(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

8 Motivi per cui dovremmo praticare Sport per la Salute del nostro Cuore

data di redazione: 04 Aprile 2016
8 Motivi per cui dovremmo praticare Sport per la Salute del nostro Cuore

Lo sport è vita. Sembra uno slogan per promuovere lo sport, ma è una verità assoluta. La mancanza di moto costituisce terreno fertile per una serie lunghissima di malattie che potrebbero tranquillamente essere evitate con una camminata un paio di volte la settimana.

Gli studi e le ricerche dimostrano come il rischio d'infarto in un soggetto non allenato fisicamente è doppio rispetto ad un soggetto fisicamente in forma. Per di più questo rischio aumenta dopo i 40 anni per i non sportivi, mentre per gli sportivi il rischio rimane praticamente costante dai 40 ai 60 anni. Ecco perchè non dovremmo mai smettere di fare una qualsiasi attività sportiva, anche quando entriamo negli "anta".

IL NOSTRO CUORE, IL MOTORE

Per comprendere meglio l'importanza di questo organo, descriviamo in breve il lavoro che compie in ogni istante della nostra esistenza.

ll cuore sano ha il compito di garantire il corretto flusso del sangue in tutto il nostro corpo, vale a dire la circolazione del sangue. Vasi sanguigni e cuore costituiscono, assieme, il sistema cardiocircolatorio, detto anche sistema cardiovascolare, che trasporta in tutto l'organismo ossigeno e sostanze nutritive e assicura allo stesso tempo il ricambio metabolico e l'eliminazione dell'anidride carbonica.

Il cuore è un muscolo ripartito all'interno in quattro cavità. La parete divisoria divide il cuore in una metà destra e una metà sinistra. Entrambe le metà sono strutturate allo stesso modo, e constano di un'atrio e di un ventricolo. Questi sono collegati l'un l'altro da valvole che, con la loro apertura e chiusura, assicurano che il sangue affluisca in una sola direzione. Le due metà del cuore quindi svolgono diverse funzioni.

La parte destra del cuore riceve nell'atrio il sangue ricco di anidride carbonica, proveniente dalle diverse parti del corpo e lo spinge nel ventricolo destro. Da li il sangue viene pompato ai polmoni, dove riceve ossigeno fresco e cede anidride carbonica. Dai polmoni il sangue ritorna nell'atrio sinistro e quindi nel ventricolo sinistro da cui poi fluisce nell'arteria principale, l'aorta, e quindi entra nella circolazione corporea. Il cuore è alimentato da un proprio sistema di vasi sanguigni, i vasi coronari o arterie coronarie. Le coronarie, subito dopo l'inizio dell'aorta si dividono da questa in due rami, da cui defluisce una piccola parte del sangue, per rifornire il cuore di sangue fresco, ricco di ossigeno e asportare i prodotti del metabolismo. il sangue esausto dalle arterie coronarie ritorna infine, attraverso le vene coronarie, nell'atrio destro.

Un cuore di media grandezza pesa circa 450 grammi, e pompa da 5 a 7 litri d'ossigeno al minuto nel circolo sanguigno. Il cuore per trasportare 10.000 litri di sangue compie circa 100.000 battiti.

CON LO SPORT IL CUORE È PIÙ EFFICIENTE

Il cuore lavora meglio se pratichiamo un'attività fisica regolare, e questo perchè:

  1. la frequenza cardiaca, ossia il numero di battiti al minuto, è logicamente più bassa nelle persone che svolgono regolarmente attività fisica; un cuore allenato ha una frequenza di circa 60 pulsazioni al minuto, mentre un cuore non allenato batte circa 80 volte. Questo, in numeri, equivale a 31.449.600 battiti all'anno in una persona allenata contro i 41.932.800 di un sedentario. Un cuore allenato risparmia quindi 10.000.0000 di pulsazioni l'anno!
  2. quanto più alta è la frequenza cardiaca, tanto maggior energia è richiesta per tenere in movimento il sangue. Un organo a bassa frequenza cardiaca richiede quindi meno energia, un buon presupposto affinché continui a funzionare bene anche da meno giovane
  3. un cuore abituato a carichi pesanti a riposo deve lavorare meno e per questo motivo chi pratica sport con regolarità ha un numero di pulsazioni più basso, in fase di riposo
  4. siccome con lo sport consumiamo molte più Kcal (dalle 1000 alle 15000 Kcal a settimana in più) riduciamo significativamente il rischio d'infarto del miocardio (anche del 50%)
  5. i globuli rossi diventano più elastici, di conseguenza migliora la fluidità del sangue
  6. grazie a questa migliorata fluidità le placchette del sangue non si formano più così velocemente e si riduce quindi il rischio di trombosi
  7. un'attività sportiva di media intensità è già in grado di aumentare il volume del sangue; ciò significa che una maggior quantità di emoglobina ossigenata circola nel nostro organismo
  8. anche le pareti arteriose rimangono più elastiche e quindi anche il dispendio energetico del cuore si riduce
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Lievi infortuni: ci possiamo continuare ad allenare in palestra?
09 Luglio 2017

Lievi infortuni: ci possiamo continuare ad allenare in palestra?

Spesso capita di provare dolori da piccoli infortuni. Come continuare i nostri allenamenti

allenamento palestra bodybuilding con dolore ? Si sa che Chi si allena intensamente in palestra, a tutti i livelli , è soggetto a piccoli infortuni. Ma è possibile allenarsi con i pesi , nonostante il dolore ? Dipende dal tipo di infortunio , dall'entità e dove abbiamo dolore . 

4 Consigli per Iniziare al Meglio la Vostra Giornata
27 Aprile 2016

4 Consigli per Iniziare al Meglio la Vostra Giornata

​In questo breve articolo vi diremo come alzarvi dal letto con la motivazione giusta ed energia da vendere per affrontare al meglio anche la giornata più grigia.

Ultimi post pubblicati

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso
15 Febbraio 2019

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso

Programma di allenamento per dimagrire con esercizi di forza, cardio, protocolli HIIT e consigli alimentari perchè senza una buona alimentazione non si va da nessuna parte.

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti
14 Febbraio 2019

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti

Il termine pilaf di per sè, contrariamente al significato che ha acquisito per metonimia in italiano e in altre lingue, non si riferisce al riso, ma alla maniera di cucinarlo: pilaf è la cottura del riso, non il riso in sè.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4