Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Caffè e Rischio di Micotossicosi

data di redazione: 30 Ottobre 2015
Caffè e Rischio di Micotossicosi

Quella prima tazza di caffè è pura beatitudine per quelle persone che necessitano di una carica di caffeina appena svegli, che sia macchiato con latte, zucchero o semplicemente nero. Ma se contenesse micotossine? Un nuovo studio conferma la presenza di questi metaboliti tossici prodotti dai funghi in alcuni campioni di caffè commerciali, portando una preoccupazioni per i potenziali rischi per la salute pubblica.

Caffè con una spruzzata di micotossine? Il nuovo studio rivela livelli che superano quelli legalmente autorizzati nei campioni spagnoli di caffè.

Lo studio - condotto dal Dr. Emilia Ferrer dell'Università di Valencia in Spagna - è stato pubblicato sulla rivista Food Control.

Lei ei suoi colleghi spiegano che le micotossine sono composti prodotti da funghi filamentosi - come Aspergillus o Fusarium - che causa malattie e problemi di salute. Questi composti possono essere cancerogeni e possono influenzare il sistema ormonale e immunitario.

La Micotossicosi è l'effetto tossico delle micotossine sulla salute animale e umana. L'esposizione a questi composti è tipicamente per ingestione, ma può avvenire anche attraverso la pelle o per inalazione.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l'interesse generale alle micotossine è nata nel 1960, quando la malattia X del tacchino (in inglese Turkey X disease) - una forma di micotossicosi che era collegata all'alimentazione animale - sorse negli animali da fattoria in Inghilterra.

Da questo, è venuto alla luce che queste tossine sono epato-cancerogene - agenti che causano il cancro del fegato - e quindi hanno iniziato a diffondere la ricerca sulle micotossine.

La presenza di queste tossine su cereali, frutta secca e altri prodotti che sono suscettibili alla muffa, è determinato da fattori ambientali, tra cui la temperatura, l'umidità e la quantità di precipitazioni durante i cicli di raccolta.

Poiché la presenza di micotossine negli alimenti e mangimi non è del tutto evitabile, i regolamenti consentono la presenza di piccole quantità di queste tossine in questi prodotti.

In questo ultimo studio, i ricercatori hanno effettuato la loro analisi, utilizzando una metodologia chiamata spettrometria di massa tandem-cromatografia liquida (LC-MS / MS), che prevede l'accoppiamento di un tecnica di separazione molecolare con un'altra tecnica per identificare con precisione le molecole in base al loro peso.

CINQUE CAMPIONI ANALIZZATI HANNO SUPERATO I LIVELLI CONSENTITI

Il Dr. Ferrer e colleghi hanno analizzato 100 campioni di caffè venduti nei supermercati in Spagna per confermare la presenza di micotossine.

In dettaglio, hanno trovato la presenza di fumonisine, aflatossine, tricoteceni e micotossine emergenti in concentrazioni variabili, 10-3,570 mg / kg. Hanno anche scoperto che cinque dei campioni contenevano ocratossina A in quantità che superano i livelli massimi ammissibili correnti.

"L'unica micotossina legiferata è l'ocratossina A," dice il Dott Ferrer. "Abbiamo rilevato basse concentrazioni di questa micotossina nei campioni di caffè, anche se cinque dei campioni hanno superato i livelli consentiti."

L'ocratossina A è stata precedentemente associata a malattie renali e tumori uroteliali negli esseri umani, e come tale, la legislazione europea ha stabilito un livello massimo consentito di 5 mcg / kg per il caffè torrefatto e macinato, e 10 mg / kg per il caffè solubile o instantaneo.

I ricercatori spiegano che i cinque campioni che hanno superato questo limite consistevano in due campioni di caffè decaffeinato (6,20 e 9,30 mg / kg), due campioni di capsule di caffè contenenti caffeina (6,91 e 11,43 mg / kg), e una capsula di caffè decaffeinato (32.40 mg / kg).

'Un Rigoroso Controllo Del Cibo È Di Notevole Importanza'

Anche se la capsula caffè decaffeinato ha superato il limite di sei volte, i ricercatori dicono che i loro risultati "non sono allarmanti." Essi, tuttavia, suggeriscono una valutazione dei rischi sulla salute della popolazione che l'esposizione alle micotossine del caffè reca.

Commentando I Loro Risultati, Il Dr. Ferrer Dice:


"La mancanza di normativa sul caffè rispetto al resto delle micotossine che sono state rilevate, gli effetti tossici ed i valori di concentrazione ottenuti stanno rendendo necessario che venga prestata particolare attenzione a questi contaminanti presenti in un prodotto che viene consumato tanto. "

I ricercatori stanno attualmente esaminando la possibile riduzione o l'interazione di micotossine con componenti del caffè e altri prodotti alimentari, siccome non tutti agiscono allo stesso modo. Questa ricerca sta inoltre esaminando gli effetti delle diverse tecnologie per il trattamento del caffè, tra cui il tempo e la temperatura.

L'OMS dice che dato i flussi commerciali attuali, la micotossicosi che si contrae da cibo contaminato - sia localmente coltivati o importati - potrebbe verificarsi sia nei paesi in via di sviluppo che sviluppati.

"Sono quindi di notevole importanza, controlli più ristretti sugli alimenti e mangimi e opportune misure di sanità pubblica per ridurre i rischi per la salute umana e animale", l'OMS aggiunge.

Nonostante questi rischi per la salute connessi alle micotossine nel caffè, ci sono stati molti studi che confermano i benefici per la salute apportati dal caffè, tra cui un miglioramento della sopravvivenza per i pazienti affetti da cancro del colon e la riduzione del rischio di melanoma.

Riferimenti:

Simultaneous determination of mycotoxin in commercial coffee, Emilia Ferrer et al., Food Control, doi:10.1016/j.foodcont.2015.04.031, published November 2015, abstract.

Plataforma SINC news release, accessed 29 October 2015 via AlphaGalileo.

Additional source: FDA, Compliance program guidance manual, accessed 29 October 2015.

Additional source: WHO, Toxic effects of mycotoxins in humans, accessed 29 October 2015.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Quattro Fattori dello Stile di Vita Legati al Vivere più Sano e più a Lungo
28 Febbraio 2015

Quattro Fattori dello Stile di Vita Legati al Vivere più Sano e più a Lungo

Non fumare, mangiare in modo sano, allenarsi regolarmente, ed evitare l'alcol per avere sia un minor numero di problemi di salute cronici, ma anche per vivere più a lungo, secondo uno studio che conclude raccomandando di non trascurare di seguire questi quattro comportamenti sani che sono responsabili della gran parte delle malattia croniche e di morte legata a malattie croniche.

Gastrite e Ulcera, Cause Prevenzione e Rimedi
02 Ottobre 2014

Gastrite e Ulcera, Cause Prevenzione e Rimedi

Con la desinenza -ite si indica in genere l'infiammazione di un particolare organo. La gastrite è l'infiammazione della muscosa dello stomaco; una persona affetta da questo disturbo avverte forti dolori e bruciore allo stomaco, difficoltà a digerire il cibo e senso di gonfiore. La gastrite può essere causata da un eccesso di secrezione di succhi gastrici

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.