Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Dieta Mediterranea e Sindrome Metabolica

data di redazione: 03 Novembre 2014
Dieta Mediterranea e Sindrome Metabolica

Grazie anche a Noci e Olio d'oliva, può Invertire la sindrome metabolica

La sindrome metabolica può essere invertita seguendo una dieta mediterranea con olio extra vergine di oliva e di noci. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal.

 

Dieta mediterranea


I ricercatori hanno scoperto che una dieta mediterranea integrata con noci o olio extravergine di oliva, ha invertito la sindrome metabolica nei pazienti ad alto rischio di malattia cardiovascolare.

 

La sindrome metabolica è definita come uno dei fattori di rischio per le malattie cardiovascolari o il diabete . I fattori di rischio includono obesità “addominale”, colesterolo alto, pressione alta e  livelli alti di glucosio nel sangue.

 

La sindrome metabolica, è più comunemente causata dalla mancanza di attività fisica e fattori genetici come sovrappeso e obesità.

 

Per il loro studio, i ricercatori spagnoli hanno voluto indagare gli effetti metabolici di una dieta mediterranea . Si nota che "La dieta mediterranea è riconosciuta come una delle più sane abitudini alimentari".

 

Si tratta di un elevato consumo di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e frutta secca, ridotta assunzione di carne rossa, mangiare pesce e pollame, almeno due volte a settimana e sostituire il burro con grassi sani - come l'olio d'oliva.

 

La dieta mediterranea è stata associata a numerosi benefici per la salute. Nel 2013, uno studio ha sostenuto che la dieta può ridurre il rischio di infarto e ictus nei pazienti ad alto rischio, mentre uno studio più recente ha suggerito che i bambini che seguono una dieta mediterranea hanno il 15% in meno di probabilità di essere obesi .

 

La Dieta Mediterranea riduce l'obesità e i livelli di glucosio nel sangue

 

Il team di ricerca ha analizzato alcuni uomini e donne di età compresa tra 55-80 che erano ad alto rischio di malattie cardiovascolari. Nello studio di riferimento, il 64% dei partecipanti soffriva di sindrome metabolica.

 

Tutti gli individui erano una parte del processo PREDIMED - uno studio in corso che si propone di valutare gli effetti di una dieta mediterranea sulle malattie cardiovascolari.

 

I partecipanti sono stati randomizzati a seguire una delle tre diete: una dieta a basso contenuto di grassi, una dieta mediterranea integrata con noci o una dieta mediterranea integrata con olio extra vergine di oliva. Essi sono stati seguiti per una media di circa 5 anni.

 

I risultati dello studio hanno rivelato che i partecipanti che hanno seguito la dieta mediterranea integrata con noci e la dieta mediterranea integrata con olio extra vergine di oliva ha visto una riduzione dei livelli di glucosio nel sangue e dell'obesità addominale. Inoltre, il 28,2% dei partecipanti che hanno seguito la dieta mediterranea non ha soddisfatto i criteri per la sindrome metabolica, entro la fine dello studio.

 

I ricercatori sottolineano, tuttavia, che nessuno delle due diete mediterranee erano collegate all'insorgenza della sindrome metabolica, ma che invece potevano invertire tale condizione.

 

Commentando i loro risultati, i ricercatori hanno detto:

 

"Diete mediterranee integrate con olio d'oliva o noci, non sono state associate con una incidenza della sindrome metabolica rispetto ad una dieta povera di grassi, tuttavia, entrambe le diete sono state associate ad un significativo tasso di reversione della sindrome metabolica.

Tali diete possono essere utili nel ridurre l'obesità e l'iperglicemia in pazienti ad alto rischio di malattie cardiovascolari. "

 

I ricercatori hanno fatto notare che vi erano alcune limitazioni al loro studio. Essi sottolineano, per esempio, che, poiché i partecipanti allo studio, quelli con più ad alto rischio di malattie cardiovascolari erano persone anziane, i loro risultati non possono essere generalizzati a tutta la popolazione.

 

In conclusione
Quanto sopra riportato, indica che la dieta mediterranea è un ottimo modello alimentare da seguire, sia per l'uso di grassi salubri, che per la varietà di frutta, verdura, pesce pollame e carne rossa magra, a cui questa dieta fa riferimento.

 

Riferimenti:

Mediterranean diets and metabolic syndrome status in the PREDIMED randomized trial, Jordi Salas-Salvadó et al., published in the Canadian Medical Association Journal, 14 October 2014, abstract.

Canadian Medical Association news release, accessed 13 October 2014.

Additional source: American Heart Association, about metabolic syndrome, accessed 13 October 2014.

Additional source: Mayo Clinic, the Mediterranean diet, accessed 13 October 2014.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Il Caffè Fa Male?
04 Febbraio 2018

Il Caffè Fa Male?

Se i benefici a breve termine della caffeina sono certi ed ovvi, la ricerca scientifica ha ormai dimostrato che vanno ben oltre il tenerci svegli, infatti dovete sapete che chi assume caffè regolarmente senza abusarne, per una vita intera, appare più protetto da malattie degenerative come Alzheimer e Parkinson.

Donne, Sport e Giorni del Ciclo Mestruale
27 Ottobre 2015

Donne, Sport e Giorni del Ciclo Mestruale

È giusto fare attività sportiva durante i giorni del ciclo?

Durante il ciclo mestruale è sempre opportuno giustificarsi e non fare attività sportiva?

Ultimi post pubblicati

La Guida Definitiva Per Scolpire i Tuoi Addominali
03 Giugno 2020

La Guida Definitiva Per Scolpire i Tuoi Addominali

Guida definitiva e risolutiva che vi darà una grossa mano per scolpire i vostri addominali. Nella guida avrete utili consigli su cosa mangiare, su quali esercizi scegliere ed effettuare, su quali integratori assumere, su come fare la doccia e altri piccoli suggerimenti utili.

Allenamento e Dieta Attuali di Mike Tyson
03 Giugno 2020

Allenamento e Dieta Attuali di Mike Tyson

A 53 anni suonati l'ex campione dei pesi massimi vuole rientrare a combattere (anche se solo per beneficenza): alla riscoperta di un eroe maledetto che non ha mai smesso di cercare sè stesso. Il grande ritorno pare sarà solo per beneficenza e solamente per una manciata di round. Anche l’avversario sembra ormai deciso: Evander Holyfield, il nemico di sempre.