Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Cosa e Quando Mangiare Per Dormire Bene

data di redazione: 04 Giugno 2018
Cosa e Quando Mangiare Per Dormire Bene

Cosa e Quando Mangiare Per Dormire Bene?

Sia il recupero energetico che psico-fisico degli atleti sono fortemente correlati ad un sonno regolare e ristoratore. 

Una cosa è se ogni tanto si fa una notte in bianco, un'altra quando il problema diventa più serio e continuativo. 

L'insonnia infatti può essere temporanea, frutto di eventi o situazioni stressanti, ma anche prolungata, frutto di stress cronico o di problemi psicologici ed emozionali più gravi. 

Tra le cause fisiche vi possono essere anche una cattiva digestione, asma, apnea e ipoglicemia.

Vi sono tuttavia anche cause molto più semplici che potremmo facilmente evitare, come cenare troppo tardi e andare a letto con lo stomaco pieno o bere molto a tarda sera, per poi doversi alzare nel bel mezzo della notte per andare al bagno.

L'insonne generalmente fatica a prendere sonno e si sveglia più volte durante la notte, ed a causa di questo sono comuni irrequitezza e incubi. 

Tutto ciò provoca sensazione di fiacchezza, irritabilità, offuscamento al momento del risveglio ed un'inevitabile vita sportiva compromessa.

Ma come possiamo evitare tutto questo?

Quando gli episodi di insonnia si fanno frequenti le terapie proposte, a meno che non si tratti di cause mediche specifiche, molto spesso prevedono consigli circa la dieta, il momento dei pasti e ovviamente raccomandano al paziente lo svolgimento di un'attività fisica regolare, con una frequenza di almeno quattro o cinque volte a settimana.

Quando e Cosa Dobbiamo Mangiare?

Siccome la digestione è un processo biochimico attivo, che richiede sforzi non indifferenti da parte dell'organismo, è importante sapere che in linea di massima è consigliato cenare almeno 3 ore prima di andare a dormire, questo per evitare che la digestione si ripercuota sulla qualità del sonno, incrementando la pressione sistolica, metabolismo basale, pulsazioni cardiache e ventilazione.

In più, una scelta oculata degli alimenti e del momento in cui consumarli possono infatti prevenire o alleviare il problema insonnia.

Vale la pena allora di essere a conoscenza di alcune cose:

  • Pane, pasta, patate e riso sono ricchi di carboidrati, che il nostro organismo brucia lentamente. 
  • Il pasto serale ricco di carboidrati e povero di proteine favorisce il sonno
  • Tacchino, fichi, banane, datteri, yogurt e tonno favoriscono il triptofano, sostanza che promuove il sonno; consumarli la sera aiuta a combattere l'insonnia
  • Carni magre e latte scremato forniscono vitamina B6, indispensabile perchè l'organismo sintetizzi la serotonina dal triptofano. 
  • La carenza di questa vitamina infatti è associata all'insonnia
  • Sgombro, salmone, sardine e altri pesci oleosi, nonché semi di lino e di zucca sono buone fonti di acidi grassi omega-3
  • Semi di girasole, di sesamo e di zucca forniscono gli acidi grassi omega-6. 
  • Secondo le ricerche questi hanno un effetto diretto sui nervi e sul cervello, e un effetto indiretto su prostaglandine, amminoacidi e interleuchine, sostanze che avviano il processo del sonno
  • Carni rosse, la parte scura del pollame, pesce, cereali arricchiti e ortaggi a foglia verde forniscono ferro. 
  • Vi sono elementi infatti che inducono a ritenere che la carenza di ferro possa essere causa di insonnia
  • La lattuga, in particolare quella selvatica, contiene lattucario, una sostanza dotata di effetto sedativo. 
  • Consumare lattuga nel corso del pasto serale può favorire il sonno
  • L'infuso di camomilla aiuta a calmare il sistema nervoso e, come ci hanno sempre detto i nostri genitori, predispone ad un buon sonno
  • La tintura di bassiflora e di luppolo, presi la sera possono dare beneficio, tenendo conto che i rimedi erboristici vanno assunti solo su consiglio di un esperto
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Esercizio Fisico Migliora le Funzioni Cerebrali nei Giovani Adulti
21 Gennaio 2015

Esercizio Fisico Migliora le Funzioni Cerebrali nei Giovani Adulti

L'esercizio fisico regolare migliora l'attività cerebrale nei giovani adulti, è quello che dice un nuovo studio. La conclusione è in contrasto con la credenza popolare che perché sono nel fiore e il picco delle loro capacità cognitive, i giovani cervelli adulti non beneficiano dell'esercizio fisico nello stesso modo in cui avviene nel cervello di quelli più anziani.

Osteoporosi e prevenzione: quale attività fisica praticare
01 Ottobre 2014

Osteoporosi e prevenzione: quale attività fisica praticare

Quale tipo di sport, o attività è meglio dedicarsi per prevenire l'insorgere dell'osteoporosi?

Per prevenire questo tipo di patologia che colpisce soptrattutto le donne in età avanzata, è indicata la pratica costante di un'attività fisica aciclica dove il corpo è stimolato in maniera omogenea su tutti i distretti muscolari. La prevenzione deve iniziare da giovani, ecco perché

Ultimi post pubblicati

Personal Trainer - Cavi a V
10 Novembre 2019

Personal Trainer - Cavi a V

DUAL ADJUSTABLE PULLEY

Questa macchina isotonica, conosciuta come DUAL ADJUSTABLE PULLEY FULL, grazie alla particolare forma a V, grazie alle carrucole mobili in altezza ed in tutte le direzioni, permette di effettuare una miriade di esercizi per il bodybuilding, fitness e funzionali.

Testosterone Lifestyle
02 Novembre 2019

Testosterone Lifestyle

Il testosterone alto, il principale ormone maschile, è un ottimo segno per la salute ed il benessere generale di una persona; ecco perché ci si domanda sempre come aumentarlo con l'allenamento, alimentazione, integrazione e lo stile di vita in generale.