Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Creatina il Miglior Integratore Contro il Catabolismo del Lavoro Aerobico

data di redazione: 20 Gennaio 2016 - data modifica: 03 Dicembre 2016
Creatina il Miglior Integratore Contro il Catabolismo del Lavoro Aerobico

Molti studi pubblicati negli ultimi anni mostrano che combinare l'attività aerobica e quella anaerobica (allenamento pesi) limita i guadagni di massa muscolare e forza.

La spiegazione comune è che l'attività combinata favorisce i percorsi metabolici che interferiscono con l'aumento della sintesi proteica nei muscoli, necessaria per costruire massa e forza.

Un'altra spiegazione possibile è semplicemente il superallenamento che provoca una secrezione maggiore dell'ormone surrenale cortisolo. Il Cortisolo è famoso perché favorisce il catabolismo, ovvero la disgregazione muscolare.

Alcuni scienziati sospettano che il problema coinvolga un esaurimento delle riserve di energia necessarie per attivare i vari meccanismi del recupero e per alimentare gli allenamenti anaerobici. Si ritiene che il popolare integratore Creatina agisce aumentando le reazioni energetiche muscolari.

Perciò ci si chiede se usare un integratore di creatina aiuterebbe ad attenuare gli effetti negativi prodotti dagli esercizi aerobici sull'attività anaerobica.

Su tale questione si è concentrato uno studio presentato da alcuni ricercatori brasiliani di scienze motorie al meeting dell'American College of Sport medicine.

TEST SUI BENEFICI DELLA CREATINA

  • 14 Donne
  • Età media 20 anni
  • sono state assegnate ad un gruppo placebo e ad un gruppo creatina
  • Alle donne del gruppo creatina sono stati somministrati 20 grammi di creatina al giorno per 5 giorni
  • E poi 3 grammi di creatina per altri 7 giorni
  • Prima di assumere la creatina, i soggetti sono stati sottoposti a prove di forza e durata

Dopo 12 giorni i soggetti hanno partecipato a una procedura di prove aerobiche in cui dovevano correre il più lontano possibile in 20 minuti. Subito dopo questa corsa, sono state sottoposte ad una prova di forza massima in una ripetizione di LEG PRESS.

ESITO DEL TEST

A differenza delle donne del gruppo placebo, quelle del gruppo creatina non hanno mostrato alcuna diminuzione della forza dopo la corsa.

Gli autori hanno attribuito questo effetto ad un mantenimento delle riserve di energia muscolare che altrimenti sarebbero state esaurite dall'attività aerobica.

L'energia muscolare maggiore ha permesso alle donne del gruppo creatina di mantenere la forza anche dopo essersi impegnate in esercizi aerobici massimali.

Un altro aspetto positivo che caratterizza questo integratore come evidenziato nel seguente post redatto dal Professor Gelli: Creatina un Killer Assolto.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come e Perché Assumere la Creatina parte 2
03 Dicembre 2016

Come e Perché Assumere la Creatina parte 2

Come questo integratore agisce sulle prestazioni e i vari tipi disponibili

Nella prima parte di questa guida sulla creatina, abbiamo visto un introduzione importante sull'uso di questo integratore. Vediamo ora altre informazioni utili sia delle prestazioni della Creatina sull'Allenamento che tanto altro ancora.

Come e Perché Assumere la Creatina parte 3
03 Dicembre 2016

Come e Perché Assumere la Creatina parte 3

Le fonti naturali di creatina e le varie forme di integratori

Questo articolo sulla creatina, è parte di una guida (prima parte) che mette a conoscenza l'atleta su come usare questo integratore, su come agisce sulle prestazioni fisiche, quali sono gli sport in cui funziona maggiormente e tanto altro ...

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.