(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Consumare Tè nero e Agrumi per Ridurre il Rischio di Cancro Ovarico

data di redazione: 20 Novembre 2014
Consumare Tè nero e Agrumi per Ridurre il Rischio di Cancro Ovarico

I benefici per la salute

Buone notizie per le donne che amano bere la loro tazza quotidiana di tè nero o succo d'arancia: un nuovo studio suggerisce che il consumo di alimenti contenenti flavonoli e flavanoni - sottoclassi di flavonoidi presenti nel tè e agrumi e succhi di frutta - è legato a una diminuzione del rischio di sviluppare il cancro ovarico epiteliale, la quinta causa di morte per cancro tra le donne.

 

Tè nero

 

Il nuovo studio ha scoperto che un maggior consumo di alimenti ricchi di flavonoidi - tra cui tè nero e agrumi - è legata ad un minor rischio di cancro ovarico epiteliale.

I ricercatori, della University of East Anglia (UEA) nel Regno Unito, hanno pubblicato i loro risultati sull'American Journal of Clinical Nutrition.

 

Secondo il team, il cancro ovarico colpisce oltre 6.500 donne nel Regno Unito e 20.000 donne negli Stati Uniti ogni anno, in Italia sono circa 5.000.

 

Il cancro ovarico epiteliale - la forma più comune della malattia - è dove il cancro inizia nello strato superficiale che copre l'ovaio.

 

Questo tipo di cancro "rimane un tumore maligno altamente letale," fanno notare i ricercatori, aggiungendo che sono stati stabiliti alcuni fattori di rischio modificabili.

 

Tuttavia, alcuni studi precedenti hanno suggerito che una dieta ricca di frutta e verdura può essere associato ad un minor rischio, ma studi successivi hanno prodotto risultati inconsistenti.

 

Le piante contengono flavonoidi che regolano le principali vie di segnalazione cellulare e regolano percorsi cancro-infiammatori, fa notare la squadra, il che suggerisce che i flavonoidi potrebbero essere i composti delle verdure che potrebbero ridurre il rischio di cancro ovarico.

 

I flavonoli sono flavonoidi - sono presenti nel tè, vino rosso, mele e uva - mentre i flavanoni, sempre flavonoidi - si trovano negli agrumi e succhi di frutta.

 

"Solo un paio di tazze di tè nero al giorno, sono collegate ad una riduzione del 31% del rischio di cancro ovarico

 

Per indagare ulteriormente il legame tra l'assunzione di flavonoidi e rischio di cancro ovarico, i ricercatori hanno studiato le abitudini alimentari di 171.940 donne di età compresa tra i 25-55 anni come parte dell'Nurses' Health Study and Nurses' Health Study II nel corso di 3 anni.

 

"Questo è il primo studio su larga scala che esamina se l'assunzione abituale di diversi flavonoidi può ridurre il rischio di cancro ovarico epiteliale", spiega l'autore Prof. Aedin Cassidy, del Norwich Medical School di UEA.

 

Per calcolare l'assunzione attraverso la dieta dei partecipanti, i ricercatori hanno analizzato questionari convalidati sul cibo e frequenza, che sono stati raccolti ogni 4 anni e hanno scoperto che le principali fonti alimentari di flavonoli erano il tè nero (31%), cipolle (20%) e le mele, mentre le principali fonti per flavanoni erano agrumi (36%; 27% da frutti arancioni) e succhi di frutta (63%; 54% di succo d'arancia).

 

Tra le persone di età compresa tra i 16-22 anni, i ricercatori hanno scoperto che ci sono stati un totale di 723 casi di cancro ovarico confermati da personale sanitario.

 

I risultati mostrano che i partecipanti che hanno avuto il più alto apporto di flavonoli e flavanone avevano un minor rischio di sviluppare il cancro ovarico epiteliale nei confronti di coloro che hanno avuto assunzioni più basse.

 

Commentando i loro risultati, il Prof Cassidy dice:

"La principale fonte di questi composti si trovano nel tè, agrumi e succhi di frutta, che sono facilmente incorporabili nella dieta, suggerendo che semplici cambiamenti di assunzione di cibo potrebbero avere un impatto sulla riduzione del rischio del cancro ovarico.

In particolare, solo un paio di tazze di tè nero ogni giorno è associato ad una riduzione del 31% del rischio. "

 

Limiti dello Studio

Alcuni punti di forza dello studio sono la sua grande dimensione del campione e le persone che lo hanno seguito a lungo termine, per le ripetute valutazioni di assunzione con la dieta e i dati dettagliati sulle ovaie e i fattori di rischio del cancro che son stati effettuati. Tuttavia, i ricercatori hanno individuato alcune limitazioni.

 

Ad esempio, le medie cumulative dei flavonoidi nella dieta, sono stati calcolati con diverse fonti di database sui nutrienti, sia USDA ma anche altri, quindi il contenuto di flavonoidi può variare negli alimenti, a seconda delle condizioni di crescita e di trasformazione.

 

Inoltre, mentre la squadra ha rettificato i possibili fattori confondenti legati al rischio di cancro ovarico, c'era ancora la possibilità di "confondimento residuo da fattori non misurati."

 

Questo è il primo studio per valutare le sei principali sottoclassi di flavonoidi in una dieta normale per vedere le cose in termini di rischio di cancro ovarico, ed è stato anche il primo studio per esaminare l'impatto dei polimeri e antociani.

 

Il team ha concluso che "maggiori assunzioni di flavonoli e flavanoni, così come il consumo di tè nero, può essere associato ad un minor rischio di cancro ovarico", ma aggiungono che ulteriori studi prospettici saranno necessari per confermare i risultati.

 

Riferimenti:
Intake of dietary flavonoids and risk of epithelial ovarian cancer, Aedín Cassidy, et al., American Journal of Clinical Nutrition, doi: 10.3945/​ajcn.114.088708, published October 2014, abstract.

UEA news release, accessed 28 October 2014.

Additional source: National Cancer Institute Ovarian cancer, accessed 28 October 2014.

Additional source: Cancer Research UK Types of ovarian cancer, accessed 28 October 2014.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

VIRUS ed Allenamento
01 Ottobre 2015

VIRUS ed Allenamento

Consigli per riconoscere i segnali ed evitare di ammalarsi nei periodi di allenamento intenso

Con l'arrivo dei primi freddi, a chi non è mai capitato di accusare i primi sintomi di un'influenza, oppure un raffreddore, un mal di testa o semplicemente un malessere generale ma di non stare così male da sospendere gli allenamenti?

Mali Di Stagione: Ci Possiamo Allenare Ugualmente?
04 Febbraio 2018

Mali Di Stagione: Ci Possiamo Allenare Ugualmente?

Il nostro corpo è una macchina perfetta, nonostante tutto, proprio a causa di questa infezione si ritrova a corto di energie, benché queste sono principalmente impegnate a contrastare il virus. In assenza di febbre e altri sintomi importanti quindi non è così sbagliato allenarsi lo stesso, ma sarebbe meglio evitare lavori troppo impegnativi e intensi, che a loro volta potrebbero peggiorare la situazione.

Ultimi post pubblicati

LEG RAISE GAMBE TESE ALTERNATE
18 Ottobre 2018

LEG RAISE GAMBE TESE ALTERNATE

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

LEG RAISE CON APERTURA GAMBE
18 Ottobre 2018

LEG RAISE CON APERTURA GAMBE

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.