ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come i tatuaggi possono rovinare i tuoi allenamenti

data di redazione: 03 Giugno 2017 - data modifica: 04 Giugno 2017
Come i tatuaggi possono rovinare i tuoi allenamenti

Troppo inchiostro potrebbe mettere a rischio il surriscaldamento globale del corpo

Quando ti fai un tatuaggio sulla pelle probabilmente ci penserai due volte, soprattuto sul disegno che ti farai applicare, soprattutto perché non potrai tornare indietro sulla tua scelta molto facilmente.

Dovresti però pensarci bene, anche sull'effetto che essi potrebbero avere sulla tua salute.

Dopotutto, 13 italiani su 100 hanno tatuaggi sulla pelle, quindi direi che è quasi normale averne almeno uno.

Tuttavia, un recente studio americano della medicina e della scienza dello Sport e dell’Esercizio Fisico comprova che gli atleti soprattutto dovrebbero prestare particolare attenzione ai potenziali pericoli che essi possono provocare sulla salute.

Quando i ricercatori hanno esaminato il tasso di sudore nella pelle tatuata ed in quella non, hanno scoperto che i tatuaggi bloccavano effettivamente la secrezione di sudore fino ad una misura del 50%.
Suona strano vero?

Come ben sappiamo la sudorazione è il sistema del nostro corpo per dissipare rapidamente il calore in eccesso.

È essenziale poter raffreddarlo efficacemente, soprattutto durante un allenamento.
Dal momento che l'inchiostro del tatuaggio viene iniettato direttamente sotto la pelle, alla stessa profondità delle ghiandole del sudore, questa cosa interferisce con la produzione di acqua per il raffreddamento della pelle.
La concentrazione di sodio nel sudore della pelle tatuata è anche risultata superiore a quella della pelle non tatuata.

Ciò probabilmente sta ad indicare che l'inchiostro effettivamente impedisce il naturale riassorbimento nel corpo. Non è ancora chiaro se questo possa portare ad una carenza nutrizionale, ma non è totalmente escluso.

Le buone notizie?

Non correrai nessun pericolo se hai uno o due disegni piccoli, perché la pelle non tatuata sarà in grado di compensare la piccola percentuale di quella tatuata.
Ma più inchiostro avrai, maggiore sarà il rischio che si verifichi un surriscaldamento della zona interessata.


Se hai grandi aree coperte di tatuaggi (come alcuni, il braccio intero), essere consapevole del rischio può aiutarti ad evitare il surriscaldamento.
Lo studio condotto a proposito di tatuaggi e sudore, ha utilizzato uno stimolo chimico per richiamare la sudorazione in una piccola porzione di pelle tatuata; in realtà non si è verificato un surriscaldamento, ma applicando lo stesso effetto su tutto il corpo (come durante un allenamento) potrebbero sorgere dei problemi.

Come rimediare a questi inconvenienti se si è altamente tatuati?

Prima di tutto per poter sudare si ha bisogno di liquidi a sufficienza, per cui per gli individui altamente tatuati questo diventa ancora più importante.

Quindi?

Bevi, bevi e ancora bevi. A piccoli sorsi e non tutto in una volta, devi iniziare l'allenamento ben idratato.
Indipendentemente dall'effetto che i tatuaggi possono avere sulle ghiandole del sudore, almeno avrai i fluidi disponibili, quindi se sei coperto copiosamente di inchiostro ricordati di idratarti prima, durante e dopo l'allenamento.
Questo anche per reintegrare il prezioso sodio.



Potrebbe interessarti anche

Grasso Addominale e Calo del Testosterone
01 Ottobre 2014

Grasso Addominale e Calo del Testosterone

A cura del Dr. Serena Missori

Uomo obeso e calo della libido sono un connubio che sarebbe opportuno evitare. Al di la dell'aspetto estetico, l'adipe addominale sottocutaneo e viscerale sembra essere il responsabile del declino ormonale precoce nel maschio. Fino a poco tempo fa si pensava che il grasso non fosse metabolicamente attivo mentre oggi sappiano che non è così ma che è un grande produttore di ormoni, citochine e molecole pro-aging.

diabete e cannella
01 Ottobre 2014

diabete e cannella

l'importanza della cannella nella dieta

Studi hanno rilevato come la cannella diminuirebbe il tasso di glicemia ematico (concentrazione di Glucosio nel sangue) e migliorerebbe l’azione dell’insulina, ormone pancreatico responsabile della degradazione del glucosio e della sua trasformazione in glicogeno.  

Ultimi post pubblicati

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo
07 Aprile 2021

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo

La routine di allenamento PHAT è stata progettata da Layne Norton bodybuilder e powerlifter. Il programma PHAT combina routine di bodybuilding e powerlifting in un unico programma di allenamento settimanale.