(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​5 Alimenti che Fanno Bene al Sesso

data di redazione: 16 Agosto 2016 - data modifica: 14 Febbraio 2019
​5 Alimenti che Fanno Bene al Sesso

Alimenti che Fanno Bene al Sesso

Se sotto le lenzuola hai bisogno di un aiutino, non è necessario correre in farmacia: tutto quello che ti serve lo trovi in casa, o nel più vicino supermercato. Di cibi afrodisiaci si è sempre parlato, ma oggi la scienza ha dimostrato che non si tratta di leggende né di favole.

SEDANO

Per spiegare perché da sempre il sedano sia considerato un eccellente afrodisiaco non basta la sua ricchezza di vitamine A, B, C, P e di numerosi minerali (oltre ai suoi effetti ipotensivi) che comunque fa di esso un alimento decisamente salubre.

Bisogna invece addentrarsi nel mondo dei feromoni, sostanze biochimiche prodotte da particolari ghiandole dell'organismo e che servono a veicolare messaggi olfattivi: per esempio una donna può captare nei feromoni di un uomo il suo desiderio sessuale.

Con gli ormoni steroidi delta-16 che contiene il sedano imita i feromoni maschili inviando alla donna un silenzioso messaggio di desiderio. Ma attenzione: servire il sedano rigorosamente crudo perché la cottura ha il solo effetto di disattivare questo preziosi ormoni che "ti danno una mano".

CIOCCOLATO

Non barare: se vuoi godere delle proprietà del cioccolato, devi mangiare quello nero, amaro ( minimo 70% di cacao ) e non quello al latte.

Le proprietà sono notevoli. Per incominciare, il cioccolato contiene teobromina, uno stimolante simile alla caffeina che ti rende più scatenante e reattivo, e magnesio che combatte lo stress e l'irritabilità.

Poi contiene anche feniletilamina, un ormone naturale che dona senso d'euforia e di cui sono particolarmente carenti le persone depresse.

È ovvio che l'assenza di tensioni, depressione e stress è fondamentale per fare del sesso soddisfacente, quindi è apprezzabilissima la capacità del cioccolato di aumentare la produzione da parte del sistema nervoso di serotonina ed endorfine, dette anche molecole di felicità.

Non guasta poi che il cioccolato sia ricchissimo di polifenoli, potenti antiossidanti che proteggono le cellule dai danni dei radicali liberi.

CICORIA

Si trattasse di una banale insalata, sarebbe solo fonte di acqua, fibre, vitamine e sali minerali. Invece a questa pianta erbacea sono state riconosciute di recente proprietà eccezionali: stimola l'appetito, regola le funzioni intestinali, del fegato e dei reni, favorisce la secrezione della bile e la diuresi.

Ha un effetto depurativo e disintossicante e soprattutto risveglia l'Eros perché è un vasodilatatore naturale che aumenta l'afflusso di sangue ai genitali maschili, favorendo così l'erezione.

La cicoria incrementa inoltre la produzione di ormoni, in particolare dell'importante androstenedione prodotto sai testicoli e dalle surrenali.

L'androstenedione è a sua volta fondamentale per la produzione del testosterone.

PEPERONCINO

Poco fa bene, troppo può essere disastroso.

La capsaicina ( la sostanza che rende piccante il peperoncino) è un potente vasodilatatore: da qui la fama universale di afrodisiaco che accompagna il peperoncino, che quindi migliora la circolazione sanguigna bei genitali maschili favorendo l'afflusso del sangue ai corpi cavernosi del pene.

Ma attenzione a non esagerare: dosi eccessive di peperoncino possono infiammare la prostata e, con una stimolazione esagerata, accorciare eccessivamente i tempi generando fenomeni controproducenti quali eiaculazione precoce.

Un effetto afrodisiaco indiretto del peperoncino è che il suo consumo stimola la produzione da parte del cervello di endorfine, le molecole del buonumore e del rilassamento che ovviamente propiziano il sesso.

MIELE

Basterebbe la ricchezza di sostanze nutritive ed energetiche del miele a definirlo un afrodisiaco: questo dolcificante naturale prodotto dalle api viene assimilato immediatamente dall'organismo, producendo un picco glicemico che da una "botta di energia" (anche se di breve durata).

Cosa ancora più importante, l'insospettabile miele e anche una grande fonte di boro, una sostanza che è fondamentale per la produzione di ormoni da parte dell'organismo e che sarebbe in grado di innalzare il livello di testosterone, responsabile del desiderio sessuale. 

Ottime fonti di boro sono anche i legumi, i funghi, le mandorle, l'uva, i cavolfiori e le prugne. Anche l'azione protettiva e disintossicante che ha il miele sul fegato è importante: ricordiamo che è nel fegato che si formano gli ormoni sessuali.

Ti potrebbe interessare:

ALLENAMENTO PER MIGLIORARE LE PRESTAZIONI

ALIMENTI DA NON CONSUMARE PRIMA DI UNA NOTTE DI SESSO

PIU' TESTOSTERONE

Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Esercizio Fisico per Anziani
05 Settembre 2015

Esercizio Fisico per Anziani

L'esercizio fisico negli anziani, può avere effetti profondi sulla vitalità di un anziano e sul benessere generale. Rimanere attivi può aiutare a ridurre il dolore e la rigidità muscolare ...

Migliorare i Sintomi dell'Asma con l'Attività Fisica
08 Ottobre 2015

Migliorare i Sintomi dell'Asma con l'Attività Fisica

Una nuova ricerca suggerisce che con solo 30 minuti di esercizio fisico ogni giorno si possono alleviare i sintomi di asma negli adulti.

Ultimi post pubblicati

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone
18 Maggio 2019

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone

Il testosterone alto, il principale ormone maschile, è un ottimo segno per la salute, ecco perché ci si domanda sempre come aumentarlo con l'alimentazione o altre soluzioni, ovviamente naturali e non chimiche.

Definizione Muscolare - La Scheda Migliore
16 Maggio 2019

Definizione Muscolare - La Scheda Migliore

Acquisire massa muscolare è abbastanza semplice, basta mangiare un pò di più adottando un allenamento strutturato sui grandi esercizi, spingendo grossi carichi; in linea di massima questa strategia ha sempre dato ottimi risultati in termini di aumento di peso e massa muscolare. Il problema nasce quando si deve perdere grasso, cercando di non perdere la massa muscolare, faticosamente acquisita nella fase bulk.