(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Le 8 Tipologie di Recupero da uno Sforzo Fisico

data di redazione: 24 Marzo 2016
Le 8 Tipologie di Recupero da uno Sforzo Fisico

Sappiamo per certo che lo sport beneficia la nostra salute. Questo è vero, ma bisogna tener conto anche dei livelli di allenamento con cui viene effettuato. Se facciamo jogging 3-4 volte alla settimana certamente avremo dei benefici fisici. Ma cosa accade quando si oltrepassano questi livelli di allenamento? Quando si vogliono ottenere le migliori prestazioni e quindi si spinge il corpo sempre più a limite? E' qui che una accurata ed adeguata integrazione svolgerà il suo ruolo di recupero dallo stress provocato dallo sforzo fisico.

In molti casi, gli integratori di “protezione” cercheranno di ovviare ai problemi incontrati dallo sportivo accelerando il recupero dei fattori di cui lo sforzo minaccia l'integrità. Quando col tempo si accumulano cattivi recuperi, vi è il rischio dell'insorgenza di problemi che possono inficiare la salute oltre che richiedere una sospensione della pratica sportiva. E' perciò importante comprendere i vari aspetti del recupero.

Le varie intensità di allenamento, possono richiedere dalle 24 alle 48 ore fino a svariati giorni man mano che si avvicina al 100% dell'intensità di sforzo. Ovviamente, più forziamo il corpo a dare il massimo, più il recupero diventa difficoltoso. Un integrazione poco equilibrata produce facilmente uno squilibrio che porta a stanchezza cronica. Quando si parla del recupero, bisognerebbe farlo al plurale: il recupero è un fenomeno dai fattori molteplici che possiamo suddividere in otto grandi sotto-categorie.

1 - Recupero Energetico

Nelle attività di resistenza è, dopo la reidratazione, un aspetto prioritario del recupero. Dovrebbe essere abbastanza rapido purché fornisca prontamente al corpo l'energia capace di compensare lo sforzo. Ma attività fisiche prolungate, sopratutto se si susseguono per giorni, possono porre problemi di equilibrio energetico.

2 - Recupero Idrico

Come abbiamo visto in vari nostri articoli, durante e dopo lo sforzo è di fondamentale importanza sostituire l'acqua e il sodio eliminati durante l'allenamento. Una cattiva reidratazione provoca stanchezza e crampi, e acuisce i problemi digestivi e immunitari. L'integrità della massa muscolare è messa ancora più a dura prova e la rigenerazione generale risulta rallentata. Il recupero idrico deve essere la priorità assoluta: non deve richiedere più di qualche ora.

3 - Recupero Micronutrizionale

Durante lo sforzo, eliminiamo e consumiamo molte vitamine e sali minerali. Alimentazione e integrazione devono permetterci di compensare velocemente le grosse perdite per evitare le carenze e gli squilibri che affliggono molti sportivi.

4 - Recupero Immunitario

Sforzi molto intensi o prolungati mettono in moto tutto il sistema immunitario. L'attività di alcune cellule immunitarie è stimolata in maniera eccessiva, mentre altre difese sono transitoriamente inibite. Questo sconvolgimento è all'origine di molti disturbi. Una buona integrazione deve ridurre l'entità dei capovolgimenti e accelerare la loro scomparsa.

5 - Recupero dell'Attività Endocrina

Dopo lo sforzo anche la regolazione degli equilibri endocrini è temporaneamente alterata. Gli squilibri non dovrebbero durare più di alcuni giorni, ma in caso di sovrallenamento le alterazioni possono accentuarsi fino a diventare croniche. L'integrazione ha essenzialmente l'obiettivo di attenuare le oscillazioni, in particolar modo per quanto riguarda gli ormoni catabolizzanti come il cortisolo.

6 - Recupero Muscolare

I recuperi appena descritti dovrebbero prodursi rapidamente, nel giro di qualche ora, qualche giorno al massimo. Il recupero muscolare, invece, è a volte più lungo di quanto si possa sperare. Ce ne accorgiamo quando avvertiamo un senso di indolenzimento, che richiede in genere molto per scomparire.

7 - Recupero Articolare

Le articolazioni vengono spesso messe a dura prova da alcune attività sportive. Una tecnica di esecuzione non corretta accentua il fenomeno degenerativo. Continuare ad allenarsi nonostante le articolazioni, i tendini o i legamenti non abbiano ancora recuperato bene non sembrerà porre problemi in un primo tempo, ma a lungo andare finirà col comparire un dolore cronico dovuto all'accumulo di negligenze legate al recupero articolare. Come abbiamo visto in altri articoli, la rigenerazione è ancora più lenta del recupero muscolare.

8 - Recupero Nervoso

Il recupero del sistema nervoso, in particolare negli sport di forza, è quello che richiede più tempo. Oggi esistono alcuni integratori in grado di accelerare questo processo. Trascurare questo aspetto del recupero può portare a stanchezza cronica.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

La Caffeina Diminuisce l'Indolenzimento Muscolare
26 Maggio 2015

La Caffeina Diminuisce l'Indolenzimento Muscolare

La caffeina è uno dei più provati e magnifici integratori naturali nella storia. Aumenta le prestazioni, riduce l'affaticamento, e favorisce la combustione dei grassi. E' anche molto popolare. Ila maggior parte degli adulti consuma caffeina giornalmente. Ma essa può aiutare anche contro il dolore muscolare?

Tirosina: Aumentare la Potenza Contro lo Stress Fisico e Mentale
20 Gennaio 2018

Tirosina: Aumentare la Potenza Contro lo Stress Fisico e Mentale

la L-tirosina o semplicemente tirosina​ non è uno di quelli essenziale perché il corpo riesce a produrla tramite un altro amminoacido chiamato fenilalanina. I principali benefici della tirosina che sono stati segnalati sono principalmente attribuiti per prevenire il declino della funzione cognitiva in risposta allo stress fisico. La tirosina è il precursore delle catecolamine.

Ultimi post pubblicati

Brazilian Jiu Jitsu Kids
20 Gennaio 2019

Brazilian Jiu Jitsu Kids

Fa Davvero Bene Ai Bambini?

Il bjj è perfetto per i bambini e le bambine perché in giovane età gli effetti positivi sul corpo e sulla mente sono amplificati; in più al gioco si unisce un sistema di autodifesa non violento, immediato e completo. In poco tempo i bambini aumenteranno la loro forza negli arti e nel tronco, la schiena e le articolazioni si rinforzeranno e diventeranno più flessibili, aumenterà la loro coordinazione e sia l’apparato respiratorio che quello cardiocircolatorio ne trarranno beneficio.

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger
20 Gennaio 2019

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger

La nuova storia si collegherà direttamente a T2, aprendo a un interessante (e non di poco conto) interrogativo: come sarà risolto il "problema età" di Arnold? Quando Arnold Schwarzenegger ha girato Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio aveva 44 anni. Oggi l'attore ne ha 71 anni già compiuti e, per quanto se li porti benissimo, il suo aspetto è (inevitabilmente) diverso da quello che aveva nel 1991. Ma a quanto pare, la cosa non preoccupa James Cameron.