Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Nuova Guida OMS Riduce il Consumo di Zucchero Giornaliero

data di redazione: 09 Marzo 2015
Nuova Guida OMS Riduce il Consumo di Zucchero Giornaliero

La nuova guida dell'organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riduce il consumo di zuccheri.

"Abbiamo prove concrete che mantenere l'assunzione di zuccheri a meno del 10% del consumo totale di energia riduce il rischio di sovrappeso, obesità e carie," dice il Dott Francesco Branca.


Il glucosio, fruttosio, saccarosio e zucchero da tavola sono tutti esempi di zuccheri. Questi zuccheri si trovano naturalmente nel miele, sciroppi e succhi di frutta, ma possono anche essere aggiunti al cibo e bevande dai produttori.

 

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) spiega che gran parte dello zucchero consumato in questi giorni è nascosto all'interno di alimenti trasformati che non sono necessariamente percepiti come "dolci". L'OMS fornisce l'esempio di 1 cucchiaio di ketchup che può contenere circa 4 grammi di zuccheri, mentre una lattina di cola contiene fino a 40 g di zuccheri.

 

L'OMS riferisce anche che l'assunzione di zucchero varia tra le regioni del mondo. Ad esempio, mentre la razione di assunzione di zucchero è di circa il 7-8% del consumo totale di energia in Ungheria e in Norvegia, in Portogallo rappresenta quasi il 25% del consumo totale di energia.

 

Inoltre, all'interno dei paesi, l'assunzione di zucchero varia tra popolazioni urbane e rurali. In Sud Africa, una relazione dell'OMS rileva che l'assunzione di zucchero risulta di circa il 7,5% del consumo totale di energia tra le comunità rurali, mentre è maggiore nella popolazione urbana con il 10,3%.

 

"Abbiamo prove concrete che mantenere l'assunzione di zuccheri a meno del 10% del consumo totale di energia riduce il rischio di sovrappeso, obesità e carie, "dice il Dott Francesco Branca, direttore del Dipartimento di Nutrizione per la Salute e lo Sviluppo dell'OMS.

 

"Le istituzioni politiche dovranno impegnarsi a sostenere questi cambiamenti per ridurre l'impatto delle malattie non trasmissibili," aggiunge il Dott Branca.

 

Tuttavia, la nuova linea guida non fa riferimento agli zuccheri presenti nella frutta fresca, verdura e latte, in quanto non vi è alcuna prova segnalata che abbia trovato un'associazione tra effetti collaterali e il consumo di questi zuccheri.

 

La nuova linea guida è "basata su un'analisi delle più recenti evidenze scientifiche", secondo l'organizzazione.

 

Questa prova - valutata dall'organizzazione come "forte" e quindi opportuna che venga presa in considerazione dalle istituzioni - mostra che gli adulti che consumano minori quantità di zuccheri hanno un minor peso corporeo e che l'aumento della quantità di zuccheri nella dieta è collegata con l'aumento di peso.

 

Inoltre, i bambini con il più alto apporto di bevande zuccherate sono più a rischio di obesità dei bambini con una bassa assunzione di queste bevande. Quando più del 10% del consumo totale di energia deriva da zuccheri, c'è anche un'associazione con un più elevato rischio di carie.

 

Una  riduzione ulterioredell'apporto energetico, suggerita al 5%, è però una 'raccomandazione condizionale'

 

Tuttavia, ci sono sono stati pochi studi sull'argomento intrapreso tra le popolazioni con basso apporto di zucchero.


Come tale, nel sistema di guida basate sull'evidenza scientifica dell'OMS, una ulteriore riduzione a meno del 5% del consumo totale di energia è classificato come una "raccomandazione condizionale."

 

Raccomandazioni condizionali per questioni di sanità pubblica sono emesse dall'organizzazione quando la qualità delle prove possono non essere abbastanza forti.

 

L'OMS descrive raccomandazione condizionale quando "gli effetti desiderati delle raccomandazioni, superano gli effetti indesiderati, ma questi compromessi devono essere chiariti."

 

Lo zucchero è un problema pressante nella cura della salute in questo momento.

 

Riferimenti:

WHO news release, accessed 5 March 2015.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

I 5 Migliori Trucchi Per Non Ingrassare a Natale
09 Dicembre 2017

I 5 Migliori Trucchi Per Non Ingrassare a Natale

Come, Quando, Cosa Mangiare nel Periodo Pre Natalizio per Non Ingrassare

Volete festeggiare il Natale come si deve senza ingrassare? Vediamo di scoprire i 5 Migliori Trucchi Per Non Ingrassare a Natale.​ Il periodo di Natale è probabilmente il più bello e atteso dell'anno ma è un'arma a doppio taglio, nel senso che da un lato ci si ritrova in famiglia, si mangia, si beve, ci sono i giorni di festa, ma dall'altro c'è il pericolo di ingrassare, di appesantirsi, vanificando gli sforzi compiuti i mesi precedenti in palestra.

Motivazione – 8 Scuse e Relativi Rimedi per non Saltare gli Allenamenti
11 Dicembre 2015

Motivazione – 8 Scuse e Relativi Rimedi per non Saltare gli Allenamenti

Scusa dopo scusa i più pigri, e magari i meno motivati saltano sistematicamente gli allenamenti. Si sa che allenarsi allunga la vita, migliora anche la vita lavorativa, l’aspetto esteriore, quello interiore e la salute generale, quindi Abc allenamento condivide i suoi consigli su come bandire le scuse più comuni dal vostro vocabolario, una volta per tutte…

Ultimi post pubblicati

Qual è il Metodo Migliore per Aumentare la Massa Muscolare?
02 Agosto 2020

Qual è il Metodo Migliore per Aumentare la Massa Muscolare?

5x5 Bill Starr, P.O.F., E.D.T., G.V.T.

La nostra idea è quella di utilizzare i 4 metodi sopra elencati, nei muscoli dove sono più efficaci, pertanto GVT per le cosce, P.O.F. per petto e dorso, E.D.T. per Deltoidi, Bicipiti e Tricipiti e 5x5 per allenare i grandi esercizi con un protocollo di forza gestibile e con poche ripercussioni sul sistema nervoso centrale.

BodyBuilding 8x8 in Multi Frequenza e Alta Densità
24 Luglio 2020

BodyBuilding 8x8 in Multi Frequenza e Alta Densità

L'8x8 è un allenamento ad alto volume e dai tempi ridotti. Non è certamente indicato per l'incremento della forza. Le otto serie da otto ripetizioni vi aiuteranno inoltre a migliorare la vostra definizione muscolare. Gli intervalli ridotti saranno utili a stressare il vostro sistema cardiovascolare fino a raggiungere livelli adatti a bruciare sempre più calorie, stimolare il metabolismo e far sloggiare massa grassa.