Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

diabete e cannella

data di redazione: 19 Marzo 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
diabete e cannella

l'importanza della cannella nella dieta

Studi hanno rilevato come la cannella diminuirebbe il tasso di glicemia ematico (concentrazione di Glucosio nel sangue) e migliorerebbe l’azione dell’insulina, ormone pancreatico responsabile della degradazione del glucosio e della sua trasformazione in glicogeno.

 

Università danesi e svedesi stanno adesso approfondendo tali studi, cercando di capire e dimostrare un’eventuale azione positiva della spezia anche su colesterolo totale, colesterolo LDL (quello cattivo per intenderci) e sui trigliceridi. La sostanza contenuta nella cannella e responsabile di tali virtù benefiche sarebbe la cinnamaldeide,contenuta nella corteccia dei rami giovani e dotata di azione ipoglicemizzante e ipolipemizzante; mentre un altro composto, il metil-idrossi calcone avrebbe attività insulino-simile.

 

Vediamo adesso come si è arrivati a questi risultati: i ricercatori svedesi hanno notato una diminuzione dei tassi glicemici post-prandiali in volontari non diabetici, per aggiunta di un cucchiaino di cannella a una coppa di budino di riso. Un cucchiaino di cannella equivale a 6 grammi della spezia, che parevano comunque molti ai ricercatori; perciò si è cercato di vedere se si potevano ottenere gli stessi risultati con quantitativi minori: si è provato dapprima con 3 grammi e poi con solo 1 grammo.

 

La conclusione è stata che l’assunzione giornaliera di tre grammi è la dose giusta, in quanto non solo tende a diminuire la glicemia, ma provoca un aumento anche del peptide glucagone simile, un ormone gastrointestinale, che interviene nella regolazione dell’appetito. Sempre di origine svedese è un altro studio che conferma tali potenzialtà della cannella attraverso il seguente esperimento: si è associata la cannella all’alimentazione quotidiana di persone affette da diabete di tipo 2, cioè il diabete di origine alimentare e non genetica. Anche in questo caso l’utilizzo della pianta provocava sia diminuzione della glicemia, che diminuzione dei livelli di colesterolo nel sangue.

 

Dopo tutti questi studi e ricerche non dovrebbero perciò più esserci dubbi sulle virtù benefiche della spezia. 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Dieta Mediterranea e Sindrome Metabolica
03 Novembre 2014

Dieta Mediterranea e Sindrome Metabolica

Grazie anche a Noci e Olio d'oliva, può Invertire la sindrome metabolica

La sindrome metabolica può essere invertita seguendo una dieta mediterranea con olio extra vergine di oliva e di noci. Questo è quanto emerso da un nuovo studio. I ricercatori hanno scoperto che una dieta mediterranea integrata con noci o olio extravergine di oliva, ha invertito la sindrome metabolica nei pazienti ad alto rischio di malattia cardiovascolare.

I Migliori Esercizi Durante la Gravidanza
19 Marzo 2015

I Migliori Esercizi Durante la Gravidanza

Gli atteggiamenti e le credenze circa l'esercizio prenatale sono drasticamente cambiati negli ultimi 20 anni. La gravidanza non è più vista come un periodo per sedersi, guardare la TV e mangiare cioccolato.

Ultimi post pubblicati

Colazione: Sì o No?
10 Agosto 2020

Colazione: Sì o No?

La colazione è sempre stata considerata dai nutrizionisti un dogma imprescindibile, dove coloro che iniziavano la giornata con solo un caffè erano, per anni, considerati dei blasfemi. Ultimamente il recente successo delle tecniche di digiuno intermittente hanno minato questa certezza.