(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Creatina Per un Super Allenamento

data di redazione: 17 Settembre 2015 - data modifica: 15 Marzo 2019
Creatina Per un Super Allenamento

Creatina Per un Super Allenamento

Dal 1995 la Creatina è entrata di prepotenza nel mondo delle palestre amatoriali con la reputazione di integratore che funziona.

NOTIZIE FLASH SULLA CREATINA

La creatina è una proteina presente soprattutto nei muscoli, dove, unita al fosforo, costituisce un’importante riserva di energia, la fosfocreatina

Circa il 95% della creatina trovata nel corpo umano si trova nel muscolo scheletrico. La Creatina aiuta a fornire energia a tutte le cellule nel corpo, soprattutto alle cellule muscolari.

Il legame fosforico (presente anche in un’altra sostanza, l’adenosin trifosfato o Atp) è molto importante perché contiene energia che si rende immediatamente disponibile per l’organismo quando è necessario compiere un lavoro. 

In particolare l’energia recuperata da fosfocreatina e Atp viene utilizzata per compiere contrazioni dei muscoli.

Poiché la concentrazione di queste molecole nel muscolo è molto bassa, la quantità di energia immediatamente disponibile si esaurisce dopo i primi secondi di lavoro muscolare.


L’organismo allora produce subito nuova energia attraverso complesse reazioni di rielaborazione di zuccheri (come il glucosio e il glicogeno), e di lipidi, assunti con gli alimenti. In questo modo, altre piccole quantità di fosfocreatina e Atp vengono nuovamente sintetizzate e messe a disposizione, e il lavoro muscolare può continuare nel tempo

Quando questa è esaurita, l’affaticamento muscolare viene attivato. Di conseguenza, l'aumento di creatina all'interno del corpo ha dimostrato di contribuire ad aumentare la produzione di fosfocreatina durante l'attività anaerobica, che è anche conosciuta come il sistema energetico ATP-CP. 1; Ci sono stati molti studi sulla creatina e la sua efficacia.

Uno studio americano ha coinvolto ventidue uomini sani, alle prime armi con l’allenamento pesi e con l’uso di integratori specifici.

Ogni individuo ha partecipato a meno di quattro ore di attività fisica alla settimana. I soggetti sono stati divisi in due: un gruppo placebo ed un gruppo che ha assunto l’integratore.

Coloro che erano nel gruppo “integratore” ha ingerito 20 grammi di creatina monoidrato in polvere al giorno per sette giorni consecutivi, mentre il gruppo placebo ha ingerito la stessa quantità di maltodestrine in polvere durante quel periodo di tempo.

Il test è stato eseguito prima e dopo lo studio (sette giorni) analizzando

  • peso corporeo
  • potenza media
  • potenza di picco

Il risultato dello studio ha indicato che c'è stato un grande aumento tra prima e dopo il test in termini di potenza media per il gruppo che ha assunto creatina monoidrato, ma non per quanto riguarda il gruppo placebo.

Questo studio ha indicato che il caricamento di 20 grammi al giorno di creatina monoidrato per sette giorni consecutivi ha aumentato la potenza media del 5,4% dal test Wingate anaerobico, ma non ha avuto effetto per quanto riguarda la ripetizione massimale e l’aumento di peso corporeo.

CREATINA - COME ASSUMERLA

Atleta assume integratori

La creatina per essere utile deve trovarsi al momento giusto, nel posto giusto, ed esso è nei muscoli durante l’allenamento. Il difetto, è in quanto tempo ci può arrivare, e quanto ci mette ad essere effettivamente funzionante.

Serve tempo, dall’ingerimento perché essa passi l’esofago, lo stomaco, l’intestino, il sangue, il fegato, di nuovo il sangue e i tessuti muscolari. 

Arrivata nei tessuti muscolari deve poter godere di un “momento metabolico” delle cellule dove si rende disponibile un surplus di energia, da cedere alle molecole di creatina, per renderle molecole funzionali di fosfocreatina. Solo a questo punto della questione, la creatina ingerita esplica la sua funzione.

Moltissime persone assumono l’integratore di creatina in prossimità dell’allenamento, non vi sarà tempo utile, e surplus energetico sufficiente per far funzionare l’integratore

L’attività fisica inoltre stimola l’adrenalina, un ormone che è in grado di alterare l’assorbimento intestinale dei nutrienti, quali anche creatina, e ad alterare alcuni enzimi correlati al metabolismo di sintesi dell’ATP.

Vi state chiedendo quando assumere la Creatina

A colazione, e perché no anche a pranzo se vi allenate almeno 3 ore dopo, perché la creatina ha necessità delle sue tempistiche di assunzione.

Altro particolare, se a colazione mangiate come un bengalino nano, non pensiate che la creatina vi possa dare il turbo, fate un abbondante colazione completa assumendo al termine il vostro integratore di creatina.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Muscletech Platinum 100% Creatine - Recensione
19 Gennaio 2019

Muscletech Platinum 100% Creatine - Recensione

Platinum 100% Creatine della Muscletech è un tipo di creatina micronizzata ultra pura in polvere. Platinum 100% Creatine rifornisce i vostri muscoli con la forma di creatina micronizzata della qualità più alta e la più sottoposta a ricerche scientifiche

Creatina - Le 9 Domande Più Frequenti con Relativa Risposta
06 Gennaio 2017

Creatina - Le 9 Domande Più Frequenti con Relativa Risposta

Unitamente alle proteine del siero del latte, la creatina è probabilmente l'integratore più utilizzato nelle palestre di tutto il mondo. Nonostante ciò la creatina è circondata da miti e voci diffuse da persone, riviste e sul web che possono confondere i pensieri degli atleti che la utilizzano per incrementare la propria massa muscolare

Ultimi post pubblicati

Scheda Palestra Massa Muscolare
26 Marzo 2019

Scheda Palestra Massa Muscolare

L’obiettivo della maggior parte delle persone che frequentano le palestre è quello di aumentare il tono e la massa muscolare a discapito della massa grassa. Vediamo come fare....

9 Disturbi Del Comportamento Alimentare
24 Marzo 2019

9 Disturbi Del Comportamento Alimentare

Anoressia e bulimia sono i disturbi alimentari più conosciuti, ma non significa che siano gli unici e tanto meno i più comuni, esistono infatti molte altre anomalie minori del comportamento alimentare, alcune scoperte anche di recente.