(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Combattere l'Emicrania con Metodi Naturali al 100%

data di redazione: 27 Novembre 2016
Come Combattere l'Emicrania con Metodi Naturali al 100%

L'emicrania è in sostanza una cefalea particolarmente intensa, che può durare ore o addirittura giorni. Tra i fattori scatenanti principali ci sono le intolleranze alimentari, la mancanza di sonno e l'assunzione di alcuni farmaci. Tensione emotiva stress non solo scatenano il disturbo ma ne intensificano il dolore. I sintomi comprendono:


  • un forte dolore, spesso localizzato a un solo lato del capo
  • ipersensibilità a luci e suoni
  • nausea
  • vomito

Chi soffre di questa patologia ha in genere il primo attacco durante l'adolescenza e comunque prima dei trent'anni, e sembra poi sparire in genere oltre i cinquanta, colpisce più le donne che gli uomini e tende ad essere ereditario.


COSA PROPONE LA MEDICINA UFFICIALE


In genere gli attacchi di emicrania si combattono con aspirina e paracetamolo, ma se questi non danno sollievo il medico prescrive un analgesico più forte o un farmaco vasocostrittore, come l'ergotamina, che agisce sui vasi che circondano il cervello. Per prevenirla invece sono usati betabloccanti e calciobloccanti, ma in alcuni casi l'assunzione di dosi quotidiane di aspirina riesce a ridurre la frequenza degli attacchi.
Dato che i fattori psicologici giocano quasi sempre un ruolo di primo piano nei casi di emicrania, alcuni medici suggeriscono la psicoterapia o tecniche mirate alla riduzione dello stress, per esempio il biofeedback.


LA PREVENZIONE


Dal momento che molti individui sono sensibili alla tiramina, un vasodilatatore naturale presente in dosi elevate in formaggi stagionati, fegato, banane, melanzane, cioccolato e lievito, sarebbe utile fare attenzione a ciò che si mangia per individuare qualche possibile collegamento dietetico con gli attacchi di emicrania.
La gestione dello stress è essenziale per evitare gli attacchi ricorrenti di emicrania, quindi, esercizio fisico regolare, ritmi di lavoro meno intensi e pratica di terapie o forme di rilessamento aiutano a limitarne le ricadute.


TERAPIE NATURALI


Ma non c'è solo la medicina ufficiale, possiamo contrastare l'emicrania anche per mezzo di numerose "terapie" della medicina naturale.

BIOFEEDBACK; Uno strumento di biofeedback consente di misurare la temperatura delle dita: la conoscenza delle sue variazioni, che indicano lo stato di maggiore o minore vasocostrizione, consente di percepire il sopraggiungere di un attacco di emicrania e quindi di riuscire a controllarlo.

DIGITOPRESSIONE; In caso di emicrania è utile trattare tre punti: uno sulla mano, uno sul collo e uno sul piede. Sulla mano la pressione deve essere esercitata nel punto alla confluenza fra pollice e indice. All'apice del collo premete verso l'alto nel punto appena al di sotto del cranio e a lato della colonna vertebrale. Sul piede la pressione va esercitata sullo spazio tra l'alluce e il secondo dito, in direzione del centro del piede.

CHIROPRATICA; Il chiropratico può ridurre le anomalie rilevabili a livello del collo, articolazioni toraciche e colonna vertebrale che abbiano contribuito a determinare il malessere.

OMEOPATIA; sono consigliati Sanguinaria per il dolore sul lato destro, Spigelia per quello sul lato sinistro. Altri rimedi comuni sono Iris Versicolor, nei casi in cui compaiono disturbi visivi prima del sopraggiungere del mal di testa e Natrum muriaticum nei casi in cui il dolore sia pulsante e si avverta una sensazione di bruciore, oppure quando l'emicrania sia annunciata da formicolii e intorpidimento del viso

VITAMINE E MINERALI; Sono consigliate integrazioni di Vitamina PP (niacina), che aiuta a conservare la dilatazione dei vasi sanguigni, del complesso vitaminico B, di vitamina C, di magnesio e di calcio.

RIFLESSOLOGIA; Il massaggio delle areee corrispondenti a testa, colonna vertebrale, occhi, seni frontali, ipofisi, tiroide e surrenali, fegato, apparato digerente e plesso solare è molto utile per ridurre il dolore.

NATUROPATIA; Abbiamo già indicato l'esercizio fisico come uno dei rimedi più utili, in quanto rilassa e scarica lo stress. Inoltre esercizi di allungamento dei muscoli del collo e delle spalle aiutano a ridurre la tensione che può provocare l'emicrania. Qualcuno trova opportuno andare a dormire ai primi sintomi o anche semplicemente stare in piedi in una stanza silenziosa, al buio.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti articoli di ABC Allenamento:

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Gli Effetti Dell’allenamento Sull'apparato Circolatorio
04 Marzo 2018

Gli Effetti Dell’allenamento Sull'apparato Circolatorio

Come Il Movimento Modifica In Maniera Positiva Cuore E Circolazione Sanguigna

Il movimento condiziona positivamente il nostro fisico, si sa. Ma quali sono gli effetti del nostro allenamento sul sistema circolatorio umano?

10 Rimedi naturali per l'artrite
18 Aprile 2015

10 Rimedi naturali per l'artrite

I prodotti che ti aiutano a contrastarla

Chi soffre di artrite sa bene cosa vuol dire: articolazioni irrigidite ed infiammazioni localizzate in diversi punti del corpo. Fortunatamente ci sono dei coadiuvanti naturali che ci possono aiutare a ridurre l’infiammazione senza per forza l’aiuto di medicine pesanti prescritte dal medico di base. Ci sono una serie di rimedi totalmente naturali per l'artrite  che gli esperti concordano sul fatto che possano realmente portare sollievo.

Ultimi post pubblicati

Bodybuilding: Come Nutrirsi Correttamente
22 Aprile 2019

Bodybuilding: Come Nutrirsi Correttamente

Il bodybuilding si distingue dal powerlifting e dal sollevamento olimpico in quanto il giudizio è sul fisico del concorrente, la forza, le performance non interessano i giudici o le vostre ammiratrici. Pertanto, i bodybuilder aspirano a sviluppare e mantenere un fisico ben bilanciato, armonico, magro e muscoloso.

Mandorle ed i suoi Derivati Per Il Nostro Benessere
22 Aprile 2019

Mandorle ed i suoi Derivati Per Il Nostro Benessere

Le mandorle contengono grassi monoinsaturi e alcuni grassi polinsaturi e quindi aiutano ad abbassare la lipoproteina a bassa densità (LDL) o il colesterolo cattivo, mantenendo al contempo lipoproteine ​​ad alta densità o livelli di colesterolo buoni.