Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Ginseng e Ormoni

data di redazione: 17 Maggio 2015 - data modifica: 30 Dicembre 2016
Ginseng e Ormoni

La radice di Ginseng ha fatto parte della medicina tradizionale per migliaia di anni. Due sono gli impianti che comunemente vengono chiamati ginseng, uno è la pianta ginseng asiatica o coreana - Panax ginseng, e l'altro è chiamato ginseng americano - quinquefolius Panax.

Entrambi sono membri della stessa specie e contengono composti simili. Consigliato dai medici contro diverse malattie, il ginseng esercita almeno alcuni dei suoi effetti alterando i livelli di ormoni e agendo sul modo in cui interagiscono con il corpo, secondo alcuni risultati della ricerca.

Ormoni maschili e Ginseng


Il Ginseng è tradizionalmente usato per trattare l'infertilità e aumentare le prestazioni sessuali negli uomini, probabilmente influenzando i livelli di testosterone. La ricerca riassunta dagli esperti presso l'Università del Maryland Medical Center suggerisce che il ginseng asiatico potrebbe aumentare la produzione di sperma e la motilità degli spermatozoi, migliorare il desiderio sessuale e alleviare i problemi di erezione. Una revisione pubblicata nel 2008 sul "British Journal of Pharmacology" ha esaminato i risultati di sette piccoli studi clinici in cui gli uomini con disfunzione erettile hanno assunto il ginseng asiatico o un placebo. Le misurazioni delle prestazioni sessuali hanno suggerito che coloro che hanno assunto il ginseng, hanno sperimentato un miglioramento, gli autori hanno indicato che sarebbero stati necessari studi su larga scala per confermare questo vantaggio.

Ginseng e gli Effetti sullo Zucchero nel Sangue


Sia il ginseng americano che quello asiatico possono aiutare a mantenere la glicemia in una range sano e aumentare la sensibilità all'ormone insulina, soprattutto per le persone che hanno il diabete di tipo 2. Ciò è suggerito da uno studio di laboratorio pubblicato nel numero di luglio 2010 del "Journal of Ethnopharmacology" in cui gli animali che avevano ricevuto iniezioni quotidiane di ginsenoside, un componente del ginseng, hanno avuto livelli di glucosio nel sangue più bassi ed un più basso peso corporeo rispetto al gruppo placebo.

In uno studio clinico con ginseng asiatico, pubblicato nel numero di gennaio 2008 di "Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Disease," 19 soggetti umani con diabete di tipo 2 hanno ricevuto il ginseng ed avevano i livelli di zucchero nel sangue ben controllati oltre al miglioramento di altri indicatori di controllo del glucosio. I ricercatori hanno concluso che questi risultati preliminari erano promettenti, ma che necessitavano anch'essi di conferme con studi più ampi.

Ginseng e Ormoni Femminili


Il ginseng potrebbe anche contribuire ad alleviare alcuni dei sintomi della menopausa, possibilmente attraverso il bilanciamento dei livelli ormonali o al fatto che agisce come un estrogeno debole. In uno studio pubblicato nel aprile del 2010 su un numero del "Journal of Sexual Medicine", i ricercatori hanno scoperto che le donne in menopausa che hanno consumato 3 grammi di ginseng al giorno per due settimane hanno riscontrato una maggiore esperienza di eccitazione sessuale, rispetto al gruppo placebo.

Una revisione dei possibili benefici del ginseng per la menopausa, pubblicato nel numero di marzo 2012 sul "Journal of Ginseng Research," ha esaminato diversi studi controllati con placebo e ginseng sui sintomi della menopausa e ha concluso che può migliorare anche i problemi della depressione e dell'umore associati alla menopausa. Anche in questo caso, gli autori hanno affermato la necessità di studi su larga scala per confermare questo.

Ginseng e Dosaggio


Il ginseng è generalmente considerato una pianta sicura, senza effetti collaterali gravi. Anche se non è stata stabilita nessuna dose efficace raccomandata, gli studi hanno usato 1 o 2 grammi di ginseng grezzo al giorno, o 200 milligrammi di un estratto standardizzato che conteneva il 4-7 per cento di ginsenoside.
In generale, si dovrebbe prendere il ginseng per due o tre settimane, seguite da due settimane senza ginseng prima di riprendere il vostro apporto. Il ginseng può causare nervosismo o insonnia, soprattutto se si beve caffè o tè.
Prendete il ginseng con il cibo per evitare problemi di abbassamento dello zucchero nel sangue, ed evitarlo in caso di gravidanza o allattamento.

Il ginseng può interagire con i farmaci per il diabete, farmaci per la pressione del sangue e altri medicinali soggetti a prescrizione. In questi casi parlatene prima con il vostro medico se volete assumere il ginseng.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Tribulus Terrestris
19 Luglio 2015

Tribulus Terrestris

L'Integratore che Aiuta ad Incrementare i Livelli di Testosterone Endogeno

Il Tribulus Terrestris è una potente pianta medicinale avente un forte effetto sul testosterone e tutto ciò ad esso associato ( libido , buon umore, costruzione muscolare, sonno ristoratore , protezione del sistema cardiovascolare , riduzione del dolore); questa pianta è famosa anche tra gli atleti perché aumenta in modo significativo la resistenza ed è soprattutto un anabolizzante naturale (ha aiutato gli atleti bulgari a vincere numerose competizioni sportive senza incorrere in problemi con controlli anti-doping ). I suoi frutti , sono stati utilizzati nella medicina tradizionale cinese per anni, così come nella medicina ayurvedica ( India ) per più di 3.000 anni.

50 "Sfumature" di Testosterone
16 Giugno 2015

50 "Sfumature" di Testosterone

50 Consigli per Aumentare i Livelli di Testosterone in Modo Naturale

50 "Sfumature" di Testosterone è un modo goliardico per dare 50 semplici consigli su come aumentare i livelli di testosterone in modo naturale

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.