicuramente però quella che trova maggiormente seguito indica come dosaggio corretto quello di 1 gr di BCAA per ogni 10 kg di peso corporeo (ad esempio 8 gr di BCAA per un individuo di 80 kg di peso).

 

Secondo Carwyn Sharp, professore della fisiologia dell'esercizio al College of Charleston (South Carolina):
"I BCAA non sono necessari solo come componenti strutturali delle proteine per la crescita e la riparazione. Hanno molteplici proprietà che migliorano questi processi di crescita ben al di là dei normali amminoacidi"

Concludo dicendovi che ovviamente la scelta di assumere questo tipo di integratore è completamente vostra ma, ve lo consiglio soprattutto se siete atleti che recuperate con fatico da una dura sessione in palestra

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

TIROSINA PER IL MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI
22 Gennaio 2019

TIROSINA PER IL MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI

La tirosina è presente nelle proteine isolate della soia, nel pesce, nella carne, nel latte e nei formaggi, nelle uova e in tanti altri alimenti, ed è un aminoacido non essenziale, che viene sintetizzata dalla fenilalanina, questo invece è un aminoacido essenziale.

Beta Alanina contro l'Affaticamento Muscolare
25 Novembre 2018

Beta Alanina contro l'Affaticamento Muscolare

Uno dei Migliori Integratori che funziona davvero

La carnosina è naturale trovarla nelle fibre muscolari di tipo II, a contrazione veloce, il tipo che si occupa degli sprint e di altri movimenti esplosivi. In teoria avrebbe più senso  ingerire, come fonte integrativa, la carnosina, senza ingannare il corpo con la beta-alanina.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.