Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Rio 2016 - Usain Bolt Vuole Infrangere la Barriera dei 19 Secondi nei 200 Metri

data di redazione: 30 Aprile 2016
Rio 2016 - Usain Bolt Vuole Infrangere la Barriera dei 19 Secondi nei 200 Metri

Usain Bolt ha iniziato ad allenarsi seriamente per i Giochi Olimpici di Rio 2016 ed ha inviato un duro avvertimento ai suoi rivali, in quanto ha lo scopo di andare sotto i 19 secondi nei 200 metri piani.

Il 6 volte campione olimpico Usain Bolt, aveva già esposto l'intenzione di rompere il suo record mondiale nei 200 metri piani, in un'intervista esclusiva all'inizio di quest'anno, ma ora ha seriamente dichiarato il suo intento; è quindi sicuro di infrangere la barriera dei 19 secondi sui 200 metri piani.

Ricordiamo ai nostri lettori che il campione giamaicano nel 2009 ha stabilito entrambi i record dello sprint: detiene il record sui 200 metri piani con 19.19 secondi ottenuto 4 giorni dopo l'altro record mondiale sui 100 metri piani pari a 9.58 secondi

"Ho molta voglia di correre in 19 secondi", ha detto Bolt dalla sua base di allenamento sita presso la University of West Indies a Kingston; "è il mio obiettivo principale"

"Penso che sia il record più difficile da ottenere, in quanto ci vuole la giornata giusta sia a livello fisico, che psichico e soprattutto le condizioni meteo di gara ottimali"

"Non sarà un compito facile, ma io personalmente sento che posso farlo e il mio allenatore Glen Mills pensa che io possa farlo, quindi lavorerò sodo in pista ed in palestra per rompere il muro dei 19 secondi a Rio 2016"

Bolt sta cercando di diventare il primo uomo a vincere 3 ori in 3 olimpiadi differenti sui 100, 200 e 4x100.

Il suo rivale più atteso sarà sicuramente Justin Gatlin; Gatlin ha detto che sente che sta chiudendo il gap su Bolt, avendo perso la finale dei 100 metri di Pechino per soli 0.01 secondi, anche se Bolt ha poi vinto i 200 metri più comodamente.

"Justin Gatlin dice che sta arrivando? Vedremo alle Olimpiadi cosa saprà fare!"

Usain Bolt è una forza della natura, l'unico modo per batterlo è farsi aiutare dal vento. Questa l'idea di una tv giapponese che ha convocato Justin Gatlin per provare a frantumare il record sui 100 metri del giamaicano. Detto, fatto: l'atleta americano, sospinto da maxi-ventilatori potenti dieci volte la forza consentita dal regolamento internazionale, è riuscito a chiudere in 9''45 (ben 13 centesimi sotto il tempo di Bolt). Record ovviamente non valido, ma piccola consolazione per Gatlin che, almeno così, è riuscito a battere Bolt.


Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Meditazione per principianti
04 Febbraio 2015

Meditazione per principianti

Speciale guida per iniziare a farlo da soli

La meditazione è più facile di quanto pensi, ed i benefici sono molti; meditare tutti i giorni ti regalerà più relax e meno stress, meno dolori cronici contrastando la depressione. Tramite l’esperienza di esperti vi spieghiamo come meditare da principiante, in modo da poter usufruirne dei vantaggi che ne conseguono.

Olimpiadi Invernali 2018: Sofia Goggia Oro nella Discesa Libera
21 Febbraio 2018

Olimpiadi Invernali 2018: Sofia Goggia Oro nella Discesa Libera

La sciatrice bergamasca Sofia Goggia, alla sua prima presenza ai giochi Olimpici invernali, dopo la delusione nel superG, dove per un errore ha visto svanire una vittoria quasi sicura, porta l'Italia nel gradino più alto del podio nella discesa libera, staccando di 9 centesimi la norvegese Ragnhild Mowinckel e di 47 centesimi la statunitense Lindsey Vonn.

Ultimi post pubblicati

Cosce Che Non Crescono
25 Marzo 2020

Cosce Che Non Crescono

Proposta di allenamento ad alto volume e multi frequenza per far crescere i muscoli delle cosce. Scheda di allenamento in German Volume Training per dare nuovo stimolo allo sviluppo muscolare.

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body
23 Marzo 2020

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body

Con l'allenamento inferiore superiore è possibile concentrarsi maggiormente su sollevamenti pesanti rispetto ad altri piani di allenamento. I sottoprodotti chimici derivati ​​dal metabolismo anaerobico chiamato stress metabolico è responsabile dell'ipertrofia del 25%. L'aumento dello stress metabolico dovuto alla maggiore intensità e frequenza di allenamento è ciò che ti avvantaggia quando segui la divisione inferiore superiore.