(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

diabete e cannella

data di redazione: 19 Marzo 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
diabete e cannella

l'importanza della cannella nella dieta

Studi hanno rilevato come la cannella diminuirebbe il tasso di glicemia ematico (concentrazione di Glucosio nel sangue) e migliorerebbe l’azione dell’insulina, ormone pancreatico responsabile della degradazione del glucosio e della sua trasformazione in glicogeno.

 

Università danesi e svedesi stanno adesso approfondendo tali studi, cercando di capire e dimostrare un’eventuale azione positiva della spezia anche su colesterolo totale, colesterolo LDL (quello cattivo per intenderci) e sui trigliceridi. La sostanza contenuta nella cannella e responsabile di tali virtù benefiche sarebbe la cinnamaldeide,contenuta nella corteccia dei rami giovani e dotata di azione ipoglicemizzante e ipolipemizzante; mentre un altro composto, il metil-idrossi calcone avrebbe attività insulino-simile.

 

Vediamo adesso come si è arrivati a questi risultati: i ricercatori svedesi hanno notato una diminuzione dei tassi glicemici post-prandiali in volontari non diabetici, per aggiunta di un cucchiaino di cannella a una coppa di budino di riso. Un cucchiaino di cannella equivale a 6 grammi della spezia, che parevano comunque molti ai ricercatori; perciò si è cercato di vedere se si potevano ottenere gli stessi risultati con quantitativi minori: si è provato dapprima con 3 grammi e poi con solo 1 grammo.

 

La conclusione è stata che l’assunzione giornaliera di tre grammi è la dose giusta, in quanto non solo tende a diminuire la glicemia, ma provoca un aumento anche del peptide glucagone simile, un ormone gastrointestinale, che interviene nella regolazione dell’appetito. Sempre di origine svedese è un altro studio che conferma tali potenzialtà della cannella attraverso il seguente esperimento: si è associata la cannella all’alimentazione quotidiana di persone affette da diabete di tipo 2, cioè il diabete di origine alimentare e non genetica. Anche in questo caso l’utilizzo della pianta provocava sia diminuzione della glicemia, che diminuzione dei livelli di colesterolo nel sangue.

 

Dopo tutti questi studi e ricerche non dovrebbero perciò più esserci dubbi sulle virtù benefiche della spezia. 

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Consumare Tè nero e Agrumi per Ridurre il Rischio di Cancro Ovarico
20 Novembre 2014

Consumare Tè nero e Agrumi per Ridurre il Rischio di Cancro Ovarico

I benefici per la salute

Buone notizie per le donne che amano bere la loro tazza quotidiana di tè nero o succo d'arancia: un nuovo studio suggerisce che il consumo di alimenti contenenti flavonoli e flavanoni - sottoclassi di flavonoidi presenti nel tè e agrumi e succhi di frutta - è legato a una diminuzione del rischio di sviluppare il cancro ovarico epiteliale, la quinta causa di morte per cancro tra le donne.

Atleti Quarantenni: Come Affrontare il Calo della Prestazione Sportiva
08 Marzo 2017

Atleti Quarantenni: Come Affrontare il Calo della Prestazione Sportiva

Con il passare degli anni succede che le prestazioni calano, che i tempi di recupero si allungano, che gli infortuni si fanno più frequenti. Non possiamo ingannare l'età biologica, questo è sicuro.

Ultimi post pubblicati

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali
10 Dicembre 2018

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.

FLESSORI AVAMBRACCI CON BILANCIERE SEDUTI SU PANCA
09 Dicembre 2018

FLESSORI AVAMBRACCI CON BILANCIERE SEDUTI SU PANCA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.