Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Consigli Alimentari per Conciliare e Migliorare la Qualità del Sonno

data di redazione: 05 Luglio 2017 - data modifica: 06 Luglio 2017
Consigli Alimentari per Conciliare e Migliorare la Qualità del Sonno

Il riposo inteso, come ore di sonno, è innegabilmente essenziale per chiunque: lo è per il pugile, lo è per il ciclista, lo è per il body-builder. Dormire dovrebbe essere un bel momento per tutti, ma molto spesso non è così; difficoltà a prendere sonno, ripetuti risvegli notturni, il sonnellino postprandiale troppo lungo, un sonno per varie ragioni non ristoratore, sono tutti casi che portano inevitabilmente ad essere stanchi durante l'arco della giornata e tanti altri aspetti negativi che ne conseguono e che ostacolano la vita sportiva dell'atleta.

Dormire male e poco può dipendere sia da cambiamenti fisiologici del nostro organismo, che portano ad una graduale diminuzione sia della continuità che della profondità del sonno, e sia da atteggiamenti e abitudini che influiscono sui nostri ritmi. Nella maggior parte dei casi comunque questi cambiamenti e queste problematiche sono causate da comportamenti alimentari sbagliati.

Da un punto di vista alimentare - dietetico i problemi legati al sonno dipendono principalmente da tre importanti fattori:

  • dai tempi di digestione dei nutrienti
  • dall'assunzione la sera di cibi o bevande con effetti eccitanti stimolanti
  • da bassi livelli di melatonina (ormone che promuove il sonno) e che con l'avanzare dell'età tende a diminuire; quindi favorendo il ciclo di melatonina ripristiniamo i ritmi circadiani

COME FAVORIRE IL SONNO

In linea generale a cena bisognerebbe dare maggiore rilevanza ai carboidrati, che favoriscono l'innesco e il mantenimento del sonno, piuttosto che alle proteine che hanno un tempo di digestione più lungo. Poi sarebbero da evitare pranzi ipercalorici, per ridurre la durata del pisolino pomeridiano. L'obiettivo è quello di ristabilire i ritmi circadiani che regolano numerose funzioni giornaliere tra cui il sonno e la veglia; in sostanza aumentando le ore di sonno notturno miglioriamo lo stato di veglia e di attenzione diurna, per cui, in prossimità del riposo notturno è bene limitare alimenti con azioni stimolanti ed eccitanti come il caffè, il cioccolato, ma anche altri alimenti come per esempio i prodotti affumicati, i crauti, le melanzane, la salsiccia e il formaggio stagionato.


EVITARE L'ALCOL



A parte il fatto che è un atteggiamento antisportivo è bene evitare di assumere il vino, la birra e comunque gli alcolici ed i superalcolici, come l'amaro, specialmente dopo cena. Non è come alcuni pensano, cioè che l'alcol favorisce il sonno, anzi è il contrario. L'effetto sedativo dell'alcol è infatti superficiale e molto rapido; l'alcol viene eliminato rapidamente dall'organismo ed il sistema nervoso centrale entra in uno stato di relativa ipereccitabilità, che insieme al carico di lavoro a cui è sottoposto il fegato per metabolizzarlo rende la notte insonne con numerosi risvegli notturni (aumentando anche la diuresi).

SEMAFORO VERDE PER ALCUNI ALIMENTI


Sono invece consigliati alcuni alimenti come:

  • riso
  • legumi
  • latte
  • uova
  • funghi
  • mandorle
  • noci
  • frutta secca
  • lattuga


Questi sono cibi ricchi di triptofano, un aminoacido precursore della
melatonina. Altre sostanze importanti che aiutano la produzione e
l'azione della melatonina sono lo zinco e il magnesio.
  • Lo zinco lo troviamo nei frutti di mare, nel fegato e nel latte; il magnesio si trova invece nella verdura a foglia verde, frutta secca, legumi, funghi, cereali e banane.

È bene ricordare però che questo è un minerale che si perde facilmente con i trattamenti che subiscono i cibi, è bene prediligere quindi cibi naturali e non trattati.

Seguendo questi consigli dietetici si può migliorare la qualità del sonno senza dover ricorrere a farmaci, spesso infatti ci si affida troppo facilmente all'uso di medicinali quali il benzodiazepine, rischiando oltretutto un calo di attenzione e di probabili cadute, per l'effetto miorilassante (di rilassamento muscolare).

LE TISANE


Piuttosto che ricorrere ai medicinali è bene quindi cambiare abitudini e mangiare diversamente. Per favorire il sonno notturno un validissimo aiuto lo possono offrire le tisane che vi elenchiamo qui di seguito.

  • Verbena: validissimo antistress
  • Maggiorana, che ha proprietà calmanti ed espettoranti ed è particolarmente indicata per combattere stress e insonnia
  • Valeriana, che è ricca di flavonoidi ed è utile contro ansia, insonnia e tachicardia
  • Camomilla, che ha effetti ipoglicemizzanti e proprietà sedative e calmanti
  • Passiflora, che come la camomilla ha un'azione sedativa e calmante
  • Tiglio, che ha proprietà rilassanti, spesso utilizzato come rimedio naturale contro l'insonnia.

INTEGRATORI UTILI?

Gli integratori naturali per l'insonnia, come la melatonina o la melissa e la passiflora, sono utili per regolare il ciclo sonno/veglia ed hanno proprietà sedative e rilassanti.

Sullo Store di ABC Allenamento potrai trovare:

ZMA

MELATONINA

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Che tipo di esercizio fisico può aumentare la memoria a lungo termine?
21 Ottobre 2014

Che tipo di esercizio fisico può aumentare la memoria a lungo termine?

Se pensate che per migliorare la vostra memoria si debba tutto all'allenamento del cervello e integratori come omega-3... allora non sapete tutto. Infatti, un nuovo studio condotto da ricercatori del Georgia Institute of Technology di Atlanta suggerisce che il lavoro in palestra, di soli circa 20 minuti, può migliorare la memoria a lungo termine.

Osteoporosi e prevenzione: quale attività fisica praticare
01 Ottobre 2014

Osteoporosi e prevenzione: quale attività fisica praticare

Quale tipo di sport, o attività è meglio dedicarsi per prevenire l'insorgere dell'osteoporosi?

Per prevenire questo tipo di patologia che colpisce soptrattutto le donne in età avanzata, è indicata la pratica costante di un'attività fisica aciclica dove il corpo è stimolato in maniera omogenea su tutti i distretti muscolari. La prevenzione deve iniziare da giovani, ecco perché

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.