Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Vitamina C Per Non Ammalarsi

data di redazione: 30 Marzo 2014 - data modifica: 02 Gennaio 2018
Vitamina C Per Non Ammalarsi

Vitamina C Per Non Ammalarsi

Quale alimento secondo voi contiene più vitamina C? L’arancia, il limone oppure il broccolo? la risposta è nel testo dell’articolo!

Dall’autunno in poi, per tutto l’inverno, si vedono le farmacie stracolme di capsule e compresse a base di vitamina C. Basta osservare gli scaffali di una farmacia o di qualsiasi supermercato per dedurre che dal punto di vista commerciale la vitamina C, è la vitamina più venduta dall’industria farmaceutica. Il nostro organismo è geneticamente adatto ed adattato ad estrarre la vitamina C da alimenti naturali.

La vitamina C (o Acido Ascorbico) è una vitamina essenziale per il nostro organismo; è un potente antiossidante, è importante per il corretto funzionamento del sistema immunitario e la sintesi di collagene nell’organismo. Il collagene è il costituente primario di vasi sanguigni, pelle, muscoli ed ossa. L’uomo non può creare collagene senza la vitamina C, ed una sua carenza può portare ad una debolezza dei tessuti (una carenza di vitamina C può portare infatti allo scorbuto).

Ci sono alcune variabili che influenzano notevolmente la presenza della vitamina C negli alimenti, dalla raccolta a quando arrivano nel nostro intestino. Il contatto della vitamina C con l’aria tende a diminuirne la sua concentrazione negli alimenti; quando per esempio si spreme un’ arancia e la vitamina C viene a contatto con l’ossigeno dell’aria questa si ossida ed una parte va persa.

Il calore tende a “distruggere” la vitamina C; per questo è molto più conveniente nutrirsi di alimenti crudi quando è possibile.

Anche la freschezza dell’alimento è fondamentale per la presenza di vitamina C; quanto più tempo passa dalla raccolta del cibo al suo ingresso nell’organismo tanto più la presenza di vitamina C diminuisce. Negli spinaci freschi conservati  per 7 giorni, a 4°C, rimane solo il 20% della dote totale in vitamina C, da questo si può dedurre come le arance conservate da mesi hanno ben poca vitamina C.

 

Qui sotto troverete gli elenchi, che dal punto di vista pratico rappresentano delle buone liste per la spesa; i valori sono espressi in mg di vitamina C su 100 grammi di prodotto fresco, e sono estrapolati dalla banca dati ufficiale dell’ Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione. Ho omesso dalle “classifiche” i dati relativi a frutti tropicali o difficili da reperire come il guava 243 mg, la papaia 60 mg, il litchi 49 ed il mango 28 o di verdure “aromatizzanti” come i peperoncini piccanti 229 mg, il prezzemolo 162 mg, il tarassaco 52 mg. Questi alimenti sono fonti eccezionali di vitamina C, se potete consumateli… ma non è facile dal punto di vista culinario basare un contorno sui peperoncini piccanti!

I 10 ALIMENTI PIU’ RICCHI DI VITAMINA C

1. Ribes 200 mg

 

2. Peperoni 151 mg

 

3. Broccoli e rucola 110 mg

 

4. Kiwi 85 mg

 

5. Cavoli di Bruxelles e foglie di Rapa 81 mg

 

6. Cavolfiore 59 mg

 

7. Fragole, clementine e spinaci 54 mg

 

8. Arance 50 mg

 

9. Cavolo cappuccio 47 mg

 

10. Mandarini 42 mg

I 10 FRUTTI PIU’ RICCHI DI VITAMINA C

1. Ribes 200 mg

 

2. Kiwi 85 mg

 

3. Fragole e clementine 54 mg

 

4. Arance e limoni 50 mg

 

5. Mandarini 42 mg

 

6. Pompelmo 40 mg

 

7. Melone 32 mg

 

8. Lamponi 25 mg

 

9. Kaki 23 mg

 

10. More 19 mg

LE 10 VERDURE PIU’ RICCHE DI VITAMINA C

1. Peperoni 151 mg

 

2. Broccoli e rucola 110 mg

 

3. Cavoli di Bruxelles e foglie di rapa 81 mg

 

4. Cavolfiore 59 mg

 

5. Spinaci 54 mg

 

6. Cavolo cappuccio 47 mg

 

7. Indivia 35 mg

 

8. Sedano 32 mg

 

9. Asparagi e bieta 24 mg

 

10.  Pomodori 21 mg

I livelli giornalieri di assunzione di vitamina C raccomandati dal nostro sistema sanitario nazionale sono i seguenti:

 

- Lattanti (fino ad 1 anno) 35 mg

 

- Bambini (da 1 a 10 anni) 45 mg

 

- Bambini maschi e femmine (da 11 a 14 anni) 50 mg

 

- Adulti 60 mg

 

- Gestanti 70 mg

 

- Nutrici 90 mg

 

Quindi sono sufficienti 2 kiwi al giorno, oppure i frutti di bosco (ribes, lampone, mora) nello yogurt la mattina, ma anche una bella insalata mista di indivia, rucola, peperoni e pomodori o dell’ottimo cavolo appena scottato a sguazzare in overdose quotidiana di vitamina C del tutto naturale e salutare.

Cmq la risposta è il Guava!

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Vitamina B6 (Piridossina) Funzioni e Uso nello Sport
01 Ottobre 2014

Vitamina B6 (Piridossina) Funzioni e Uso nello Sport

La vitamina B6 (piridossina) è necessaria  per la sintesi dei neurotrasmettitori serotonina e noradrenalina e per la formazione della mielina, inoltre contribuisce al metabolismo energetico, contrastando stanchezza e affaticamento. La carenza di piridossina (Vitamina B6) negli adulti

Zinco - Il Miglior Minerale Per i Tuoi Muscoli
27 Gennaio 2019

Zinco - Il Miglior Minerale Per i Tuoi Muscoli

Lo zinco é in grado di aumentare la resistenza fisica e di prevenire l'affaticamento muscolare. Ad un gruppo di lavoro sono stati somministrati 18 mg di zinco per 9 settimane, mentre per altre 9 settimane solamente 3 mg. Nelle 9 settimane in cui avevano assunto 18 mg di zinco si affaticavano di meno e avevano tassi ematici di un enzima che protegge dalla fatica muscolare fino al 12% più alti.

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.