(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

ABC Consigli contro il Mal di Schiena

data di redazione: 24 Settembre 2015
ABC Consigli contro il Mal di Schiena

Errori Comuni che Pregiudicano la Salute della nostra Schiena

In tanti si preoccupano della propria schiena solo dopo aver avuto un attacco acuto o avere avvertito i primi sintomi di dolore cronico, il problema è però che a questo punto, il danno, o almeno una parte di esso, è già fatto: nella maggior parte dei casi è reversibile, ma spesso lascia strascichi come l'indebolimento.

Ecco perchè è importante che chi ha avuto un problema alla schiena agisca per ridurre la probabilità di vederlo ricomparire, facendo attenzione a evitare sollecitazioni eccessive sulla colonna.

Spesso poi ce la cerchiamo! L'abitudine di portare i tacchi troppo alti e troppo spesso, per le donne per esempio, accentua la curva alla base della colonna vertebrale. Questo, non solo comprime le vertebre, ma fa allungare i muscoli addominali e spostare in avanti gli organi contenuti nell'addome.

Questo fa si che si verifichi una diminuzione della pressione intraddominale e, di conseguenza, un minor sostegno per la colonna vertebrale nella parte frontale del corpo, con tutti i successivi problemi e dolori che poi comporterà.

ATTENZIONE QUANDO SIETE "AL VOLANTE"

In genere, anche in persone che generalmente non soffrono di questo genere di problema, guidare su lunghe distanze fa venire mal di schiena.

Durante la guida infatti, si eseguono piccoli movimenti in posizione flessa, e ciò automaticamente sollecita la schiena in maniera eccessiva.

Anni addietro, i sedili delle auto non venivano progettati per evitare questi problemi, oggi sono più anatomici e comodi, salvaguardando di più il guidatore, ma spesso non basta.

Non è abbastanza, infatti, avere il sedile all'avanguardia, bisogna che lo regoliamo al punto giusto, in modo da poter raggiungere comodamente il volante e tenendo le ginocchia leggermente piegate e all'altezza delle cosce, con lo schienale non troppo steso.

Se il sedile non ha un sostegno per la regione lombare, sistematevi un cuscino all'altezza dei reni.

Il sedile dovrebbe essere rigido e dare sostegno, lo schienale alto e largo abbastanza per sostenere la parte superiore del corpo ed evitare quindi al guidatore di scivolare di lato durante la manovra di curva.

Nei negozi specializzati si trova di tutto, articoli utili per guidare comodi ed evitare futuri problemi alla schiena, tipo sostegni lombari di tutti i generi e per tutti i gusti.

Non per ultimo, bisognerebbe cercare di evitare torsioni quando salite o scendete dall'auto; il meglio sarebbe arretrare il sedile al massimo e ruotare contemporaneamente il busto e le gambe prima di alzarvi per scendere.

ALTRI CONSIGLI GENERALI

Qualche altro consiglio generale per la salute della vostra schiena potrebbe essere:

  1. controllare frequentemente la vostra postura durante il giorno, in modo che assumerne una corretta diventi un'abitudine
  2. evitare di mantenere posizioni che provocano tensione nei muscoli dorsali, per esempio piegarvi in avanti su un banco da lavoro o lavarvi i capelli nel lavandino (una postura scorretta in posizione statica rende i muscoli tesi e doloranti e i legamenti allungati e anch'essi doloranti. Inoltre provoca una contrazione eccessiva delle fibre muscolari e, in qualche caso, la comparsa di dolorose contratture)
  3. fare sport!! L'esercizio fisico, non ci stancheremo mai di dirlo, è il miglior metodo per non soffrire di mal di schiena; in questo modo manteniamo forti e flessibili i muscoli dorsali e addominali, rendendo la colonna vertebrale stabile e meno soggetta a danni provocati da qualche movimento sbagliato
  4. evitare di stare fermi in piedi a lungo; se non vi è possibile, a causa del lavoro ad esempio, appena potete fate qualche esercizio di stretching o fate riposare una gamba su un supporto o su una sbarra per scaricare la tensione dalla schiena nella regione lombare
  5. evitare di fare due movimenti alla volta, specialmente se dovete usare differenti gruppi muscolari; Per esempio, non sollevate un peso gravoso mentre ruotate il corpo
  6. cercare di dormire e riposare molto; in questi momenti, infatti, i dischi intervertebrali riassorbono il liquido che hanno perso nel corso delle attività quotidiane.
  7. cercare di non dormire a "pancia sotto", mettetevi piuttosto di lato, magari con un cuscino fra le ginocchia e leggermente rannicchiati
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Enzimi Digestivi
24 Dicembre 2014

Enzimi Digestivi

Come usarli, perché prenderli e a cosa servono

Gli enzimi digestivi. Probabilmente avrete sentito parlare degli enzimi digestivi, magari vi state chiedendo se è il caso di prenderli. Ma questo è un settore in cui regna tanta confusione. La supplementazione di qualsiasi tipo integratore, senza sapere che cosa è o cosa faccia o se possano essere dannosi per la salute. Quindi, prima di farvi una scorta di papaina e bromelaina, cerchiamo di ottenere una completa visione su tutto quello che sono gli enzimi digestivi.

8 Ormoni prodotti dal Corpo umano
22 Febbraio 2015

8 Ormoni prodotti dal Corpo umano

L'importanza di conoscere il funzionamento degli ormoni prodotti dal corpo umano

L'insulina ha un ruolo fondamentale nella regolazione della GLICEMIA, del grasso corporeo e nei processi di invecchiamento. Per vivere a lungo, avere un bell'aspetto, e tenere le rotelle a posto, dobbiamo tenere l'insulina piuttosto bassa, limitando l'assunzione di carboidrati e tenendo sotto controllo altri fattori del nostro stile di vita

Ultimi post pubblicati

Ho Perso La Motivazione
17 Ottobre 2018

Ho Perso La Motivazione

Il calo della motivazione arriva in un momento in cui avete completamente abbassato le difese, e probabilmente non è neanche dovuto a ragioni inerenti al vostro tipo di allenamento. In questo articolo Sonia Papi ci spiega come ritrovare la motivazione per l'allenamento.

LEG RAISE GAMBE PIEGATE
17 Ottobre 2018

LEG RAISE GAMBE PIEGATE

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.