(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

5 esercizi per il Mal di Schiena

data di redazione: 09 Aprile 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
5 esercizi per il Mal di Schiena

Un desiderio di chi soffre di Mal di Schiena è la riduzione del dolore e un ritorno a una vita attiva

Il mal di schiena è una patologia molto frequente, specialmente quando si localizza a carico del distretto lombare (lombalgia), che colpisce a tutte le età e per diversi motivi: il sesso, le condizioni generali di salute, il sovrappeso, i fattori psicosociali, lo stile di vita, l'attività lavorativa, lo sport praticato, i traumi di varia natura, ecc.

 

Non è sempre facile, quindi, risalire perfettamente alla causa del dolore che può essere di natura muscolo-legamentosa (nei soggetti più giovani) e/o osteo-articolare (nei soggetti più anziani).

Risulta forse più semplice riconoscere il tipo di dolore, che può essere momentaneo o cronico e generare, a seconda dei casi, inabilità fisica.

 

Gli obiettivi principali nel trattamento del mal di schiena sono la riduzione del dolore e il ritorno del soggetto a una vita attiva: la terapia di recupero deve dunque necessariamente comprendere opportune tecniche di movimento ed essere strutturata sulla base delle caratterisctiche individuali, del tipo di patologia, della sua gravità e delle eventuali compromissioni funzionali.

 

Tale programma deve essere realizzato da uno specialista e deve svilupparsi secondo il decorso della patologia.

 

 

Tuttavia quando il problema è di lieve entità o ha superato la fase acuta, si possono effettuare, senza la supervisione di un operatore, semplici esercizi in grado di aiutare ad alleviare il dolore. Tali esercizi non risolvono definitivamente il problema, ma sono alla base di un trattamento più ampio di rieducazione posturale globale che prevede, a seconda dei casi, oltre agli esercizi specifici del trattamento rieducativo, anche eventuali altre esercitazioni finalizzate al miglioramento della forma fisica in generale, da effettuare in un secondo tempo.

 

 

 

 

 

1. Al suolo assuemte la posizione sul fianco con gambe e braccia flesse al petto: respirate naturalmente e mantenete la posizione fino a quando gli atti respiratori diventano meno frequenti e più lunghi.

 

 

 

 

 


2. Supini con gli arti inferiori in appoggio su una sedia, con le ginocchia a novanta gradi respirate naturalmente.

 

 

 

 

 

3. Supini al suolo con gli arti inferiori flessi al petto abbracciate le ginocchia:

  • a. respirate naturalmente
  • b. dondolatevi a destra e sinistra senza staccare il tratto lombare da terra;
  • c. insipirate e durante l'espirazione avvicinate dolcemente le ginocchia al petto.

 

 

 

 

 

4. In ginocchio seduti sui talloni  con il busto flesso in avanti: mantenete la posizione fino a sentirne il beneficio.

 

 

 

 

5. Supini al suolo con le gambe flesse e le mani sull'addome: inspirate e durante l'espirazione "tirate in dentro" la
pancia.

 

 

 

 

 

N.B. Si consiglia di ripetere tali esercizi fino a sentirne beneficio, senza fare riferimento a un numero stabilito.

 

Buona riabilitazione con ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Quanta Acqua Bisogna Bere al Giorno?
04 Ottobre 2014

Quanta Acqua Bisogna Bere al Giorno?

Come per la maggior parte delle cose, questo dipende dal singolo individuo e ci sono molti fattori (interni ed esterni) che influenzano in ultima analisi, il nostro bisogno di acqua. Vediamo cosa dicono alcuni dei studi sulla assunzione di acqua e su 

​Il metodo Feldenkrais
29 Settembre 2015

​Il metodo Feldenkrais

Cos'è e che benefici apporta il metodo sviluppato da Moshe Feldenkrais

Il metodo Feldenkrais, mette in contatto le persone con le loro reali capacità e i loro obiettivi, attivando le profonde risorse naturali dell'organismo, e perciò può essere applicato in molti ambiti e contesti differenti.

Ultimi post pubblicati

Intercostali Esterni ed Interni
22 Ottobre 2018

Intercostali Esterni ed Interni

Origine, Inserzione ed Azione

I muscoli intercostali occupano gli spazi intercostali; sono 11 per lato e si distinguono in esterni, medi ed interni. Sono innervati dai nervi intercostali dal 1° all’11° e, contraendosi, elevano ed abbassano le coste; sono, pertanto, muscoli inspiratori ed espiratori.

La Dieta Dello Yogurt - Programma Settimanale
22 Ottobre 2018

La Dieta Dello Yogurt - Programma Settimanale

Lo yogurt è un alimento perfetto per perdere peso; consumato quotidianamente infatti, è utile sia per sgonfiarsi che per depurarsi, ripristinando quei processi intestinali molto spesso alterati da un tipo di alimentazione ricca di grassi o comunque eccessiva.