Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Allenamento e Pubalgia

data di redazione: 30 Novembre 2013 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Allenamento e Pubalgia

Dolore zona pubica ed interno coscia ? probabile Pubalgia !

Se vi allenate in modo intenso può capitare di avere problemi di pubalgia , la pubalgia è una sindrome alquanto dolorosa che può manifestarsi : all'inguine, in zona pubica o sulla facciata interna della coscia in prossimità dei muscoli adduttori delle gambe. In tutto si possono classificare oltre 70 cause di pubalgia, ma le più frequenti sono di solito 3:  
 
 
 
 
 
  1. micro-traumi ripetuti a carico dei muscoli adduttori della coscia e dei muscoli addominali. In questo caso il dolore si manifesta nella zona pubica.  
  2. micro-traumi indotti dai muscoli adduttori che allungandosi in modo non bilanciato con l'altro arto creano un cedimento. Questa situazione si viene a creare in età dello sviluppo e porta ad uno squilibrio del bacino.  
  3. Il famoso gesto del calciatore, che quando calcia comporta una forte tensione della muscolatura addominale. 

 

 

In tutti e tre i casi, il dolore si manifesta all'inizio nella zona pubica, per poi irradiarsi successivamente nella facciata anteriore della cosce e qualche volta nel retro del pube. I sintomi che manifestano la pubalgia sono generalmente di tre tipi: vescicale, sensazione d'incompleto svuotamento vescicale dopo aver fatto la pipì , dolore al risveglio e all'inizio dello svolgimento dell'attività fisica. I casi più gravi di pubalgia possono però manifestare un dolore continuo, in questi casi è consigliabile il riposo assoluto, terapia medica ( antinfiammatorio) e fisioterapia.

 

 

Gli esercizi adatti per la cura della pubalgia sono diversi, e da eseguire sempre dopo un adeguato periodo di riposo di almeno una settimana. Il primo esercizio consigliato è il tapis roulant, cercando di allungare al meglio gli adduttori, flessori dell'anca e i muscoli addominali. In secondo luogo è indicato praticare esercizi di stretching o qualsiasi altro attrezzo che favorisca il graduale allungamento muscolare.

 

 

Per chi pratica body building è raro avere problemi di pubalgia perché gli esercizi di body building non sono estremamente traumatici per adduttori ed addominali , c'è sempre un controllo nei movimenti, gli esercizi in palestra non prevedono strattoni, strappi o cambi di ritmo, quindi è rarissimo per un culturista avere problemi di pubalgia .

 

 

Il discorso è diverso quando parliamo di un marzialista , lottatore o fighter . Un marzialista dopo sedute intense di calci laterali , circolari , ginocchiate può incorrere in questo tipo di problema per un sovrallenamento della zona pubica e dell'interno coscia, stesso discorso vale per un lottatore il quale a terra subisce aperture improvvise energiche delle gambe quando l'avversario prova ad entrare dentro la guardia e questo può provocare infiammazioni e problemi di pubalgia. La zona addominale ed interno coscia in un combattimento o seduta di arti marziali è sempre sollecitata e quindi può capitare di avere problemi di pubalgia . 

 

 

Cosa Consigliamo ? di andare subito da un fisioterapista o medico per farsi visitare e intraprendere sedute per recuperare la zona interessata dal dolore, di evitare assolutamente esercizi per le gambe come squat e stacco , di evitare combattimenti liberi di allenamento in palestra perché peggiorerete la situazione , non potendo avere il controllo della situazione .

 

 

Se avete solo un leggero dolorino e non volete perdere la vostra condizione fisica , volendo quindi allenarvi ugualmente , lavorate almeno solo sulla tecnica nelle vostre discipline marziali e di combattimento e con i pesi allenate solo la parte superiore del corpo , per quanto riguarda la corsa sono da abolire gli scatti e corse in salita , ma da intraprendere corse  a ritmo costante .

 

 

Nel lavoro chi lavora può sbagliare , nello sport chi si allena può avere qualche infortunio , solo chi ozia e non fa nulla , non capita nulla !

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

La malattia dello sportivo: come riconoscerla e i rimedi
16 Novembre 2017

La malattia dello sportivo: come riconoscerla e i rimedi

Molte volte dietro una passione sfrenata si nasconde un disagio di fondo, come valutare e riconoscere i sintomi

La pratica dello sport, socialmente e moralmente riconosciuta come una virtù a volte può nascondere un disagio di fondo. Una pratica ossessiva, vere e proprie sindromi da astinenza da allenamento, sensi di colpa sono tra i sintomi per riconoscere questa psicopatologia. Consigli semplici per trasformarla in quello che deve essere: una pratica sana e che apporta benefici.

Sport nella Terza Età
01 Ottobre 2014

Sport nella Terza Età

La pratica che non conosce tempo

Un luogo comune molto diffuso è che ad una certa età sia necessario smettere di fare attività fisica. O che comunque, in età avanzata, non sia possibile cominciare a svolgere attività fisica.

Ultimi post pubblicati

Camminare 1 Ora al Giorno quanto Aiuta a Perdere Peso?
30 Maggio 2020

Camminare 1 Ora al Giorno quanto Aiuta a Perdere Peso?

Camminare è un'ottima forma di esercizio che può aiutare a perdere peso e fornire altri benefici per la salute. Tuttavia, rispetto ad altre forme di esercizio fisico, molte persone non considerano il camminare efficace o efficiente per la perdita di peso.

7 Vantaggi dello Squat e Varianti da Fare
29 Maggio 2020

7 Vantaggi dello Squat e Varianti da Fare

Squat a casa o in palestra, i vantaggi del farlo

Lo squat è un esercizio di allenamento dinamico della forza che richiede che diversi muscoli della parte superiore e inferiore del corpo lavorino contemporaneamente. Molti di questi muscoli aiutano a svolgere attività quotidiane come camminare, salire le scale, piegarsi o trasportare carichi pesanti. Aiutano anche a svolgere attività legate all'atletica.