(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Dormire e Dimagrire

data di redazione: 15 Gennaio 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Dormire e Dimagrire

Andare a Ballare tutte le sere fa dimagrire?

DORMIRE E DIMAGRIRE

 

La maggior parte dei Body Builder sa che l’ormone della crescita (GH) è un potente brucia grassi. Uno degli incrementi maggiori di GH si verifica nelle prime due ore di sonno, quindi essere rilassati e raggiungere lo stadio di sonno profondo prima, senza agitarsi, è importante.

 

 

Ci sono alcune cose che potete fare per aiutare a far sì che questo avvenga prima, come abbassare le luci un’ora prima di andare a dormire, questo perché la luce ostacola la melatonina, un ormone che regola il ciclo del sonno. Anche un bagno caldo e rilassante può aiutare a distendervi e ad aiutarvi a dormire meglio.

 

La Melatonina è un ormone prodotto da una piccola ghiandola  presente all’interno del cervello degli esseri umani. La caratteristica peculiare di quest’ormone è l’essere il solo composto che accomuna tutti gli esseri viventi, dagli uomini alle alghe unicellulari; in tutti gli esseri viventi è prodotta con le stesse caratteristiche molecolari e secreta con la stessa ciclicità: valori maggiori durante la notte e minori durante il giorno.

 

Chimicamente, la Melatonina è una molecola derivata dal Triptofano, un aminoacido molto importante nella regolazione del sonno perché da esso deriva la serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento e induce il sonno.

 

Dormire le classiche 7 o 8 ore a notte è fondamentale sia ai fini salutistici che ai fini di dimagrimento globale del fisico, questo fattore è praticamente scientifico, oltre alla quantità conta anche la qualità del sonno che se è profondo e senza interruzioni è ovviamente migliore. Infatti le persone che lavorano di notte hanno più problemi in quanto l’orologio biologico viene sballato, come dicevano i nostri nonni le ore di sonno perse di notte non si recuperano di giorno, anche se dormite al mattino il recupero sarà sempre peggiore rispetto ad una persona che dorma tutte le notti come dovrebbe.

 

Potete provare a dormire la sera prima di andare al lavoro, è un palliativo che limiterà i “danni”, il lavoro è lavoro e quindi non preoccupatevi di questo fattore, magari la sera dopo che avete fatto la notte andate a letto un po’ prima per ripristinare l’orologio biologico, oppure nelle settimane che non effettuate la notte cercate di dormire come si deve.

 

La “diceria” che andare a ballare tutte le notti fa “bruciare calorie” è ovviamente una bufala!

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

il panettone ed il pandoro fanno male?
01 Ottobre 2014

il panettone ed il pandoro fanno male?

CALORIE PANETTONE PANDORO Il panettone, pur non essendo molto saziante, è piuttosto calorico, infatti fornisce circa 400 calorie ogni 100 grammi di prodotto; se a questo si aggiunge che di solito viene proposto alla fine di un pasto già abbondante si capisce perché i nutrizionisti consigliano di

Matteo Signani verso il Titolo
30 Ottobre 2014

Matteo Signani verso il Titolo

Il "Giaguaro" lotterà il prossimo 8 novembre per il trono dell'Unione Europea

La determinazione è un lato caratteristico di Matteo Signani detto il "Giaguaro": siamo pronti a scommetterci non ci deluderà e conquisterà questo titolo che nessun Italiano fino ad ora non ha mai conquistato.  

Ultimi post pubblicati

PLANK A CORPO LIBERO
19 Novembre 2018

PLANK A CORPO LIBERO

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Quadricipiti Sotto Tono Come Fare?
19 Novembre 2018

Quadricipiti Sotto Tono Come Fare?

Come utilizzare la tecnica del pre esaurimento per le cosce

Avete i quadricipiti sotto tono e volete portarli ad un livello superiore? Il personal trainer statunitense Mandus Buckle fa iniziare l'allenamento delle cosce, dei propri atleti, pre-esaurendo i muscoli posteriori, attraverso diversi esercizi di isolamento del bicipite femorale.