(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Migliorare le prestazioni sportive con DHA - Omega 3

data di redazione: 23 Novembre 2016 - data modifica: 06 Gennaio 2017
Migliorare le prestazioni sportive con DHA - Omega 3

Avete mai sentito parlare dell'acido docosaesaenoico? Forse lo conoscevate come DHA, è un acido grasso degli Omega-3 che troviamo nell'olio di pesce. Abbiamo già trattato in diversi articoli i benefici di questo nutriente in genere, ma la domanda è: può essere un problema la carenza di questo acido grasso per lo sportivo, e soprattutto, che benefici a livello sportivo può apportare il DHA?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo scoprire prima di tutto che effetti benefici conferisce l'assunzione del DHA nel caso specifico dell'atleta.

Chi fa sport trae numerosi benefici dal DHA, perchè questo acido grasso è direttamente o indirettamente coinvolto in diversi processi fisiologici fondamentali quali:


  • la salute cardiovascolare dell'atleta
  • la prevenzione degli infortuni
  • la gestione dell'insulina e nell'uso dell'energia
  • nel metabolismo
  • nelle diete, essendo coinvolto nelle funzioni di assorbimento di buona parte dei nutrienti

UTILE AI PIÙ O MENO GIOVANI

  • Il DHA è fondamentale anche per il cervello dei giovani atleti; questo nutriente aiuta infatti a regolare il cervello per quello che riguarda l'apprendimento e la memoria, ed è in grado di influenzare positivamente, anzi, di aumentare il grado di attenzione del giovane sportivo.
  • Ma non è utile solo per i più giovani, infatti è in grado anche di mantenere giovane il cervello, in quanto si rivela uno dei metodi più efficaci per prevenire il declino cognitivo causato dall'inevitabile passare degli anni.

PER IL CUORE


  • Il DHA si dimostra utile allo sportivo anche perchè svolge un'azione di "protezione" per il cuore.
  • Attraverso studi mirati è stato appurato infatti che chi assume olio di pesce ricco di DHA generalmente gode di maggiore salute cardiaca.
  • L'unica problematica che può sorgere è quella del mercurio, ma consumando sardine e calamari minimizziamo il problema essendo questi pesci di piccole dimensioni; inoltre possiamo trovarli freschi nella pescheria sotto casa essendo questi pesci che si trovano tranquillamente nei nostri mari.


Il DHA si dimostra fondamentale per quello che riguarda la prestazione dell'atleta perchè in primo luogo è necessario alle fibre a contrazione rapida; proprio per questa ragione l'assunzione di una buona dose di DHA è necessaria per i grappler o per i runner per esempio.

Inoltre l'assunzione di Omega-3 è innegabilmente utile per favorire il dimagrimento e quindi la perdita di peso, quindi un buon alleato della persona comune ma soprattutto all'atleta, che deve mangiare in modo corretto e spesso deve scendere di peso.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Olio di Krill VS Olio di Pesce: Qual è la differenza?
15 Dicembre 2015

Olio di Krill VS Olio di Pesce: Qual è la differenza?

Poi, pochi anni fa è comparso sulla scena dell'integrazione, l'olio di krill che da allora è stato commercializzato come altro grande grande integratore di acidi grassi essenziali e omega-3.

​Diventare Magri e Ridurre l'Appetito con Gli Acidi Grassi Omega 3
01 Settembre 2015

​Diventare Magri e Ridurre l'Appetito con Gli Acidi Grassi Omega 3

Ecco cosa rivela uno studio

Prendere un po' di olio di pesce può aiutare a raggiungere una migliore condizione fisica e quindi meno grasso in modo più veloce, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Obesity.

Ultimi post pubblicati

CRUNCH SU PANCA PIANA CON BRACCIA INCROCIATE AVANTI AL PETTO
13 Novembre 2018

CRUNCH SU PANCA PIANA CON BRACCIA INCROCIATE AVANTI AL PETTO

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Aumento Della Massa Muscolare con il 6x12
12 Novembre 2018

Aumento Della Massa Muscolare con il 6x12

La sua metodica di allenamento era ad alto volume, fare tantissime ripetizioni, numero di serie con tempi di recupero brevi. Nonostante avesse una forza notevole, si allenava con carichi leggeri, in quanto ritenenva che il pompaggio muscolare era da preferire alle serie di forza bruta a basse ripetizioni.