(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Cosa Fare Subito Dopo Un Infortunio

data di redazione: 21 Ottobre 2017
Cosa Fare Subito Dopo Un Infortunio

https://www.abcallenamento.it/...

Davanti ad un infortunio, lieve o grave che sia bisogna intervenire subito, molte volte senza aspettare la fine dei giochi.

Cosa fare subito dopo un infortunio?

Se fai sport, è naturale andare incontro talvolta ad infortuni.

È l’inevitabile conseguenza quando si compete e si spinge il corpo oltre i suoi limiti.
E a volte, basta un semplice urto o un livido in una partita, in un allenamento, la spauracchio di tutti gli atleti è infortunarsi e fermarsi.


Come interpretiamo un infortunio?

Un infortunio serio ti tiene lontano dai tuoi allenamenti, dalla tua squadra e significa fare riabilitazione invece di migliorare.


Per infortuni gravi, non puoi fare al di fuori del processo di riabilitazione, oltre a seguire le prescrizioni del tuo medico. Le lesioni capitano, ed è meglio concentrarsi su come fare al meglio la riabilitazione in modo da poter tornare sul campo il più rapidamente possibile.
Parliamo però delle lesioni minori, quelle che sono solo sicuramente dolorose ma che potreste essere in grado di continuare a giocare (pensa una leggera contrattura, un dito che fa male per una botta, una caviglia leggermente slogata).
Queste lesioni possono essere spesso gestite autonomamente ed hanno un impatto minimo sulla tua prestazione se gestisci correttamente la tua riabilitazione.

LEGGI ANCHE: LIEVI INFORTUNI: POSSIAMO CONTINUARE AD ALLENARCI IN PALESTRA?


Ecco cinque suggerimenti per gestire correttamente una lesione sportiva:
1. Fare un'autovalutazione accurata
Quando ti trovi davanti ad una piccola lesione, un dolorino, la posizione e l'intensità della fitta definiscono in ultima analisi i tuoi passi successivi.


Senti un dolore lieve di circa 3 circa su una scala da 1 a 10?

Probabilmente poi occupartene dopo la partita, o il match. Se invece il dolore interessa un’area più vasta, come un gruppo muscolare più ampio e la fitta si sposta sul n. 5 della scala, ma potresti continuare con prestazioni minori, è meglio chiedere una sostituzione  o interrompere il match per non aggravare la situazione; e dedicarsi alla cura e alla riabilitazione.

Molti, ignorano i primi segnali e le conseguenze poi, sono molto peggiori di quelle che sarebbero state se si fossero fermate subito.

Tenete presente che l’adrenalina, i muscoli caldi, l’eccitazione della gara falsano molto la percezione del dolore.
2. Incarica il terapista adatto o un medico per controllare la lesione
Indipendentemente dal fatto che si abbia una piccola oppure una grave lesione, è necessario far controllare il danno da un medico.

Ti può consigliare se continuare o meno il gioco.
Se non c’è un dottore, chiedi al tuo allenatore, non fare da solo, non fidarti solo delle tue sensazioni.
3. Ricorda che in alcuni casi hai te il potere di decidere
Sei te che conosci il tuo corpo e come ti senti. Se hai male ed hai paura che sia qualcosa di serio,  non vergognarti di uscire dal gioco, la tua incolumità prima di tutto.

La mentalità di “ingoiare il rospo” è fallimentare.
Sicuramente potrai deludere qualcuno dal momento che abbandoni, ma probabilmente anche la tua squadra può disporre di un giocatore con facoltà fisiche migliori, perché tua ora non puoi esprimere tutto il potenziale.

LEGGI ANCHE: COME MANTENERE FORZA E MUSCOLI QUANDO SEI INFORTUNATO

4. Il primo passo verso la riabilitazione
Hai evitato il peggio, ed il dolore è piccolo, quindi puoi gestire da solo il piccolo infortunio, ora devi cercare il modo corretto per riabilitarlo.
Però anche in questo caso devi farti consigliare dallo specialista più adatto per sapere come farlo.
Sappiamo che questo non è sempre possibile o realistico, quindi ecco cosa puoi fare.
Segui questa scaletta:

  1. Proteggi l'infortunio
  2. Abbassa il carico di lavoro nella zona interessata
  3. Fai subito degli impacchi con il ghiaccio
  4. Comprimi e massaggia la zona interessata.


Si può quindi passare a curare la reale lesione e ripristinare la funzionalità,  che dipende sempre dalla posizione e dall’intensità del danno.
5. Non spingerti oltre
La nostra natura competitiva ci spinge a continuare nonostante ci sia un piccolo problema.
Ma a volte (anzi spesso), le lesioni richiedono riposo per riprendersi completamente.

Anche quelle apparentemente minori possono dare problemi grossi se non si interrompe immediatamente la pratica. È meglio perdersi metà della gara oggi che tre domani.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Alimenti Sicuri Contro il Bruciore di Stomaco o Reflusso
01 Ottobre 2014

Alimenti Sicuri Contro il Bruciore di Stomaco o Reflusso

Elenco dei cibi da evitare e quelli potenzialmente sicuri

Alimenti sicuri per chi soffre di bruciore di stomaco. Certi cibi possono aggravare i sintomi di bruciore di stomaco, quindi al momento di pianificare la vostra dieta contro il reflusso acido, è meglio limitare o evitare completamente questi alimenti e bevande che provocano bruciore di stomaco .

Una Maschera di cioccolato per una pelle più sana
26 Dicembre 2016

Una Maschera di cioccolato per una pelle più sana

Applicazioni di cioccolato per la pelle secca o irritata

Come il cioccolato può salvare la tua pelle! Ottimo da gustare, buon alleato per alzare l’umore ma scommettiamo che non lo avete mai considerato come un trattamento viso. Certo, avete letto bene… cioccolato per uso esterno, sì…

Ultimi post pubblicati

PLANK A CORPO LIBERO
19 Novembre 2018

PLANK A CORPO LIBERO

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Quadricipiti Sotto Tono Come Fare?
19 Novembre 2018

Quadricipiti Sotto Tono Come Fare?

Come utilizzare la tecnica del pre esaurimento per le cosce

Avete i quadricipiti sotto tono e volete portarli ad un livello superiore? Il personal trainer statunitense Mandus Buckle fa iniziare l'allenamento delle cosce, dei propri atleti, pre-esaurendo i muscoli posteriori, attraverso diversi esercizi di isolamento del bicipite femorale.