(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Vitamine del gruppo B e Mal di Schiena

data di redazione: 05 Luglio 2015
Vitamine del gruppo B e Mal di Schiena

Esiste un'attinenza tra mal di schiena, alimentazione e vitamine?

Su dieci persone sicuramente nove hanno avuto almeno una volta mal di schiena, ed almeno la metà accusano dolori ricorrenti. Se fate parte di quella metà che spesso soffrono di dolori alla schiena, dovuti a stiramenti muscolari, sappiate che esistono dei sistemi per prevenire questi malesseri, dei rimedi molto semplici che potete render parte della vostra vita di tutti i giorni.


Nella costruzione di un organismo robusto, che possa resistere agli sforzi cui la schiena è sottoposta, la dieta riveste un ruolo fondamentale. Una dieta ricca di vitamina B e proteine rafforzerà il sistema nervoso, e le proteine contribuiranno alla costruzione di tessuti solidi che manterranno a posto i dischi della colonna vertebrale e li rafforzeranno. Una giusta alimentazione inoltre farà si che le vertebre siano robuste.

 

Già nel 44', quindi già settant'anni fa, venivano presentate prove del fatto che la vitamina B esercitasse un'azione tanto efficace quanto diretta nel trattamento della sciatica, quella dolorosa infiammazione nel nervo sciatico che spesso deriva da uno spostamento dei dischi. In quell'anno, un medico, il dottor E. Branner riferì sul "British Medical Journal" che era possibile trattare la sciatica mediante iniezioni di vitamina B1. Per ottenere rapidamente dei risultati il dottor Branner impiegò fiale contenenti 25 milligrammi di Tiamina per centimetro cubo, e di questa soluzione venivano effettuate da tre a sei iniezioni a giorni alterni, o anche tutti i giorni.

 

È stato inoltre dimostrato che le vitamine del complesso B, sono uno dei metodi più efficaci per combattere l'affaticamento, e di conseguenza, è di importanza essenziale per combattere i dolori alla schiena, e questo per due ragioni:

  • molti stiramenti di lieve entità alla schiena, in allenamento o al lavoro che sia, sono in realtà dovuto all'affaticamento muscolare
  • una diminuzione dell'affaticamento vi permetterà di effettuare quotidianamente quegli esercizi che possono ulteriormente rafforzare i muscoli della schiena

I risultati di numerose ricerche dimostrano che le vitamine B, C, D e P hanno un'importanza notevole nel trattamento dell'artrite, e di conseguenza anche nella prevenzione dei dolori alla schiena di origine reumatica. Non dimenticate, in ogni caso, che tanti fattori insieme causano i dolori alla schiena, a partire appunto dall'alimentazione, dalla mancanza di movimento e dalle brutte abitudini come le posture sbagliate.

VITAMINA B12 E LOMBALGIA

 

La lombalgia, termine che indica dolore del tratto lombare, non rappresenta un’entità clinica unica, ma un sintomo correlato a numerose e diverse condizioni, che hanno in comune la manifestazione dolorosa percepita nell’area lombare, con possibile irradiazione posteriore alla coscia, ma non oltre il ginocchio.

 

Il trattamento, per lo più conservativo, consiste nella somministrazione di analgesici (FANS o paracetamolo) associati a una terapia fisica finalizzata a ridurre il dolore e a correggere i difetti posturali che causano o aggravano il disturbo. 

 

Nella gestione dell'atleta con lombosciatalgia le vitamine del gruppo B rappresentano un utile presidio terapeutico: le vitamine B1, B6 e B12, coinvolte in processi metabolici essenziali per il mantenimento dell’integrità anatomica e funzionale dei nervi periferici, esercitano infatti un’azione neuroprotettiva, antinfiammatoria e antalgica.

 

  • La vitamina B1 (tiamina) ricopre un ruolo chiave nel metabolismo dei carboidrati, che rappresentano una fonte di energia essenziale per il tessuto nervoso.
  • La vitamina B6 (piridossina) svolge un ruolo determinante nel mantenimento della funzione nervosa, partecipando ai processi metabolici che si svolgono nel tessuto nervoso. Dotata di potenziale analgesico, la sua somministrazione può migliorare il quadro sintomatologico della lombosciatalgia.
  • La vitamina B12 (cianocobalamina) esercita un effetto di rigenerazione e crescita della guaina mielinica danneggiata, oltre a partecipare alla sintesi di acidi nucleici e proteine, al metabolismo di fosfolipidi e catecolamine e alla sintesi di fosfatidilcolina, fondamentale per l’integrità della struttura della membrana cellulare.

In uno studio si è dimostrato che la vitamina B12 è in grado di alleviare il dolore e la disabilità nei pazienti con lombalgia, riducendo l’assunzione di farmaci analgesici e dimostrandosi nel contempo efficace e sicura.

 

Ti potrebbe interessare: vitamine e pelle soda

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Vitamina C Per Non Ammalarsi
02 Gennaio 2018

Vitamina C Per Non Ammalarsi

Dall’autunno in poi, per tutto l’inverno, si vedono le farmacie stracolme di capsule e compresse a base di vitamina C. Basta osservare gli scaffali di una farmacia o di qualsiasi supermercato per dedurre che dal punto di vista commerciale la vitamina C, è la vitamina più venduta dall’industria farmaceutica. Il nostro organismo è geneticamente adatto ed adattato ad estrarre la vitamina C da alimenti naturali.

​Rame: Benefici Nutrizionali e per la Salute
29 Agosto 2015

​Rame: Benefici Nutrizionali e per la Salute

Uno sguardo approfondito sull'assunzione raccomandata di rame, i suoi possibili benefici per la salute, alimenti ad alto contenuto di rame e dei potenziali rischi per la salute dovuti al consumo di rame.

Ultimi post pubblicati

Ho Perso La Motivazione
17 Ottobre 2018

Ho Perso La Motivazione

Il calo della motivazione arriva in un momento in cui avete completamente abbassato le difese, e probabilmente non è neanche dovuto a ragioni inerenti al vostro tipo di allenamento. In questo articolo Sonia Papi ci spiega come ritrovare la motivazione per l'allenamento.

LEG RAISE GAMBE PIEGATE
17 Ottobre 2018

LEG RAISE GAMBE PIEGATE

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.