Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Integratori di Chetoni e Prestazioni

data di redazione: 24 Novembre 2017
Integratori di Chetoni e Prestazioni

Recentemente, chetoni e integratori a base di chetoni sono oggetto di discussione nel mondo scientifico e dello sport. Gli atleti professionisti e gli allenatori sono costantemente alla ricerca di metodi di allenamento e strategie nutrizionali per supportare gli sforzi dell'allenamento e del recupero che potrebbero massimizzare le prestazioni degli atleti. Come abbiamo detto, c'è stato un interesse riemergente nel ruolo dei corpi chetonici nel metabolismo degli esercizi, con una considerevole speculazione dei media sugli integratori chetonici che, negli ultimi tempi, sono in voga tra i ciclisti professionisti.

I corpi chetonici possono servire come un importante substrato energetico in determinate condizioni come la fame e possono modulare il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. 


Le strategie dietetiche per aumentare la disponibilità endogena di corpi chetonici (ad esempio una dieta chetogenica) richiedono una dieta ricca di lipidi e povera di carboidrati per circa 4 giorni per indurre la chetosi nutrizionale. Tuttavia, una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati e con un alto contenuto di grassi, può compromettere le prestazioni di esercizio riducendo la capacità di utilizzare i carboidrati, che costituiscono una fonte essenziale di carburante per i muscoli scheletrici durante un esercizio intenso di tipo resistenza.


Recentemente sono emersi integratori chetonici (sali chetonici ed esteri) che possono essere utilizzati per aumentare rapidamente la disponibilità di corpi chetonici, senza la necessità di adattarsi prima ad una dieta chetogenica. Tuttavia, la misura in cui i corpi chetonici regolano la bioenergetica del muscolo scheletrico e il metabolismo del substrato, durante un esercizio di tipo prolungato come quello di resistenza di varia intensità e durata, rimane sconosciuta. Pertanto, al momento non ci sono dati disponibili che suggeriscano che l'ingestione di corpi chetonici durante l'esercizio migliori le prestazioni degli atleti in condizioni in cui le strategie nutrizionali basate sull'evidenza sono applicate in modo appropriato.


Il Metabolismo Chetonico Aumenta Con L'intensità Di Esercizio


In uno studio, sono state date a 39 ciclisti, alcuni dei quali erano ex olimpionici, "bevande energetiche" infuse con carboidrati, grassi o chetoni come fonte di carburante.

I ricercatori hanno scoperto che i muscoli usano i chetoni se forniti dalla dieta e la quantità di chetoni utilizzati aumenta in proporzione all'intensità dell'esercizio.

I ciclisti che hanno consumato la bevanda energetica chetonica hanno presentato livelli più bassi di lattato - un sottoprodotto dell'utilizzo del glucosio da parte delle cellule muscolari - che provoca la sensazione di stanchezza e bruciore osservata dopo un intenso allenamento.

I bassi livelli di lattato potrebbero spiegare il motivo per cui i ciclisti trattati con la bevanda chetonica viaggiavano a circa 400 metri in più ogni 30 minuti rispetto ai ciclisti trattati con le bevande a base di carboidrati e grassi.


" Il chetone stesso sta inibendo la glicolisi, così con lo stesso esercizio si sta preservando il glicogeno e producendo molto meno acido lattico - questo non è mai stato visto prima. Quello che potrebbe accadere è se si sta facendo qualcosa che non è uno sprint, come una maratona di 40 km, non solo si arriverà al traguardo in meno tempo, ma provocherà meno sofferenze nel post prestazione".

Prof. Kieran Clarke


Clarke aggiunge che mentre la bevanda chetonica può aiutare gli atleti di lunga distanza, come i maratoneti, è improbabile che faccia una differenza significativa per gli atleti delle brevi distanze come gli sprinter, o velocisti, poiché questi sono esercizi anaerobici e il corpo ha bisogno di ossigeno per bruciare i chetoni.

Riferimenti:
Nutritional ketosis alters fuel preference and thereby endurance performance in athletes, Pete J. Cox et al., Cell Metabolism, Published online 27 July 2016.

Cell Press news release, accessed 27 July 2016 via EurekAlert.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Bolero
31 Ottobre 2017

Bolero

Trasforma la semplice acqua in una squisita bevanda ricca di vitamine

Istant Drink è un preparato in polvere a base di vitamine e minerali privo di zuccheri prodotto dalla Bolero, permette di trasformare la tua acqua in una squisita bevanda a zero calorie, l'ideale per l'estate.

Semi di Lino e Olio di Semi di Lino; elenco benefici reali e teorici
19 Gennaio 2019

Semi di Lino e Olio di Semi di Lino; elenco benefici reali e teorici

Tutto quello che c'è da sapere su questi semi benefici

I Semi di lino (nome latino: Linum usitatissimum), sono i semi della pianta di lino, che si pensa abbia avuto origine in Egitto. Cresce in tutto il Canada e Stati Uniti nordoccidentali. L'olio di semi di lino viene tratto dai semi di lino. L'uso tradizionale dei semi di lino è quello di lassativo, ma viene utilizzato anche per vampate di calore, dolore al seno e artrite.

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.