Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Crampi muscolari, sintomi e rimedi

data di redazione: 01 Settembre 2013 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Crampi muscolari, sintomi e rimedi

Quante volte vi è capitato di essere presi alla sprovvista da un crampo durante la vostra attività sportiva? Ecco le cause e i rimedi

Un crampo muscolare è dovuto dalla contrazione involontaria di un muscolo che risulta difficile da rilassare. 
I crampi muscolari sono estremamente comuni. Quasi tutti (una stima è di circa il 95%) hanno avuto un crampo nella loro vita.

I crampi sono causati principalmente da una insufficiente ossigenazione del muscolo, dal freddo, da carenza di sali minerali (ad esempio, mancanza di potassio, calcio, magnesio e sodio), da traumi fisici, oppure in conseguenza di uno sforzo prolungato o improvviso.

I crampi muscolari possono manifestarsi anche a causa di malattie neurodegenerative o come raro effetto collaterale dell'utilizzo di sostanze chimiche o farmaci come, ad esempio, gli agonisti beta-2 (salmeterolo e salbutamolo) usati per il trattamento dell'asma.


Quante volte vi siete svegliati nel mezzo della notte con un crampo muscolare? Oppure vi siete dovuti fermare durante un allenamento? Se siete come la maggior parte delle persone, probabilmente la vostra risposta è "". I Crampi muscolari, sono estremamente comuni e si verificano quando i muscoli involontariamente si contraggono e non si riesce a rilassarli. Anche se non si sa esattamente il motivo del perchè si sviluppano i crampi muscolari, ci sono alcuni metodi sperimentati per prevenirli e curarli.


"Il crampo può colpire qualsiasi muscolo che controlliamo", "i crampi possono coinvolgere tutto o parte di un muscolo, o più muscoli di un gruppo." I muscoli più noti per i crampi sono i polpacci, le cosce e l'arco del piede. Crampi alle mani, braccia, addome, e lungo la gabbia toracica sono anch'essi molto comuni.
Quando una persona viene colpita da un crampo muscolare, il muscolo col crampo risulta più duro al tatto e può anche mostrare segni visibili di spasmi. L'intensità dei crampi muscolari vanno da sensazione di contrazioni lievi a dolori lancinanti.


Purtroppo, i crampi possono verificarsi ovunque, in qualsiasi momento e a chiunque. Nessuno è immune. Sia giovani che anziani, persone molto attive o molto sedentarie, un crampo muscolare si può sviluppare facendo qualsiasi cosa. Tuttavia, i bambini, gli anziani, il sovrappeso, e gli atleti sono a maggior rischio di crampi muscolari.
Alcune cause comuni di crampi muscolari, secondo alcuni studiosi, sono insufficienti stretching prima di esercizio, esercizio al caldo e la stanchezza muscolare. Gli atleti stanchi e disidratati dall'allenamento (principalmente nella stagione estiva) sviluppano frequentemente crampi muscolari. Gli squilibri nei livelli di elettroliti nel sangue, come sodio, potassio, cloro, calcio e fosfato, possono contribuire a portare crampi muscolari.


La buona notizia è che i crampi muscolari di solito vanno via in pochi minuti e in genere non richiedono l'attenzione medica. Di solito è possibile trattare i crampi muscolari con misure di auto-cura.

 

Ecco alcuni metodi:

  • Smettere di fare l'attività che ha innescato il crampo.
  • Allungare delicatamente e massaggiare il muscolo colpito dal crampo, tenendolo in posizione allungata fino a quando il crampo si ferma.
  • Per un crampo al polpaccio, mettere il peso sulla punta del piede, piegare leggermente il ginocchio e spingere sulla punta. Se non si è in grado di stare in piedi, provare a tirare la parte superiore del piede del lato affetto verso la testa, mentre la gamba è in una posizione distesa. Questo aiuterà anche ad alleviare il crampo dietro la coscia (bicipite femorale).
  • Per il crampo alla coscia anteriore (quadricipite), utilizzare una sedia per reggersi e provare a tirare il piede del lato affetto verso il gluteo.
  •  Applicare qualcosa di caldo ai muscoli tesi e  del ghiaccio per dolori muscolari post-allenamento o gara.

 

Se i crampi sono gravi e accadono di frequente, rispondono poco ai trattamenti semplici, o non sono legati a cause evidenti come un intenso esercizio fisico, bisogna consultare un medico in quanto ci potrebbero essere problemi legati alla circolazione, nervi, metabolismo, ormoni, farmaci, o alla nutrizione.

