Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come si prende il raffreddore

data di redazione: 13 Luglio 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Come si prende il raffreddore

E' arrivato l'autunno freddo piogge e sono arrivati , purtroppo per noi fissati del fitness , i primi raffreddori. Ma come si prende il raffreddore?

 

Il contagio avviene dal malato o portatore sano per via aerea, attraverso lo starnuto , perché si emettono goccioline di saliva. Anche la stretta di mano con un soggetto ammalato può essere contagiosa.

 

Sicuramente si è più facilmente esposti al raffreddore quando ci troviamo in uno stato di salute non buono o in una condizione di debilitazione organica, perché queste situazioni comportano un deficit delle risposte immunitarie. Le persone che si allenano molto hanno questo pericolo.

 

Soggetti maggiormente esposti sono i bambini, soprattutto quelli che frequentano l’asilo o la scuola, perché non hanno ancora sviluppato una forte resistenza ai numerosi virus che causano il raffreddore e il virus si trasmette con facilità nell’ambiente scolastico.

 

Ci si ammala spesso di raffreddore per colpa del freddo, di una corrente d’aria o per la pioggia, a causa del fatto che l'aria fredda diminuisce le resistenze immunitarie della mucosa delle vie aeree. Un altro comune veicolo di infezione è l'essere a stretto contatto con persone raffreddate

 

Il raffreddore in genere dura dai 4 ai 7 giorni, In caso si presentino lievi complicazioni, queste possono durare per alcuni giorni.

 

Non esiste una prevenzione per questa malattia, perché né il vaccino, né gli antistaminici evitano l’insorgenza del raffreddore, Anche l’assunzione di vitamina C non sembra avere alcun valore preventivo. La cura più efficace è quella di osservare un giusto riposo fin dalla comparsa dei primi sintomi, cercando di isolarsi per evitare di contagiare troppe persone. Alcuni farmaci, tra cui gli antistaminici o l'acido acetilsalicilico, possono alleviare i sintomi più fastidiosi.

 

Non allenatevi troppo , fatevi la doccia calda subito dopo il workout, mangiate a sufficienza e riposate quando siete estremamente stanchi .

 

E nonostante ciò vi prenderete lo stesso qualche raffreddore . Pazienza!

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Dolori al Collo negli Sportivi
02 Ottobre 2014

Dolori al Collo negli Sportivi

Come agire a seguito di dolori persistenti al collo

Il dolore al collo è un disturbo comune in molti sportivi e non solo. I muscoli del collo possono essere tesi a seguito di traumi o lesioni a seguito di cadute o colpi durante gli allenamenti o anche da una cattiva postura, come ad esempio passare troppo tempo seduti a lavorare al computer. L'artrite, usura e lacerazioni delle articolazioni, sono alcune cause comuni di dolore al collo.

Calcio e vitamina D Potrebbero Non Prevenire le Fratture
01 Ottobre 2014

Calcio e vitamina D Potrebbero Non Prevenire le Fratture

Due studi fatti nel Regno Unito suggeriscono che il Calcio e la vitamina D non sono efficaci per la prevenzione delle fratture. Questi studi sono stati pubblicati sul British Medical Journal e The Lancet.

Ultimi post pubblicati

Più Massa Muscolare Con i Triset Olistici
28 Gennaio 2020

Più Massa Muscolare Con i Triset Olistici

In questo articolo vi proponiamo una scheda di allenamento che incorpora il principio dell'allenamento olistico con la tecnica del triset.

Fosfatidilserina
28 Gennaio 2020

Fosfatidilserina

La Fosfatidilserina è presente in molti cibi, uno dei più ricchi è la lecitina di soia.

La Fosfatidilserina riduce la sensazione di fatica e mantiene alta la concentrazione Mantiene elevati i livelli di testosterone durante i workout Riduce il Cortisolo nel sangue del 25%.