Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Omega 3 e Vitamina D Aiutano i Livelli di Serotonina

data di redazione: 03 Marzo 2015
Come Omega 3 e Vitamina D Aiutano i Livelli di Serotonina

Gli acidi grassi Omega-3 e vitamina D possono controllare serotonina cerebrale

 

Sebbene gli acidi grassi essenziali omega-3 marini e la vitamina D hanno dimostrato di migliorare la funzione cognitiva e il comportamento nel contesto di alcuni disturbi cerebrali, il meccanismo di base è stato poco chiaro. In un nuovo documento pubblicato su FASEB Journal dal Prof. Rhonda Patrick, e dal Prof. Bruce Ames, del Children Hospital Oakland Research Institute (CHORI), laserotonina viene spiegata come il possibile anello mancante di collegamento perché la vitamina D e gli acidi grassi omega-3 marini potrebbero migliorare i sintomi associati a una vasta gamma di disturbi cerebrali.

 

Qualche anno fa, gli autori Patrick e Ames avevano discusso le implicazioni della loro scoperta che la vitamina D regola la conversione del triptofano, aminoacido essenziale nella serotonina e di come questo può influenzare lo sviluppo dell'autismo, in particolare nei bambini con scarsi livelli di vitamina D.

 

Ora si discute della rilevanza di questi micronutrienti per le malattie neuropsichiatriche. La serotonina colpisce una vasta gamma di funzioni e comportamenti cognitivi, tra cui l'umore, il processo decisionale, comportamento sociale, comportamento impulsivo e anche un ruolo sociale nelle decisioni, mantenendo un controllo alle risposte sociali aggressive o comportamento impulsivo.

 

Molti disturbi clinici, come il disturbo dello spettro autistico (ASD), Sindrome da deficit di attenzione e iperattività ( ADHD ), il disturbo bipolare, schizofrenia e la depressione quotano come unificante attributo bassi livelli di serotonina nel cervello. "In questo articolo spieghiamo come la serotonina è un modulatore critico della funzione esecutiva, del controllo degli impulsi, gating sensoriale e del comportamento pro-sociale," dice il Dott Patrick. "Noi colleghiamo la produzione e la funzione della serotonina alla vitamina D e agli acidi grassi omega-3, suggerendo un modo con cui questi importanti micronutrienti aiutano la funzione del cervello e influenzano il modo in cui ci comportiamo."

L'acido eicosapentaenoico (EPA) aumenta il rilascio di serotonina da parte dei neuroni presinaptici riducendo le molecole di segnalazione infiammatorie nel cervello note come prostaglandine della serie E2, che inibiscono il rilascio di serotonina e suggerisce come l'infiammazione può avere un impatto negativo di serotonina nel cervello. Gli EPA, tuttavia, non sono l'unico tipo di omega-3 che svolgono un ruolo nella via della serotonina. L'acido docosaesaenoico (DHA), influenza anch'esso l'azione di diversi recettori della serotonina, rendendoli più accessibili alla serotonina, aumentando la fluidità della membrana cellulare nei neuroni post-sinaptici.

 

La loro relazione illumina i collegamenti meccanicistici che spiegano perché bassi livelli di vitamina D, che è in gran parte prodotta dalla pelle quando esposta al sole e carenze di omega-3 marini, interagiscono con i percorsi genetici, come ad esempio il percorso della serotonina, che sono importanti per lo sviluppo del cervello, la cognizione sociale e il processo decisionale, e, di come queste interazioni gene-micronutrienti possono influenzare i risultati neuropsichiatrici.

 

"La vitamina D, viene convertita in un ormone steroideo che controlla circa 1.000 geni, di cui molti nel cervello. La carenza di acidi grassi omega-3 è e vitamina D può essere molto comune nelle persone che non mangiano abbastanza pesce".

 

Riferimenti:
Vitamin D and the Omega-3 Fatty Acids Control Serotonin Synthesis and Action Part 2: Relevance for ADHD, Bipolar, Schizophrenia, and Impulsive Behavior. FASEB Journal

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Miele Per Il Recupero Muscolare
06 Aprile 2019

Miele Per Il Recupero Muscolare

L'importanza del miele negli sport di potenza

I soggetti sono stati sottoposti ad una sessione intensiva di allenamento con i pesi e, subito dopo, hanno ricevuto un integratore proteico miscelato con zucchero, maltodestrina o miele come fonte di carboidrati. Nelle due ore successive all’allenamento, gli zuccheri ematici si sono mantenuti a livelli ottimali solo nel gruppo miele. Inoltre, i soggetti di questo gruppo hanno mostrato cambiamenti positivi nel rapporto fra i livelli dei vari ormoni, che sono indice di un processo di recupero muscolare ottimale.

Il Ginseng Funziona?
01 Marzo 2019

Il Ginseng Funziona?

ll ginseng è un'erba usata per migliaia di anni per migliorare la salute generale delle persone. Il termine ginseng si riferisce alle specie all'interno di Panax, un genere di 11 specie di piante perenni, dalla lenta crescita con radici carnose, della famiglia Araliaceae.

Ultimi post pubblicati

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.

Esericizi per la Parte Alta del Corpo - Upper Body
25 Giugno 2020

Esericizi per la Parte Alta del Corpo - Upper Body

Dopo l’esperienza di questa quarantena, stiamo riscoprendo gradualmente la bellezza e l’efficacia degli allenamenti a corpo libero. Nel precedente articolo ho introdotto quelli che secondo me sono degli ottimi esercizi a corpo libero per la metà inferiore del corpo (lower body), adesso mi occuperò della parte alta del corpo (upper body).