Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Vitamina B6 (Piridossina) Funzioni e Uso nello Sport

data di redazione: 04 Dicembre 2013 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Vitamina B6 (Piridossina) Funzioni e Uso nello Sport

La vitamina B6 (piridossina) è necessaria  per la sintesi dei neurotrasmettitori serotonina e noradrenalina e per la formazione della mielina, inoltre contribuisce al metabolismo energetico, contrastando stanchezza e affaticamento. La carenza di piridossina (Vitamina B6) negli adulti colpisce principalmente i nervi periferici, la pelle, le mucose e il sistema circolatorio (cellule del sangue). Nei bambini, è anche influenzato il sistema nervoso centrale (CNS). Carenze possono verificarsi in persone con uremia, alcolismo, cirrosi, ipertiroidismo, sindromi da malassorbimento, e insufficienza cardiaca congestizia (CHF), e in quelle trattate con alcuni farmaci. Una carenza lieve di vitamina B6 è abbastanza comune.

 

Le principali fonti di vitamina B6 sono: cereali, legumi, verdure (carote, spinaci, piselli e patate), latte, formaggio, uova, pesce, fegato, carne e farina. La piridossina è spesso usata in combinazione con altre vitamine B in formule vitaminiche del complesso B.

 

Nel campo dell'integrazione Alimentare Sportiva, spesso è inserita con altri integratori alimentari per le sue funzioni sul metabolismo energetico, infatti come coenzima essa partecipa alla trasformazione e utilizzazione di carboidrati, grassi e proteine, ma è anche indispensabile per attivare il rilascio delle riserve energetiche immagazzinate sotto forma di glicogeno nei muscoli e nel fegato. Strettamente legato a questo aspetto è il contributo della vitamina B6 nel contrastare stati di stanchezza e di affaticamento

 

Alti livelli di omocisteina nel sangue (iperomocisteinemia) sono state proposte come un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare. L'assunzione di integratori di Vitamina B in combinazione con altre vitamine del gruppo B (acido folico e vitamina B12) ha dimostrato di essere efficace per abbassare i livelli di omocisteina. Non è chiaro se l'abbassamento dei livelli di omocisteina si traduce in una ridotta morbilità e mortalità cardiovascolare .

 

La vitamina B6 viene anche usata per trattare l'anemia ereditaria sideroblastica, carenza di vitamina B6, e convulsioni B6-dipendente della vitamina nei neonati, e per evitare effetti negativi per le persone che assumono il farmaco cycloserine. Prove a sostegno di altri usi sono inconcludenti.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Il Miglior Momento della Giornata per Assumere Vitamine e Minerali
20 Febbraio 2019

Il Miglior Momento della Giornata per Assumere Vitamine e Minerali

Oltre agli sportivi, anche i bambini, gli anziani, comprese le donne in menopausa, le donne in gravidanza e giovani adulti, possono assumere vari integratori di minerali e vitamine per una serie di motivi. I minerali come ferro, calcio e rame così come la vitamina A, vitamina B, vitamina C, vitamina D, vitamina E e vitamina K che otteniamo dal cibo, tutti contribuiscono a rafforzare ossa, denti e sistema immunitario

Acido Ascorbico
22 Ottobre 2014

Acido Ascorbico

Semplici consigli sulla vitamina c

L'Acido ascorbico o meglio conosciuto come vitamina c, ha funzioni molto importanti nel nostro organismo: la sua influenza sul metabolismo dei grassi e del colesterolo, l'azione antiscorbuto (malattia dei marinai di un tempo, che si nutrivano prevalentemente di cibi conservati), la sua capacità di opporsi ad anemie e affaticamento

Ultimi post pubblicati

Cosce Che Non Crescono
25 Marzo 2020

Cosce Che Non Crescono

Proposta di allenamento ad alto volume e multi frequenza per far crescere i muscoli delle cosce. Scheda di allenamento in German Volume Training per dare nuovo stimolo allo sviluppo muscolare.

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body
23 Marzo 2020

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body

Con l'allenamento inferiore superiore è possibile concentrarsi maggiormente su sollevamenti pesanti rispetto ad altri piani di allenamento. I sottoprodotti chimici derivati ​​dal metabolismo anaerobico chiamato stress metabolico è responsabile dell'ipertrofia del 25%. L'aumento dello stress metabolico dovuto alla maggiore intensità e frequenza di allenamento è ciò che ti avvantaggia quando segui la divisione inferiore superiore.