(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'Obesità' non Sempre è Correlata a Problemi Metabolici

data di redazione: 05 Gennaio 2015
L'Obesità' non Sempre è Correlata a Problemi Metabolici

In un nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che alcune persone obese non hanno i cambiamenti metabolici solitamente associati al diabete, malattie cardiache e ictus. Questo suggerisce che alcune persone obese possono essere protetti da queste anomalie metaboliche quando aumentano di peso.

 

Nei soggetti obesi i cui profili metabolici erano già anormali, l'aumento di peso è stato associato ad un significativo peggioramento dei loro profili metabolici.

 

I ricercatori, del Washington University School of Medicine di St. Louis, MO, hanno reclutato 20 partecipanti obesi che sono stati invitati a guadagnare circa 7 kg di peso nell'arco di diversi mesi. I risultati dello studio sono stati pubblicati sul The Journal of Clinical Investigation.

 

I ricercatori hanno poi studiato come l'aumento di peso influenzasse il metabolismo dei partecipanti. Prima e dopo aver ottenuto il peso, sono state misurate le capacità dei partecipanti di regolare lo zucchero nel sangue e il grasso del fegato, di come era la loro composizioni del corpo e la sensibilità all'insulina.

 

Per l'aumento di peso, i partecipanti hanno mangiato in ristoranti fast-food, sotto la supervisione di un dietista, in ristoranti selezionati dai ricercatori, sulla base della loro comunicazione accurate sulle informazioni nutrizionali e dimensioni consistenti delle porzioni.

 

I profili metabolici dei partecipanti, che erano nella norma quando è iniziato lo studio, sono rimasti normali anche dopo che i partecipanti hanno guadagnato peso.

 

Ma i ricercatori hanno osservato che, nei soggetti obesi i cui profili metabolici erano già anormali, l'aumento di peso è stato associato ad un significativo peggioramento dei loro profili metabolici.

 

L'anziano ricercatore Dr. Samuel Klein, di Danforth, Professore di Medicina e scienza nutrizionali e direttore del Washington University's Center for Human Nutrition, spiega quanto riscontrato:

 

"Questa ricerca dimostra che alcune persone obese sono protette dagli effetti negativi metabolici di un moderato aumento di peso, mentre altri sono predisposti a sviluppare questi problemi.

 

Questa osservazione è importante clinicamente perché circa il 25% delle persone obese non hanno complicanze metaboliche. I nostri dati mostrano che queste persone rimangono metabolicamente normali anche dopo che l'aumento aggiuntivo di peso. "

 

I fattori chiave identificati che distinguono metabolismi normali e anormali

 

I ricercatori hanno identificato alcuni fattori che distinguono i partecipanti obesi metabolicamente normali dai partecipanti con problemi metabolici.

 

Uno di questi fattori chiave è stato l'accumulo di grasso all'interno dei fegati delle persone con metabolismo anomalo - le persone con metabolismo normale non ha avuto questi accumuli di grasso.

 

Inoltre, i partecipanti con il metabolismo normale ha espresso più geni che regolano la produzione e l'accumulo di grasso rispetto a quelli con metabolismo anomalo. Questa attività dei geni è aumentata, quando i partecipanti metabolicamente normali, hanno guadagnato peso, mentre non c'era una maggiore attività nei soggetti con metabolismo anomalo.

 

Secondo gli autori, questo suggerisce che la capacità di grasso corporeo di aumentare ed espandersi può proteggere alcuni dei problemi metabolici che sono tradizionalmente associati con l'aumento di peso.

 

"E' importante sottolineare che una volta che lo studio è stato completato, abbiamo arruolato tutti i soggetti del nostro programma di perdita di peso per assicurarci riperdessero tutto il peso che avevano guadagnato, o più," dice il dottor Klein

 

Successivamente, il team analizzerà il grasso, muscoli e tessuto epatico, così come le persone obese, al fine di comprendere meglio i meccanismi di come alcuni individui - e non altri - sono protetti da problemi metabolici.

 

Il Dr. Klein dice che il team spera di risolvere se si tratta di genetica, dieta alimentare specifica, lo stile di vita fisico, la salute emotiva o addirittura da microbi viscerali che influenzano sia l'obesità che il provocare malattie in alcune persone e non in altri.

 

Riferimenti:

The Journal of Clinical Investigation news release, accessed 31 December 2014 via Newswise. 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Quando il Fitness e la forma fisica rendono più attraenti
01 Ottobre 2014

Quando il Fitness e la forma fisica rendono più attraenti

Uno studio rivela che atleti migliori sono più attraenti

Può una buona forma fisica di un atleta renderlo più attraente rispetto agli atleti meno in forma e meno vincenti? Ecco cosa ha rivelato uno studio condotto su due gruppi di atleti realizzato dall'Istituto di Biologia Evoluzionistica presso l'Università di Zurigo ha scoperto che i ciclisti più in forma e più veloci sono più attraenti per il sesso opposto.

I 3 perché dell'attività sportiva
02 Ottobre 2014

I 3 perché dell'attività sportiva

Vi sembra scontato che dopo aver sudato abbiate sete? E che dopo una corsa inaspettata faccia male la milza?

Da una breve indagine tre sono le domande maggiormente poste quando ci si appresta a fare attività sportiva; come ad esempio sembra scontato che si sudi, si beva dopo una grande sudata e che vi faccia male la milza a volte dopo una piccola corsetta…

Ultimi post pubblicati

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.

Il Doping Nel BodyBuilding
10 Giugno 2019

Il Doping Nel BodyBuilding

Diventare un bodybuilder professionista, di alto livello, richiede l'uso di potenti farmaci che sono collegati al malfunzionamento di molti organi del nostro corpo sino ad arrivare al decesso prematuro. Le sostanze incriminate sono gli steroidi anabolizzanti, l'insulina, l'HGH e i diuretici.