 

Per prevenire i crampi muscolari, è consigliabile lavorare per ottenere una buona forma fisica generale. E' importante fare esercizi di flessibilità regolarmente per allungare i gruppi muscolari più inclini ai crampi prima e dopo l'allenamento e bere molti liquidi tenendosi sempre ben idratati. La quantità di liquidi esatta dipende anche dal cibo che si mangia, dal sesso, dal livello di attività, dal tempo, dalla vostra salute, dalla vostra età e da tutti i farmaci che si assumono. I fluidi aiutano i vostri muscoli a contrarsi, rilassarsi e a mantenere le cellule muscolari idratate e meno irritabili.


I crampi sono provocati dalla disidratazione?

 

Uno studio (Jung 2005) mostra l'utilità di una bevanda energetica e idratante bevuta durante lo sforzo muscolare soprattutto quando fa caldo. Dei giovani di sesso maschile hanno eseguito a più riprese un esercizio per i polpacci in un ambiente a 37°C al fine di provocare crampi. Rispetto al placebo, la bevanda ha consentito di raddoppiare il tempo di lavoro prima dell'insorgere del problema. Lo studio ha inoltre mostrato che il 69% degli sportivi presi in esame ha sofferto di crampi benché ben idratati, mentre il 46% dei soggetti disidratati non ha manifestato crampi. L'ipoidratazione o il deficit di elettroliti non sono necessariamente all'origine dei crampi. Però il protrarsi dei tempi di lavoro consentito dalla bevanda ha mostrato che si tratta ad ogni modo di fattori che contribuiscono alla comparsa di crampi.

Il sodio e i crampi muscolari

Un apporto ottimale di sodio può aiutare l'insorgere di crampi muscolari. Alcuni studi hanno dimostrato che reintegrando il sodio perso durante un allenamento in atleti di alto livello, hanno risolto il problema di crampi che insorgeva quando vi era una scarsa integrazione del sodio perso attraverso il sudore.

Creatina e crampi

La creatina viene spesso accusata di favorire l'insorgere di crampi. Alcuni studi dimostrano l'esatto contrario in atleti che hanno assunto creatina e sottoposti all'allenamento in ambienti caldi, ritardando l'effetto dei crampi rispetto a chi non la ha assunta. La creatina è nota per il suo effetto di idratazione intracellulare, quindi potrebbe aiutare contro i crampi.


Per ultimo, quando vi allenate, è meglio bere liquidi prima, durante e dopo l'attività.

Anche se un crampo muscolare è comune, è un vero e proprio dolore, quindi se pensate che i vostri crampi sono troppo frequenti e gravi per essere normali, è meglio consultare un medico per una più opportuna valutazione.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Caffè e Caffeina
11 Gennaio 2015

Caffè e Caffeina

Quanto se ne può bere in modo sicuro?

La questione sul caffè è molto controversa, a secondo di chi si chiede, si avrà una risposta o che è una bevanda meravigliosa o che è fa male, da dipendenza e che è meglio evitare. Dando uno sguardo a ciò che dice la scienza, sembra abbastanza chiaro che il caffè è stato ingiustamente demonizzato. Il caffè è in realtà una bevanda complessa, con centinaia di composti bioattivi. In realtà, è l' unica grande fonte di antiossidanti per molte persone.

Gli esercizi da evitare per il mal di schiena
02 Ottobre 2014

Gli esercizi da evitare per il mal di schiena

Con il mal di schiena non si può fare tutto: alcuni esercizi sarebbero da evitare perché potenzialmente dannosi per la salute della colonna vertebrale

L’inesperienza tecnica e la sedentarietà potrebbero essere le cause del mal di schiena, ma anche se l’approccio all’allenamento non dovesse avvenire in maniera graduale e senza la supervisione di un esperto.

Ultimi post pubblicati

La Guida Definitiva Per Scolpire i Tuoi Addominali
03 Giugno 2020

La Guida Definitiva Per Scolpire i Tuoi Addominali

Guida definitiva e risolutiva che vi darà una grossa mano per scolpire i vostri addominali. Nella guida avrete utili consigli su cosa mangiare, su quali esercizi scegliere ed effettuare, su quali integratori assumere, su come fare la doccia e altri piccoli suggerimenti utili.

Allenamento e Dieta Attuali di Mike Tyson
03 Giugno 2020

Allenamento e Dieta Attuali di Mike Tyson

A 53 anni suonati l'ex campione dei pesi massimi vuole rientrare a combattere (anche se solo per beneficenza): alla riscoperta di un eroe maledetto che non ha mai smesso di cercare sè stesso. Il grande ritorno pare sarà solo per beneficenza e solamente per una manciata di round. Anche l’avversario sembra ormai deciso: Evander Holyfield, il nemico di sempre.