(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

6 Modi per Curare l'Ipertensione Senza Farmaci

data di redazione: 08 Dicembre 2015
6 Modi per Curare l'Ipertensione Senza Farmaci

Come possiamo monitorare, prevenire ed abbassare la pressione arteriosa

In caso di ipertensione, modificare una dieta oppure lo stile di vita richiede uno sforzo notevole, ma vale senza dubbio la pena di tentare, perché se si raggiunge l'obiettivo la pressione arteriosa può tornare ai valori normali senza che sia necessario ricorrere ai farmaci.

I metodi di autocura sono numerosi ed efficaci.

1.MANGIA MENO SALE

Diciamo che è la prima regola, la prima cosa che vi consiglierebbe il vostro medico in caso di ipertensione.

Si stima che gli uomini ne consumino in media 10 g al giorno contro i 7 delle donne.

D'altronde è stato dimostrato che coloro che si limitano a circa la metà di queste quantità presentano valori pressori inferiori.

Dalla razione di sale assunta quotidianamente, solo un grammo circa viene aggiunto ai cibi in tavola o durante la preparazione, la rimanenza proviene in massima parte dagli alimenti preconfezionati.

Per ridurre l'apporto di sale occorre evitare di aggiungerlo alle pietanze, sia a tavola che durante la preparazione, aumentando il consumo di cibi freschi e limitando ovviamente l'uso di cibi preconfezionati.

Per insaporire i piatti quando si cucina, in sostituzione del sale si possono utilizzare erbe aromatiche e spezie, che non contengono sodio.

Nelle farmacie e nei negozi di dietetica si trovano ormai parecchi prodotti in grado di sostituire il sale comune; si tratta di preparati che contengono meno cloruro di sodio e una quota maggiore di cloruro di potassio.

Il meglio in ogni caso è abituarsi "all'insipido", e dopo un pò vedrete che sarà difficile tornare a mangiare salato!

2. UTILIZZA INTEGRATORI DI POTASSIO

È dimostrato che un aumento dell'apporto di potassio con la dieta riduce la pressione arteriosa, in ogni caso è sempre meglio evitare di fare uso di integratori sotto forma di sali o compresse.

La razione giornaliera di questo minerale dovrebbe invece essere incrementata consumando maggiori quantità di frutta e ortaggi freschi e riducendo, al contempo, l'assunzione di alimenti preconfezionati ricchi di sale.

3. RICORRI A TERAPIE ANTISTRESS

C'è una stretta relazione tra stress cronico e valori pressori elevati.

Tuttavia molti soggetti ipertesi accusano forte stress dovuto a varie ragioni, ad esempio problemi personali e preoccupazioni a livello professionale, oppure l'insorgere di stati d'ansia senza un motivo apparente.

Se si rientra in questa categoria di pazienti, una terapia mirata anti-stress può aiutare a ritrovare la tranquillità e, al contempo, a normalizzare la pressione arteriosa.

Per il resto, sicuramente, al soggetto iperteso farebbe sicuramente bene in ogni caso la pratica di rilassamento, di yoga o di altre tecniche analoghe.

4. CONTROLLA IL TUO PESO

La pressione arteriosa scende di circa 1 mm Hg per ogni Kg di peso perso.

Pertanto, una lieve ipertensione può sparire se si dimagrisce quanto basta; la dieta, inoltre, deve tenere conto della necessità di ridurre il consumo di sale.

Le ricerche indicano che gli individui in sovrappeso hanno maggiori probabilità di raggiungere il peso forma se il medico li affida ad un dietologo e se incrementano l'attività fisica.


5. FAI ATTIVITÀ FISICA

Ogni ricerca in merito dimostra una forte correlazione fra l'attività fisica e una riduzione della pressione arteriosa.

Sicuramente questi risultati positivi vengono ricondotti anche alle modificazioni che spesso vengono introdotte nella dieta quando si intraprende una pratica sportiva.

Nel caso di persone avanti con l'età, anche

  • scegliere le scale all'ascensore
  • oppure fare una camminata qualche volta a settimana comunque potrebbe essere di forte aiuto contro questa patologia.

Quasi tutti i tipi di sport vanno bene, a condizione di non affaticarsi in modo eccessivo; lo sforzo deve comunque essere sufficiente ad aumentare leggermente la frequenza cardiaca e a provocare una modesta sudorazione.

6. MISURATI SPESSO LA PRESSIONE

Il monitoraggio regolare della pressione è un'ottima misura preventiva che permette di accorgersi con tempestività di eventuali variazioni pressorie.

Il controllo quotidiano a casa con uno strumento digitale è il metodo più comodo e più pratico, ed è eseguibile in qualsiasi momento.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

La vitamina C Contro l'Ostruzione delle Vie Aeree o Sintomi Respiratori Dopo l'Esercizio Fisico
13 Dicembre 2014

La vitamina C Contro l'Ostruzione delle Vie Aeree o Sintomi Respiratori Dopo l'Esercizio Fisico

In diversi studi, la somministrazione di vitamina C ha attenuato gli aumenti dei marker di stress ossidativo causato dall'esercizio fisico. Inoltre, la vitamina C è coinvolta nel metabolismo di istamina, prostaglandine, leucotrieni e cisteinil, tutte che sembrano essere mediatori nella patogenesi della broncocostrizione indotta.

Intolleranze Alimentari, Come Evitarle?
07 Maggio 2016

Intolleranze Alimentari, Come Evitarle?

Una dieta varia, vitamine, minerali e lotta allo stress per evitare le intolleranze alimentari

Per "intolleranza alimentare" si intende l'incapacità di metabolizzare alcuni alimenti, in particolare il glutine, una proteina presente in alcuni cereali come il grano, l'orzo e la segale...

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4