Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

OGM - Rischi e Benefici

data di redazione: 20 Maggio 2016
OGM - Rischi e Benefici

UN MODO PER COMBATTERE LA FAME NEI PAESI POVERI

Gli OGM, contrari e favorevoli, chi pensa che al giorno d'oggi sia indispensabile e chi invece pensa che si stia osando troppo. Certo è che tramite queste tecniche, in un qual modo, si può marginare, anche se in piccola parte, il problema della denutrizione in alcune regioni sfortunate del nostro pianeta.

Certo è che la fame nel mondo è un problema principalmente economico e sociale, e non esiste un singolo strumento o una singola tecnologia che possa risolverlo; è più corretto pensare agli OGM come uno dei possibili utensili in una cassetta degli attrezzi, un mezzo fra i tanti da poter utilizzare, ognuno da usare nel modo più appropriato e congiuntamente agli altri.

La tecnologia per creare nuovi OGM è relativamente poco costosa, e molti paesi poveri o in via di sviluppo stanno mettendo a punto i loro OGM per risolvere problemi agronomici locali. Per esempio l'Uganda sta sviluppando una banana resistente ad alcune malattie e il Brasile una canna da zucchero OGM resistente ai parassiti.

AUMENTARE LE RESE CON GLI OGM?

Come i paesi poveri possono sviluppare questa tecnologia per combattere la fame, allo stesso modo i paesi ricchi potrebbero utilizzarla per aumentarne le rese, attraverso le quantità intendiamo. Tanto per fare chiarezza cominciamo col dire che nessun OGM in commercio a oggi è stato modificato esplicitamente per aumentare direttamente le rese per ettaro.

Gli scienziati non hanno ancora trovato un modo per aumentare le rese semplicemente inserendo uno o pochi geni, anche se non è detto che questo non si potrà fare in futuro. Gli OGM in commercio sono stati pensati per portare vantaggi agli agricoltori, sia attraverso una facilità di gestione delle coltivazioni (il caso degli OGM resistenti ai diserbanti) sia attraverso una riduzione dei costi per fitofarmaci.

La resa per ettaro della soia OGM resistente agli erbicidi dipende principalmente dalla varietà di soia in cui è stata inserita la modifica genetica, e quindi non ci si aspetta che sia sostanzialmente diversa dalla soia non modificata. C'è però un aumento indiretto dei raccolti, che è dato dall'aumento delle rese grazie agli OGM resistenti a virus e insetti.

OGM E L'USO DEI PESTICIDI, AUMENTATO O DIMINUITO?

Chi è contro questa "nuova" tecnologia spesso pensa erroneamente che con l'introduzione degli OGM l'uso mondiale dei pesticidi sia aumentato. Prima di tutto è necessario distinguere tra erbicidi e insetticidi, e tenere presente le diverse tossicità degli agrofarmaci considerati.

L'introduzione delle piante geneticamente modificate resistenti ai diserbanti ha portato come effetto principale una sostituzione di erbicidi più tossici, come l'atrazina, con altri a largo spettro meno tossici, come il glifosate, congiuntamente a una riduzione dei trattamenti per ettaro.

Tuttavia la facilità di impiego di questi OGM ne ha aumentato molto la diffusione, di conseguenza il consumo globale di glifosate è aumentato. Se invece si considerano le piante modificate per resistere ad alcuni tipi di insetti, queste per definizione necessitano di molti meno trattamenti insetticidi, e quindi la loro diffusione, specialmente per il cotone e il mais, ha portato una considerevole riduzione dell'uso degli insetticidi.

OGM RESISTENTI AI DISERBANTI, VERO O FALSO?

La resistenza a un particolare diserbante è solo uno dei tratti che possono acquisire le piante geneticamente modificate. Gli OGM resistenti ai diserbanti sono tra i primi a essere messi in commercio. A oggi, la resistenza a particolari diserbanti ad ampio spettro come il glifosate è la principale caratteristica introdotta, perchè è particolarmente apprezzata dagli agricoltori.

La soia resistente ai diserbanti, per esempio, rappresenta l'81% della soia mondiale. Di contro, esistono anche colture non GM, come il frumento, in cui la resistenza ad un diserbante è stata ottenuta attraverso altre tecniche. Oltre alla resistenza ai diserbanti esistono OGM con altre caratteristiche come:

  • la resistenza ad alcuni insetti
  • una composizione chimica e nutrizionale modificata
  • una difesa dagli attacchi di alcuni virus vegetali
  • una maggiore sopportazione degli stress idrici e altro ancora

OGM E PRODOTTI TIPICI

Sin dal 1996, anno che segna l'inizio delle coltivazioni transgeniche, le grandi multinazionali agrobiotech si sono concentrate nel produrre OGM adatti alle grandi monocolture, come la soia, il mais e il cotone, introducendo caratteristiche desiderabili per quegli agricoltori.

Tuttavia è possibile utilizzare le tecniche di ingegneria genetica anche per modificare piante di culture tipiche, allo scopo di risolvere particolari problemi agronomici su piccola scala. Nelle Hawaii, per esempio, la Cornell University e il Ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti, hanno sviluppato nel 1998 una papaya dell'isola di Puna, coltivata da poche centinaia di agricoltori.

La papaya OGM ha salvato la coltivazione di questo prodotto tipico. Anche in Italia, quindi a casa nostra, esistono prodotti tipici come il pomodoro di San Marzano, la cui coltivazione commerciale è stata ridotta anche a causa di un virus. È già stato prodotto un pomodoro San Marzano resistente al virus e questo facilita di conseguenza la ripresa di questa coltivazione.

LA TOSSINA MORTALE PER GLI INSETTI, INNOCUA PER L'UOMO

Il Bacillus thuringiensis, un batterio comunemente presente nel suolo, produce una serie di proteine tossiche per diverse specie di insetti. Queste tossine sono totalmente innocue per i mammiferi e altri animali superiori grazie al loro particolare meccanismo d'azione, perchè l'ambiente particolarmente acido del nostro sistema digerente degrada queste proteine.

Quando invece viene ingerita da un insetto, la proteina, in forma cristallina, raggiunge l'intestino e viene trasformata da un enzima presente solo in alcuni insetti e in questa forma danneggia irreparabilmente le pareti intestinali portando rapidamente l'insetto alla morte.

Ceppi diversi di questo batterio producono proteine tossiche per specie diverse di insetti. Data l'innocuità per l'uomo, l'agricoltura biologica utilizza ampiamente questo batterio, o le sue spore, come insetticida sotto forma di spray o polvere.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Giro d'Italia 2016 -  Le 21 Tappe ed i Big in Gara
10 Maggio 2016

Giro d'Italia 2016 - Le 21 Tappe ed i Big in Gara

Conclusi i primi 3 giorni in terra straniera alias Olanda, il Giro d'Italia ha fatto ritorno in Italia nella decorsa giornata, approfittando del primo dei tre giorni di riposo previsti lungo la gara.

Strongman Forti ma anche
23 Agosto 2016

Strongman Forti ma anche "Aerobici"

Gli Uomini più forti del Mondo hanno anche una resistenza fuori dal comune

Vi è mai capitato di assistere ad una gara WORLD'S STRONGEST MAN, ovvero l'UOMO PIU' FORTE DEL MONDO? Sicuramente sarete rimasti colpiti dalla forza sovrumana degli atleti e della loro voluminosa muscolatura come ad esempio quella del campione Mariusz Pudzianowsky.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.